Crédit Agricole avverte del rallentamento della domanda di mutui in Francia

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il più grande erogatore di mutui ipotecari francese, Crédit Agricole, ha messo in guardia da un ulteriore rallentamento della domanda, respingendo le critiche secondo cui le banche si rifiutano di concedere prestiti ai potenziali acquirenti di case.

Le banche del paese sono state criticate all’inizio di quest’anno per aver rifiutato le richieste di mutuo, con gli intermediari che hanno affermato che le restrizioni sulla rapidità con cui i finanziatori possono trasferire tassi di interesse più elevati ai mutuatari li stavano scoraggiando dal concedere prestiti.

Xavier Musca, vicedirettore generale del Crédit Agricole, ha affermato che non vi è stato alcun “atteggiamento di rifiuto”, indicando invece un indebolimento della domanda.

Nella sola unità bancaria al dettaglio LCL di Crédit Agricole, i nuovi mutui immobiliari sono crollati del 51% nel terzo trimestre rispetto a un anno fa, in accelerazione rispetto al calo del 46% nel secondo trimestre.

“Il fatto che [house] i prezzi sono rimasti relativamente alti e il fatto che i tassi di interesse siano aumentati molto, insieme all’inflazione, hanno comportato un calo della domanda di nuovo credito”, ha affermato Musca. “In questo momento c’è più una tendenza al ribasso. Non ci sono segnali di ripresa [in demand].”

La cautela del Crédit Agricole, che detiene circa il 35% del mercato francese dei mutui ipotecari includendo le sue banche cooperative e LCL, fa eco a quella della rivale Société Générale.

L’importo dei nuovi mutui per la casa è sceso a 9,2 miliardi di euro a settembre, un calo del 7% rispetto a un mese prima e il livello più basso da gennaio 2016, secondo i dati della Banca di Francia mostrati la scorsa settimana.

See also  I regolatori aumentano la pressione sulle banche BaaS

Lo scivolone ha preoccupato il governo francese. Gli avvertimenti di economisti, promotori immobiliari e agenti sulla carenza di alloggi in Francia si sono moltiplicati negli ultimi mesi, poiché la domanda di nuove costruzioni diminuisce e le persone incapaci di acquistare si rivolgono a un mercato degli affitti già ristretto.

A ottobre, il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire ha dichiarato che il programma di aiuto per gli acquirenti alle prime armi a basso reddito, che avrebbe dovuto concludersi quest’anno, sarebbe stato esteso fino al 2027. Il governo sta inoltre allentando alcune condizioni per accedere ai sussidi statali. credito senza interessi su una parte di un mutuo, uno schema che costa allo Stato 800 milioni di euro all’anno.

Le Maire aveva anche segnalato potenziali cambiamenti per allentare le regole sui prestiti, come una soglia di mutuo fissata al 35% del reddito di una famiglia, anche se l’organismo per la stabilità finanziaria da lui presieduto aveva deciso a settembre di non perseguire questa opzione per ora.

Il principale concorrente di Crédit Agricole nel mercato dei mutui è BPCE, che è dietro marchi al dettaglio come Banque Populaire. BNP Paribas e Société Générale detengono meno del 10% del mercato, secondo i dati dell’autorità di vigilanza ACPR.

“La domanda di credito è stata davvero colpita in Francia”, ha detto la settimana scorsa il nuovo amministratore delegato di SocGen, Slawomir Krupa. “Possiamo discutere per sempre delle politiche bancarie. . . ma l’origine di questo fenomeno è una politica monetaria che è radicalmente cambiata”.

Il mese scorso la Banca Centrale Europea ha sospeso la sua recente serie di rialzi dei tassi di interesse volti a combattere l’inflazione. Gli intermediari ipotecari hanno affermato che le banche sono apparse più disposte a concedere prestiti negli ultimi mesi poiché è stato loro consentito di trasferire una parte maggiore dell’aumento dei tassi.

See also  SC nega lo sgravio IBC ai garanti personali

Conosciuto come la regola dell’usura, il limite massimo su quanto le banche francesi possono trasferire ha colpito i loro proventi da prestiti negli ultimi mesi. Mercoledì Crédit Agricole ha registrato ricavi e profitti trimestrali record per il suo veicolo quotato, ma in parte grazie alle sue attività bancarie al dettaglio italiane.

Musca ha affermato che il tasso medio al quale i suoi mutuatari sono stati in grado di ottenere mutui in Francia è attualmente compreso tra il 4 e il 5%, rispetto a una media dell’1,5% sui crediti passati presso LCL.

Un calo più marcato dei prezzi delle case francesi nei mesi a venire potrebbe indurre un maggior numero di acquirenti a tornare, poiché anche l’inflazione si allenterà, hanno detto banchieri e broker.

“Il potere d’acquisto è sotto pressione, ma dovrebbe aumentare nuovamente l’anno prossimo”, ha detto Musca.

Leave a Comment