Gisele Bündchen: “Prima sopravvivevo di più, ora vivo”

La penisola di Nicoya, sulla costa del Costa Rica, non è il luogo più facile da raggiungere. Ospita una città meravigliosamente caotica chiamata Santa Theresa, piena di espatriati e surfisti di livello mondiale. Ecco, essere lontani da tutto è proprio il punto, soprattutto per la persona che ha invitato qui “Sunday Morning”: Gisele Bündchen.

Questa è la sua casa lontano da casa: il luogo perfetto, dice, in cui questa top model può trovare rinnovamento. “Sono in un posto diverso nella mia vita”, ha detto. “Sono in grado di scegliere più di ciò che voglio. Penso che prima sopravvivevo di più, e ora vivo, il che è diverso.”

lee-e-gisele-02.jpg
La top model Gisele Bündchen, con il corrispondente Lee Cowan, in Costa Rica.

Notizie della CBS


A 43 anni, la madre di due figli ha ancora uno dei look più ricercati del settore. Detto questo, si è in gran parte ritirata dalle passerelle, non perché dovesse farlo, ma perché, dice, è giunto il momento di mostrare al mondo ciò che a tutti quegli stilisti e fotografi è mancato: il suo vero sé.

“Non stavano assumendo Gisele; non mi conoscevano nemmeno”, ha detto. “A loro piaceva semplicemente il mio aspetto e gli piaceva il modo in cui il mio corpo appariva nei vestiti, immagino. L’ho fatto. Lo capisco. E ora posso essere me stesso.”

Ciò che “io” è, dice, non è la personalità amante dei riflettori che potresti pensare. “Sono un Cancro”, ha detto. “Sono un piccolo granchio. Mi piace la mia piccola casa. Conosci il granchio; ha un piccolo guscio. Le piace entrare nel suo guscio e sentirsi al sicuro, questo sono io.”

“Ma essere un introverso e poi diventare una top model sembra completamente opposto”, ha detto Cowan.

“Ma l’avevo fatto suo. Suo. Lei mi ha salvato.”

“Lei” è il modo in cui si riferisce all’affascinante camaleonte che la fissa da decenni su cartelloni pubblicitari e copertine di riviste.

Perché? “Per tanti motivi. Era anche più facile affrontare le critiche in quel modo. Sai, Dobbiamo cambiare i capelli. La sua non funziona. Dobbiamo cambiare il trucco o i vestiti. Tutto è terribile. E poi se sei giovane e stai pensando, Io sono terribilePiace Sto facendo qualcosa di sbagliato…”

“Ma non riesco a immaginare, però, quando avevi 14 anni e la gente parlava dei tuoi occhi troppo vicini o del tuo naso troppo grande?”

“Ho ancora lo stesso naso e gli stessi occhi. Lo terrò!” Bündchen rise.

“Giusto, ma è difficile da sentire a qualsiasi età. Ma se avessi 13 o 14 anni…”

“Ecco perché il ‘lei’ era molto importante.”

Era una facciata che la proteggeva dal lato spesso brutale del mondo della moda, permettendole anche di prosperare in esso. La sua lunga lista di contratti redditizi l’ha resa una delle modelle più pagate al mondo. Sembrava che avesse talento anche per il lato commerciale dello spettacolo.

Louis Vuitton: Sfilata - Settimana della moda di Parigi - Prêt-à-porter Primavera/Estate 1999
Gisele Bündchen sfila sulla passerella di Louis Vuitton nell’ambito della settimana della moda di Parigi nel 1998.

Victor VIRGILE/Gamma-Rapho tramite Getty Images


Ma era tra lo sfarzo e il glamour – le rare volte in cui era sola – che a volte desiderava non essere mai stata scoperta. “Tutti mi guardavano da fuori e pensavano che avessi tutto, giusto?” Ha detto Bündchen. “E mi sentivo come se stessi vivendo questa vita che era proprio, come…”

Ucciderti? “Esattamente. Sai, bevevo frappuccini al caffè a colazione con tre sigarette; bevevo una bottiglia di vino la sera per calmarmi dopo tutto il caffè che stavo bevendo. Non dormivo, non viaggiavo e non lavoravo. Tipo, praticamente ho bruciato le mie ghiandole surrenali e il mio sistema nervoso non ce la faceva più. Mi sentivo in colpa, sentivo di non poterlo dire alla gente perché mi guardavano e dicevano: Ha tutto. Cioè, non capirebbero nemmeno.”

Cowan ha chiesto: “Come ha iniziato a presentarsi l’ansia?”

“Sai, ero nei tunnel; non riuscivo a respirare”, ha detto Bündchen. “E poi, ho iniziato a stare negli studi, e mi sentivo, come, soffocare. Vivevo al nono piano, e dovevo salire le scale perché avevo paura di rimanere bloccata nell’ascensore, e di essere iperventilazione. Perché sai, quando non riesci a respirare anche con le finestre aperte, ti senti come, Non voglio vivere cosìsai cosa voglio dire?”

“Hai davvero pensato di saltare?”

“Sì. Per, tipo, un secondo, perché sei tipo, Non posso…!

Non si è buttata – Bündchen ha invece detto di aver interrotto tutto in un solo giorno, una disintossicazione completa – niente caffeina, niente zucchero, quasi niente alcol – e ha iniziato un nuovo rituale mattutino: la meditazione. “Mi sveglio alle cinque. Sì, mi piace svegliarmi presto, mi piace salutare il sole. Sai, a volte sei stanco e dici: Ok, vado a dormire un po’ma sento la differenza quando lo faccio.”

Qualche anno dopo, quando incontrò la superstar della NFL Tom Brady, disse che era una persona diversa: felice e in salute, e cercava di concentrarsi meno sulla carriera da modella e più sulla maternità.

Quando le è stato chiesto se le mancano i riflettori, ha risposto: “Niente affatto. Ero lì per portare i miei figli a scuola ogni giorno e preparare loro la colazione ogni mattina e stare con loro. Che regalo! Crescono così in fretta. E è così. Ti svegli e dici: Quello che è successo?

Bündchen e Brady ora condividono la custodia di quei bambini. Dopo 16 anni insieme, il loro divorzio era pubblica quanto la loro carriera – dolorosa per tutti, dice. E ancora…

“Guardo nella mia vita e non lo farei in nessun altro modo”, ha detto. “Non avrei avuto nessun’altra vita. Non l’avrei fatto. Se dicessero, puoi cambiare qualcosa nella tua vita? Non cambierei assolutamente nulla.”

“Nemmeno divorziare?

“Voglio dire, non è quello che sognavo e quello che speravo”, ha detto Bündchen. “I miei genitori sono sposati da 50 anni e volevo davvero che ciò accadesse. Ma penso che tu debba accettare, sai, a volte il modo in cui sei quando hai vent’anni, a volte cresci insieme, a volte ti allontani. È il padre dei miei figli, quindi gli auguro sempre il meglio, e sono così grato che mi abbia dato dei bambini meravigliosi, e penso, sai, quando una porta si chiude, altre porte si aprono.”

gisele-bunchen-intervista-a.jpg
Gisele Bündchen.

Notizie della CBS


Una di quelle porte si apriva su un campo fiorito di echinacea, presso Gaia Herbs Farms, annidata tra le montagne Blue Ridge nella Carolina del Nord occidentale. Da quasi 40 anni coltiva in modo organico un gran numero di erbe salutari da trasformare in integratori.

Mostrando a Cowan la fattoria ha detto: “La natura è il mio posto felice. Ogni volta che sono nella natura, sono felice”.

Per Bündchen, è tanto un marchio quanto uno stile di vita: “È così che tratto i miei figli. Sai, useremmo lo sciroppo di sambuco, che è un enorme, straordinario potenziatore immunitario, e io e i miei figli lo adoriamo”.

“I vostri figli sono d’accordo con tutto questo?

“Mi stai prendendo in giro? I miei figli lo prendono da quando sono nati. Dicono: ‘Mamma, voglio mangiare questo cibo.’ Io dico, ‘Beh, se puoi dirmi di cosa si tratta, allora puoi farlo.'”

Ha appena accettato di diventare “ambasciatrice del benessere” di Gaia Herbs, un ruolo che secondo lei riguarda meno gli affari e più l’insegnamento di quella che lei chiama la saggezza delle piante.

“Ci sono diverse erbe che potrebbero avere un impatto maggiore sul tuo sistema rispetto ad altre”, ha detto. “Quindi, devi, in un certo senso, sperimentare. Questo è quello che ho fatto. Ad esempio, ho preso rimedi erboristici praticamente per tutta la mia vita.”

gaia-erbe.jpg
Gisele Bündchen con il corrispondente Lee Cowan alla Gaia Herbs Farm nella Carolina del Nord.

Notizie della CBS


È cresciuta in una cittadina rurale nel sud del Brasile, dove la sua defunta nonna aveva un orto tutto suo. Bündchen ricorda con affetto che ciò che sua nonna ne raccoglieva sembrava in grado di curare quasi ogni disturbo. “Era magica per me, perché poteva aggiustare qualsiasi cosa”, ha detto. “Poteva piantare qualsiasi cosa. Poteva far crescere qualsiasi cosa. Poteva guarire qualsiasi cosa. Era semplicemente fantastica, vero?… Era così speciale.”

Bündchen si è emozionata parlando di sua nonna. È emozionante, dice, perché dopo aver girato il mondo, ora si rende conto che la sua destinazione finale potrebbe essere sempre stata casa. “Sono una ragazza di provincia. Sai, puoi portare la ragazza fuori dalla piccola città, ma non la piccola città fuori dalla ragazza.”

Come modella Gisele Bündchen si definiva una “attrice muta”. Spera che il silenzio non ci sia più. “Penso solo che ora mi sto permettendo di uscire allo scoperto come Giselle invece che come ‘lei'”, ha detto. “Non devo interpretare un personaggio. Posso essere me stesso. E questo è liberatorio.”


Per maggiori informazioni:


Storia prodotta da Sara Kugel. Redattore: Lauren Barnello.

See also  World Travel Market Londra: i leader del settore parlano di turismo verde, conservazione e "vacanze lente"

Leave a Comment