Mercato azionario oggi: le azioni mondiali crollano dopo il ritorno del mercato obbligazionario a Wall Street

HONG KONG (AP) – Le azioni mondiali sono crollate venerdì dopo che l’aumento dei rendimenti del mercato obbligazionario ha pesato ancora una volta su Wall Street dopo una tregua dai grandi movimenti del mercato.

Il DAX tedesco ha perso lo 0,5% a 15.271,76 e il CAC 40 di Parigi ha perso lo 0,7% a 7.066,30. Il FTSE 100 britannico è sceso dello 0,8%, a 7.396,25. Il future dell’S&P 500 ha guadagnato lo 0,2% e quello del Dow Jones Industrial Average dello 0,3%.

La presidente della Banca europea Christine Lagarde e il capo della Bundesbank tedesca avrebbero dovuto parlare più tardi venerdì per aggiornare la probabile direzione della politica monetaria dell’UE dopo la crisi. La BCE ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento è rimasto invariato alla fine del mese scorso dopo 10 aumenti consecutivi seguiti da un ampio calo inflazione al 4,3%.

Negli scambi asiatici, l’Hang Seng di Hong Kong è sceso dell’1,8% a 17.203,26 e l’indice Shanghai Composite è scivolato dello 0,5% a 3.038,97.

Un’azienda di servizi finanziari di La più grande banca cinese, la ICBC, ha dichiarato di essere stato colpito questa settimana da un attacco ransomware che, secondo quanto riferito, ha interrotto le negoziazioni nel mercato dei titoli del Tesoro statunitense.

La Industrial and Commercial Bank of China Financial Services, con sede a New York, gestisce operazioni commerciali e altri servizi per le istituzioni finanziarie. Ha affermato di aver isolato i sistemi interessati e che le operazioni erano state liquidate entro giovedì. Non era chiaro quale impatto avesse avuto l’attacco sul commercio del mercato del Tesoro.

L’indice S&P/ASX 200 australiano è sceso dello 0,6% a 6.976,50. L’indice Nikkei 225 di Tokyo è sceso dello 0,2% a 32.568,11. Il Taiex di Taiwan ha perso lo 0,4% e il SET di Bangkok ha perso lo 0,5%.

See also  Caso dei documenti riservati di Donald Trump e conflitti legali: NPR

Giovedì, una delle serie vincenti più lunghe di Wall Street degli ultimi vent’anni si è conclusa con l’indice S&P 500 che è crollato dello 0,8%. Gli industriali Dow sono scesi dello 0,6% e il Nasdaq composito ha perso lo 0,9%.

Giovedì scorso i titoli azionari erano in rialzo, con l’S&P 500 che si prevede raggiungerà la serie di vittorie più lunga degli ultimi 19 anni. Ma ha rapidamente ceduto quando i rendimenti del Tesoro sono aumentati a seguito di un rapporto che suggeriva il mercato del lavoro statunitense rimane straordinariamente solido. È salito ulteriormente quando il governo degli Stati Uniti ha annunciato i risultati di una vendita di 24 miliardi di dollari in titoli del Tesoro e ha registrato un ulteriore rialzo dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha detto che la Fed “non esiterà” ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse se ritiene che l’inflazione elevata non sia completamente sotto controllo.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni era al 4,61% all’inizio di venerdì dal 4,50% di mercoledì sera.

Tassi e rendimenti elevati sono stati per mesi il principale motore del mercato azionario perché danneggiano i prezzi degli investimenti, rallentano l’economia e aumentano la pressione sul sistema finanziario.

Un rapido aumento del rendimento a 10 anni, iniziato l’estate precedente, ha fatto crollare l’S&P 500 del 10% rispetto al suo picco dell’anno. Il rendimento ha superato brevemente il 5% per raggiungere il livello più alto dal 2007, raggiungendo il tasso di interesse principale della Federal Reserve, che è superiore al 5,25% e al suo livello più alto dal 2001.

See also  Il principale gruppo musulmano statunitense annulla il banchetto in Virginia per bombe e minacce di morte: NPR

Nel mercato petrolifero, i prezzi del greggio hanno recuperato parte delle forti perdite subite all’inizio della settimana.

Un barile di greggio statunitense di riferimento ha aggiunto 56 centesimi a 76,30 dollari nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Giovedì è aumentato di 41 centesimi per attestarsi a 75,74 dollari al barile. Il greggio Brent, lo standard internazionale, ha guadagnato 67 centesimi a 80,68 dollari al barile.

Il dollaro americano è salito a 151,41 yen giapponesi da 151,34 yen. L’euro è salito a $ 1,0674 da $ 1,0666.

Leave a Comment