Aerei da guerra turchi attaccano presunti obiettivi militanti curdi in Iraq dopo l’attentato suicida di Ankara

Aerei da guerra turchi hanno effettuato domenica attacchi aerei su presunti obiettivi militanti curdi nel nord dell’Iraq a seguito di un attacco suicida contro un edificio governativo nella capitale turca, ha annunciato il ministero della Difesa turco.

Circa 20 obiettivi del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, o PKK, sono stati “distrutti” nell’ultima operazione aerea, comprese grotte, rifugi e depositi, ha detto il ministero, aggiungendo che un gran numero di agenti del PKK sono stati “neutralizzati” negli attacchi.

Domenica scorsa, un attentatore suicida ha fatto esplodere un ordigno esplosivo vicino all’ingresso del Ministero degli Interni, ferendo due agenti di polizia. Un secondo aggressore è stato ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia.

Il PKK, che ha basi nel nord dell’Iraq, ha rivendicato l’attentato suicida, secondo un’agenzia di stampa vicina al gruppo ribelle. Anche il ministero dell’Interno turco ha identificato uno degli aggressori come membro del gruppo fuorilegge. Gli sforzi per identificare il secondo aggressore sono ancora in corso.

L’attacco è avvenuto poche ore prima che il Parlamento turco riaprisse dopo la pausa estiva di tre mesi con un discorso del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Membri delle forze speciali della polizia turca mettono in sicurezza l'area vicino al ministero dell'Interno in seguito a un attentato ad Ankara, in Turchia, il 1° ottobre 2023.
Membri delle forze speciali della polizia turca mettono in sicurezza l’area vicino al ministero dell’Interno in seguito a un attentato ad Ankara, in Turchia, il 1° ottobre 2023.

ADEM ALTAN/AFP tramite Getty Images


I due aggressori sono arrivati ​​sul posto a bordo di un veicolo commerciale leggero, sequestrato a un veterinario nella provincia centrale di Kayseri, secondo il ministero degli Interni. Il quotidiano filogovernativo Sabah ha riferito che hanno sparato all’uomo alla testa e hanno gettato il suo corpo in un fosso sul ciglio della strada. Hanno poi portato il veicolo ad Ankara, a circa 200 miglia di distanza.

“I nostri eroici agenti di polizia, attraverso la loro intuizione, hanno resistito ai terroristi non appena sono scesi dal veicolo”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Interni Ali Yerlikaya. “Uno di loro si è fatto esplodere, mentre l’altro è stato colpito alla testa prima ancora che avesse la possibilità di farsi esplodere.”

“La nostra lotta contro il terrorismo, i suoi collaboratori, gli spacciatori, le bande e le organizzazioni criminali organizzate continuerà con determinazione”, ha affermato.

La polizia ha trovato sulla scena esplosivi al plastico, bombe a mano e un lanciarazzi, si legge in una nota del ministero.

Erdogan ha tenuto il suo discorso in Parlamento come previsto e ha definito l’attacco “l’ultima resistenza del terrorismo”.

“I furfanti che hanno preso di mira la pace e la sicurezza dei cittadini non sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi e non lo faranno mai”, ha detto.

Il presidente ha ribadito l’obiettivo del suo governo di creare una zona sicura di 20 miglia lungo il confine tra Turchia e Siria per proteggere il suo confine meridionale dagli attacchi.

La Turchia ha condotto numerose offensive transfrontaliere contro il PKK nel nord dell’Iraq. Dal 2016 ha inoltre lanciato incursioni nel nord della Siria per scacciare il gruppo dello Stato Islamico e un gruppo di miliziani curdi, noto con le iniziali YPG, e controlla aree di territorio nell’area.

La Turchia vede l’YPG come un’estensione del PKK, considerato un gruppo terroristico da Turchia, Stati Uniti e Unione Europea. Il PKK ha condotto un’insurrezione contro la Turchia dal 1984. Decine di migliaia di persone sono morte nel conflitto.

Il veicolo commerciale utilizzato dai due aggressori nei pressi del Ministero dell'Interno ad Ankara, il 1° ottobre 2023, a seguito di un attentato che lasciò feriti due agenti di polizia.
Il veicolo commerciale utilizzato dai due aggressori nei pressi del Ministero dell’Interno ad Ankara, il 1° ottobre 2023, a seguito di un attentato che lasciò feriti due agenti di polizia.

ADEM ALTAN/AFP tramite Getty Images


L’anno scorso, l’esplosione di una bomba in una vivace strada pedonale di Istanbul ha provocato la morte di sei persone, tra cui due bambini. Più di altri 80 sono rimasti feriti. La Turchia ha attribuito l’attacco al PKK e alle YPG.

Le riprese delle telecamere di sicurezza di domenica hanno mostrato che il veicolo si fermava davanti al ministero, con un uomo che ne usciva e correva verso l’ingresso dell’edificio prima di farsi esplodere. Si vede un secondo uomo che lo segue.

In precedenza, riprese televisive mostravano artificieri che lavoravano vicino a un veicolo nell’area, che si trova vicino alla Grande Assemblea Nazionale turca e ad altri edifici governativi. Vicino al veicolo si poteva vedere un lanciarazzi.

Le autorità turche hanno successivamente imposto un oscuramento temporaneo delle immagini della scena.

Il ministro della Giustizia Yilmaz Tunc ha detto che è stata avviata un’indagine sull'”attacco terroristico”.

“Questi attacchi non ostacoleranno in alcun modo la lotta della Turchia contro il terrorismo”, ha scritto su X. “La nostra lotta contro il terrorismo continuerà con maggiore determinazione”.

La polizia ha isolato l’accesso al centro della città e ha rafforzato le misure di sicurezza, avvertendo i cittadini che avrebbero effettuato esplosioni controllate di pacchi sospetti.

I due agenti di polizia erano ricoverati in ospedale e non erano in condizioni gravi, ha detto Yerlikaya.

L’Egitto, che ha normalizzato i rapporti con la Turchia dopo un decennio di tensioni, ha condannato l’attacco. Una concisa dichiarazione del Ministero degli Esteri ha offerto la solidarietà dell’Egitto alla Turchia.

Anche l’ambasciata americana ad Ankara e altre missioni straniere hanno diffuso messaggi di condanna dell’attacco.

Erdogan nel suo discorso non ha fornito alcuna indicazione su quando il parlamento turco potrebbe ratificare l’adesione della Svezia alla NATO.

Stoccolma ha presentato domanda di adesione alla NATO insieme alla Finlandia in seguito all’invasione russa dell’Ucraina lo scorso anno. Mentre la Finlandia ha aderito, la Turchia ha bloccato l’adesione della Svezia all’alleanza militare, accusandola di non aver fatto abbastanza per impedire a gruppi come il PKK di operare sul suo territorio. In un messaggio su X, il primo ministro svedese Ulf Kristersson ha affermato che Stoccolma “condanna fermamente l’attacco terroristico di oggi ad Ankara”.

“Riaffermiamo il nostro impegno per una cooperazione a lungo termine con la Turchia nella lotta al terrorismo e desideriamo un rapido e completo recupero dei feriti”, ha scritto, usando l’ortografia preferita dal governo turco per definire il paese.

See also  Il cash di Buffett raggiunge la cifra record di 157 miliardi di dollari in mezzo a scarsi affari

Leave a Comment