Blinken cerca di contenere la guerra tra Israele e Hamas; incontra i leader del Medio Oriente in Giordania

Amman— Leader arabi denunciano la morte di migliaia di civili palestinesi nella guerra Israele-Hamas ha spinto per un cessate il fuoco immediato anche se il segretario di Stato americano Antony Blinken ha avvertito sabato, durante una riunione ad Amman, in Giordania, che una tale mossa sarebbe controproducente e potrebbe incoraggiare ulteriore violenza da parte del gruppo militante.

Dopo un pomeriggio di colloqui con diplomatici egiziani, giordani, sauditi, del Qatar e degli Emirati e un alto funzionario palestinese, Blinken è rimasto fianco a fianco su una fila di podi con le sue controparti giordane ed egiziane per discutere di quello che, a suo dire, era il loro comune desiderio di proteggere civili a Gaza e migliorare i flussi di aiuti verso il territorio assediato.

La dissonanza nei messaggi era evidente. Ciononostante, la conferenza stampa congiunta tra i ministri del mondo arabo e il massimo diplomatico del più stretto alleato di Israele e le numerose opportunità fotografiche sono in contrasto con il soggiorno di Blinken a Tel Aviv venerdì, quando Blinken ha incontrato da solo con i giornalisti dopo i colloqui a porte chiuse con il primo ministro Benjamin Netanyahu .

GIORDANIA-ISRAELE-PALESTINIA-QATAR-CONFLITTO-DIPLOMAZIA
Il Segretario di Stato americano Antony Blinken (a sinistra) stringe la mano al primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar Mohammed bin Abdulrahman al-Thani durante una giornata di incontri, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e il gruppo palestinese Hamas, nella capitale giordana Amman il 4 novembre , 2023.

JONATHAN ERNST/POOL/AFP tramite Getty Images


Blinken ha iniziato il suo viaggio venerdì con una sosta in Israele. Questo è il suo terzo viaggio in Israele da quando è scoppiata la guerra dopo i sanguinosi attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre lasciato centinaia di morti. Ha ribadito il sostegno degli Stati Uniti a Israele, affermando che il Paese ha il diritto di difendersi. Ma ha detto un “pausa umanitaria” era necessario per aumentare le consegne di aiuti ai civili palestinesi in un contesto di crescente allarme per la crisi umanitaria a Gaza.

Sabato sera, mentre stava uscendo da una messa presso la chiesa cattolica romana di St. Edmond a Rehoboth Beach, nel Delaware, il presidente Biden ha risposto “sì” e ha espresso il suo pollice in alto, quando un giornalista gli ha chiesto se ci fossero stati progressi nell’ottenere una “pausa umanitaria” nei combattimenti a Gaza.

I ministri arabi sabato hanno ripetutamente chiesto che i combattimenti finiscano ora e hanno condannato le tattiche di guerra di Israele.

“Non possiamo accettare la giustificazione come diritto all’autodifesa e alla punizione collettiva” dei palestinesi di Gaza, ha detto l’egiziano Sameh Shoukry. “Questa non può assolutamente essere una legittima difesa.”

Blinken ha mantenuto ferma la posizione degli Stati Uniti secondo cui un cessate il fuoco danneggerebbe il diritto e l’obbligo di Israele di difendere i propri cittadini dopo l’attacco a sorpresa di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele. Ha affermato che l’impegno dell’amministrazione Biden nei confronti del diritto di Israele all’autodifesa rimane incrollabile.

“La nostra opinione ora è che un cessate il fuoco lascerebbe semplicemente Hamas sul posto, in grado di riorganizzarsi e ripetere ciò che ha fatto”, ha detto Blinken.

Ha detto che gli Stati Uniti sostengono “pause umanitarie” nelle operazioni di Israele per consentire migliori flussi di aiuti – un appello che Netanyahu ha esplicitamente respinto il giorno prima – e un aumento del transito di cittadini stranieri da Gaza e in Egitto. I colleghi di Blinken dalla Giordania e dall’Egitto pensavano che non fosse abbastanza.

In un altro contrasto diretto, i funzionari arabi hanno affermato che è troppo presto per discutere uno dei principali punti dell’agenda di Blinken, il futuro di Gaza nel dopoguerra. Fermare le uccisioni e ripristinare un aiuto umanitario costante è una questione immediata che deve essere affrontata per prima, hanno affermato.

“Cosa succederà dopo? Come possiamo immaginare cosa accadrà dopo?” ha detto Ayman al-Safadi della Giordania. “Non abbiamo tutte le variabili nemmeno per iniziare a pensarci.” Ha aggiunto: “Dobbiamo chiarire le nostre priorità”.

Il primo incontro di Blinken in Giordania è stato con il primo ministro ad interim del Libano, Najib Mikati, il cui paese economicamente e politicamente devastato ospita Hezbollah, una forza sostenuta dall’Iran che è ostile a Israele. Gli Stati Uniti temono seriamente che Hezbollah, che ha intensificato gli attacchi missilistici e transfrontalieri contro il nord di Israele, possa assumere un ruolo più attivo nella guerra tra Israele e Hamas.

Blinken ha poi incontrato il ministro degli Esteri del Qatar, il cui Paese è emerso come l’interlocutore più influente di Hamas. Il Qatar è stato fondamentale nel negoziare il rilascio limitato degli ostaggi detenuti da Hamas e nel persuadere Hamas a consentire ai cittadini stranieri di lasciare Gaza ed entrare in Egitto.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken
Il segretario di Stato americano Antony Blinken tiene una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi il 4 novembre 2023 ad Amman, in Giordania.

Salah Malkawi/Getty Images


Ad Amman, Blinken incontrerà il re di Giordania Abdullah II, il cui paese ha richiamato il suo ambasciatore in Israele e ha detto all’inviato di Israele di non tornare in Giordania finché la crisi di Gaza non sarà finita. Domenica, Blinken viaggerà in Turchia per incontrare lunedì il presidente Recep Tayyep Erdogan e altri alti funzionari, ha detto il Dipartimento di Stato. Sabato la Turchia ha seguito l’esempio della Giordania e ha annunciato di aver richiamato il suo ambasciatore in Israele.

Decine di persone sono state uccise nel bombardamento israeliano del campo profughi di Gaza, dice Hamas

Più di 30 persone sono state uccise sabato scorso in un bombardamento israeliano su un campo profughi nel centro di Gaza, ha detto il ministero della Sanità gestito da Hamas, nel mezzo degli scontri in corso tra Israele e militanti di Hamas, riferisce l’Agence France-Presse.

“Più di 30 (morti) sono arrivati ​​all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir Al-Balah nel massacro commesso dall’occupazione nel campo di Al-Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza,” ha detto in una nota il portavoce del ministero della Sanità Ashraf Al-Qudra, secondo l’AFP.

“Un attacco aereo israeliano ha preso di mira la casa dei miei vicini nel campo di Al-Maghazi, la mia casa accanto è parzialmente crollata”, ha detto all’AFP Mohammed Alaloul, 37 anni, un giornalista che lavora per l’agenzia turca Anadolu.

Alaloul ha detto che suo figlio di 13 anni, Ahmed, e suo figlio di 4 anni, Qais, sono stati uccisi nell’attacco, insieme a suo fratello. Sua moglie, sua madre e altri due figli sono rimasti feriti.

Un portavoce militare israeliano ha detto che stavano esaminando se le forze di difesa israeliane operavano nella zona al momento del bombardamento.

Si intensificano i combattimenti a Gaza City

La casa di famiglia di Il leader di Hamas in esilio Ismail Haniyeh, nel campo profughi di Shati, all’estremità settentrionale di Gaza City, è stato colpito sabato mattina da un attacco aereo, secondo l’ufficio stampa di Hamas a Gaza. Non conteneva dettagli immediati su danni o vittime e non c’era alcun commento immediato.

Ghazi Hamad, alto funzionario di Hamas, ha detto all’Associated Press che la casa era utilizzata dai due figli di Haniyeh.

La casa si trova in uno stretto vicolo del campo profughi, che nel corso delle generazioni è diventato un quartiere affollato di Gaza City. Haniyeh, ex collaboratore del fondatore di Hamas, Ahmed Yassin, ucciso in un attacco aereo israeliano nel 2004, è in esilio dal 2019.


La guerra a Gaza si intensifica mentre le truppe israeliane circondano Gaza City

03:41

Centinaia di migliaia di palestinesi rimangono nella città e nel nord di Gaza.

Israele afferma che Hamas dispone di estese infrastrutture militari nella città, compresa una rete di tunnel sotterranei, bunker e centri di comando. Afferma che i suoi attacchi prendono di mira Hamas e che i militanti mettono in pericolo i civili operando in mezzo a loro.

La città è ora circondata dalle forze israeliane, che invitano i civili a dirigersi a sud per evitare di essere coinvolti nei combattimenti.

Nonostante questi avvertimenti, Israele ha continuato a colpire nel sud, affermando di prendere di mira i membri di Hamas, ma le bombe stanno anche uccidendo intere famiglie.

Raed Mattar, che si stava rifugiando in una scuola nella città meridionale di Khan Younis dopo essere fuggito dal nord all’inizio della guerra, ha detto sabato di aver sentito regolarmente esplosioni, apparentemente causate da attacchi aerei.

“La gente non dorme mai”, ha detto. “Il rumore delle esplosioni non si ferma mai.”

CONFLITTO ISRAELE- PALESTINESE
Una foto scattata dalla città di Sderot, al confine meridionale israeliano, mostra il fumo che si alza sopra gli edifici nella Striscia di Gaza durante un’operazione militare israeliana il 4 novembre 2023, mentre continuano le battaglie tra militanti israeliani e palestinesi di Hamas.

YURI CORTEZ/AFP tramite Getty Images


Circa 1,5 milioni di abitanti di Gaza sono fuggiti dalle loro case, dice l’ONU

Secondo le Nazioni Unite, circa 1,5 milioni di persone a Gaza, ovvero il 70% della popolazione, sono fuggite dalle proprie case. L’esercito israeliano ha detto forze di terra operavano ora anche nel sud, con un corpo corazzato e di ingegneria che lavora per rimuovere le trappole esplosive dagli edifici.

Altrove, le scaramucce lungo il confine settentrionale di Israele sono continuate sabato mattina quando l’esercito israeliano ha dichiarato di aver colpito cellule militanti in Libano che cercavano di sparare contro Israele, nonché un posto di osservazione di Hezbollah.

Durante la guerra, Israele e Hezbollah, alleato di Hamas, si sono scontrati quasi quotidianamente lungo il confine libanese, sollevando il timore dell’apertura di un nuovo fronte lì.

Oltre alla distribuzione degli aiuti, al permesso agli stranieri di uscire e al rilascio degli ostaggi, Blinken sta cercando di convincere la Giordania e gli altri stati arabi a iniziare a pensare al futuro di Gaza se e quando Israele riuscirà a strappare il controllo ad Hamas.

I leader arabi finora hanno resistito alle proposte americane di svolgere un ruolo più importante nella crisi, esprimendo indignazione per il costo civile delle operazioni militari israeliane ma credendo che Gaza sia un problema in gran parte causato da Israele.

CONFLITTO PALESTINESE-ISRAELE
Enormi pennacchi di fumo si alzano all’orizzonte sopra la città di Khan Yunis vista dalla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 4 novembre 2023, nel mezzo delle battaglie in corso tra Israele e il gruppo palestinese Hamas.

SAID KHATIB/AFP tramite Getty Images


Più di Finora a Gaza sono stati uccisi 9.400 palestinesitra cui più di 3.600 bambini palestinesi, ha affermato il Ministero della Sanità di Gaza, senza fornire una distinzione tra civili e combattenti.

Sul versante israeliano sono morte più di 1.400 persone, soprattutto civili uccisi durante l’attacco iniziale di Hamas. Il lancio di razzi da parte dei militanti di Gaza su Israele continua, interrompendo la vita di milioni di persone e costringendone circa 250.000 all’evacuazione. La maggior parte dei razzi vengono intercettati.

Ventiquattro soldati israeliani sono stati uccisi a Gaza dall’inizio dell’operazione di terra.

È probabile che il bilancio complessivo aumenti drammaticamente man mano che continua l’assalto alla città di Gaza, densamente edificata.

Secondo Wael Abou Omar, portavoce di Hamas al valico di frontiera di Rafah, più di 386 palestinesi con doppia nazionalità e feriti sono usciti da Gaza verso l’Egitto venerdì. Ciò porta il totale delle persone uscite da mercoledì a 1.115.

See also  Un piccolo convoglio di aiuti raggiunge Gaza dopo che Hamas ha rilasciato due ostaggi

Leave a Comment