La Russia disprezza l’ultima serie di sanzioni statunitensi sulla guerra in Ucraina

Il Cremlino ha respinto le sanzioni di Washington pochi giorni dopo la frecciatina di Putin sui potenziali divieti di esportazione dell’UE.

ANNUNCIO

“Naturalmente, le sanzioni creano ulteriori problemi”, ha detto venerdì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Ma lo ripeto ancora una volta, ci siamo adattati alle sanzioni… Abbiamo imparato a superarle”.

Mosca ha reagito alle circa 100 misure punitive delineate ieri dal governo degli Stati Uniti che mirano a ostacolare l’offensiva militare del presidente russo Vladimir Putin in Ucraina.

Le sanzioni hanno una serie di obiettivi chiave che includono la lotta alla base industriale interna della Russia, al settore dei servizi finanziari e alla crescita tecnologica.

La risposta di Mosca arriva pochi giorni dopo che Putin ha deriso le potenziali sanzioni dell’UE sulla guerra in Ucraina, secondo il quotidiano russo TASS.

Le misure europee non finalizzate potrebbero imporre restrizioni all’esportazione su una serie di articoli che vanno dai diamanti alle saldatrici.

“Forse meno spazzatura è, meglio è”, ha affermato Putin. “Ci sono meno possibilità che le cimici dei letti arrivino qui dalle grandi città europee”.

Collaboratori terzi

Washington sta anche cercando di reprimere il sostegno che Mosca riceve da nazioni e individui stranieri.

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha dichiarato in una dichiarazione: “La Russia dipende dalla disponibilità di individui ed entità di paesi terzi per rifornire le sue forze armate e perpetuare la sua atroce guerra contro l’Ucraina”.

Ha aggiunto che gli Stati Uniti “non esiteranno a ritenerli responsabili”.

In particolare, Washington spera di prendere di mira il commercio della Russia con Cina, Turchia ed Emirati Arabi Uniti, poiché il Cremlino fa affidamento su questi paesi per “articoli ad alta priorità” come componenti critici di armi.

See also  Una scimmia in rapido movimento di nome Momo è stata catturata dopo essere stata "in libertà" per ore a Indianapolis

Venerdì Pechino ha criticato aspramente le nuove misure statunitensi, affermando che Washington dovrebbe “correggere le sue pratiche sbagliate” e “smettere di contenere e reprimere le aziende cinesi”.

GNL e droni mortali

Un altro obiettivo delle sanzioni è il progetto Arctic LNG 2, gestito dal secondo produttore di gas naturale della Russia, Novatek.

Lo schema fa parte del piano della Russia di aumentare la produzione di gas naturale liquefatto, che consentirebbe al Cremlino di consolidare ed espandere la propria influenza geopolitica.

Sebbene l’UE abbia tagliato le importazioni di gas russo, il blocco dipende ancora dal GNL russo, con le spedizioni in aumento del 40% da gennaio a luglio di quest’anno, rispetto allo stesso periodo del 2021.

Novatek ha dichiarato a settembre che inizierà ad esportare dal GNL Arctic-2 all’inizio del prossimo anno, e resta da vedere quanto gas russo potrebbe essere bloccato dalle misure di Washington.

Le nuove sanzioni mirano anche a contrastare i droni suicidi KUB-BLA e Lancet utilizzati dall’esercito russo in Ucraina inserendo nella lista nera le aziende che contribuiscono al processo di produzione.

Andrii Yermak, capo di gabinetto del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, ha accolto con favore l’annuncio di Washington.

Ha scritto su Telegram: “Sono molto lieto che… le restrizioni siano state inasprite contro le aziende associate al complesso militare-industriale della Federazione Russa”.

ANNUNCIO

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha elogiato le misure americane nel suo discorso notturno, affermando che sono “proprio ciò che serve”.

Leave a Comment