Crisi immobiliare: il Portogallo mette fine al regime fiscale speciale per i nuovi residenti nel 2024

Per affrontare la carenza di alloggi a prezzi accessibili, il governo ha deciso di porre fine a un programma di sgravi fiscali decennale per i nuovi residenti

ANNUNCIO

Il Portogallo metterà fine al suo regime fiscale speciale per i nuovi residenti non abituali l’anno prossimo, ha annunciato il primo ministro António Costa.

La misura in questione offre benefici fiscali per 10 anni per le persone che si trasferiscono nel Paese, con un reddito guadagnato in Portogallo tassato con un’aliquota del 20%. I redditi provenienti dall’estero sono generalmente esenti, ad eccezione delle pensioni, che sono tassate con un’aliquota del 10%.

In confronto, i cittadini portoghesi che non beneficiano del regime possono essere tassati fino al 48%.

Il governo portoghese ha annunciato lunedì di aver deciso di interrompere questo regime, con Costa che ha dichiarato alla CNN portoghese che il piano è di “ingiustizia fiscale”.

“Non è più giustificato ed è un modo parziale di gonfiare il mercato immobiliare, che ha raggiunto prezzi insostenibili”, ha detto nell’intervista.

Secondo il rapporto, i prezzi delle case in Portogallo hanno registrato il quarto aumento più alto (8,7%) nell’Unione Europea nel secondo trimestre del 2023. ultimi dati Eurostat.

E sabato scorso i portoghesi hanno portato in piazza la rivendicazione del diritto alla casa. Decine di migliaia di persone hanno protestato in 24 città contro la crisi del mercato immobiliare.

A febbraio, il governo ha smesso di concedere permessi di soggiorno per investimenti, comunemente noti come “visti d’oro”.

Secondo gli ultimi dati del Servizio portoghese per l’immigrazione e le frontiere, oltre il 90% dei visti d’oro rilasciati tra il 2012 e il 2023 sono stati concessi a causa di acquisizioni di proprietà.

See also  Chiusura dei mercati: focus sull’economia dell’Eurozona e sugli utili della BP

Leave a Comment