È morto all’età di 98 anni Giorgio Napolitano, ex presidente della Repubblica Italiana

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla politica italiana

L’ex presidente italiano Giorgio Napolitano, che ha svolto un ruolo fondamentale nel contribuire a ripristinare la fiducia del mercato nel suo Paese nel caos della crisi del debito dell’Eurozona, è morto all’età di 98 anni.

Come capo di Stato, Napolitano ha contribuito a guidare l’Italia attraverso il crollo dell’ultimo governo dell’ex primo ministro Silvio Berlusconi al culmine della crisi del debito nel 2011, quando la grave situazione economica dell’Italia minacciava il futuro dell’unione monetaria europea.

La sua scelta del tecnocrate Mario Monti, rispettato professore di economia ed ex commissario europeo, per guidare una grande coalizione nazionale per aiutare ad affrontare la difficile situazione dell’Italia è stata ampiamente accolta sia dagli altri governi dell’Eurozona che dalla Banca Centrale Europea.

In una dichiarazione, l’attuale presidente italiano, Sergio Mattarella, ha elogiato Napolitano – che ha iniziato la sua carriera politica come membro del partito comunista italiano, combattendo il fascismo – per aver combattuto per “la pace e il progresso dell’Italia e dell’Europa”.

Napolitano “ha promosso il rafforzamento delle istituzioni comunitarie per un’Europa sempre più autorevole e unita”, ha detto Mattarella nel messaggio di cordoglio.

Napolitano, nato a Napoli nel 1925, trascorse i primi decenni della sua carriera politica facendo carriera nel Partito Comunista italiano, allora il più grande dell’Europa occidentale. Per molti anni come membro eletto del parlamento nazionale, è stato portavoce e ministro degli affari interni, e in seguito ha ricoperto ruoli nel Parlamento europeo e altrove all’interno dell’amministrazione dell’UE.

See also  I prezzi del gas europeo salgono dopo che l’Egitto ha dichiarato zero importazioni

Ma è stato durante i suoi due mandati da presidente, dal 2006 al 2015, che Napolitano ha trovato il suo posto al fulcro della politica italiana, riunendo gli attori nazionali per affrontare sfide travolgenti.

Dopo le dimissioni di Berlusconi nel 2011 – in mezzo a un’intensa pressione del mercato da parte degli alleati infuriati per la sua riluttanza o incapacità ad intraprendere le necessarie riforme di mercato, Napolitano ha nominato Monti. La sua scelta fu accolta calorosamente e il rendimento dei titoli italiani a 10 anni scese da quasi il 7% di allora ad appena il 2% tre anni dopo.

Sulla scia del suo intervento, la popolarità e la credibilità personale di Napolitano furono tali che, dopo un’elezione generale inconcludente, i partiti tradizionali lo convinsero a rimanere per un secondo mandato come presidente. Ciò costituisce il precedente seguito dall’attuale Mattarella quando accettò anche un secondo mandato l’anno scorso.

Napolitano si è dimesso nel 2015, a metà del suo secondo mandato, dicendo che, a 89 anni, era troppo vecchio per continuare.

Leave a Comment