Gli Hinduja puntano a una valutazione di 35-40 miliardi di dollari per la loro attività BFSI

Il gruppo Hinduja prevede che le sue attività bancarie, finanziarie e assicurative (BFSI) raggiungeranno una valutazione compresa tra 35 e 40 miliardi di dollari entro il 2030, ha dichiarato Ashok Hinduja, presidente di IndusInd International Holdings Ltd, in un’interazione con i media con lui e i suoi due fratelli Gopichand Hinduja e Prakash Hinduja nella loro Carlton House Residence a Londra, sullo sfondo del recente lancio del loro hotel di lusso a Londra – Raffles London presso l’Old War Office.

IndusInd International Holdings Ltd (IIHL) è la società promotrice di Indusind Bank e ha presentato con successo un’offerta per l’acquisto della Reliance Capital, piena di debiti, la finanziaria promossa da Anil Ambani in fase di risoluzione del fallimento. L’IIHL con sede a Mauritius crescerà nel settore BFSI fino a diventare un gigante finanziario a tutti gli effetti, ha affermato Ashok Hinduja.

Gli Hinduja hanno delineato piani elaborati per l’espansione nel settore dei servizi finanziari. Il gruppo ha recentemente acquisito una partecipazione di controllo in una banca alle Bahamas e ha ricevuto l’approvazione di principio per una licenza bancaria a Mauritius. Il gruppo ha affermato che la licenza verrà utilizzata per creare una nuova banca o prendere in considerazione un’acquisizione. Per il prossimo anno è prevista la quotazione pubblica dell’IIHL. Il gruppo è inoltre in procinto di acquisire attività di gestione patrimoniale e gestione patrimoniale per completare la propria suite para bancaria.

Alla domanda se il gruppo Hinduja è interessato ad acquistare Sharekhan, Ashok Hinduja ha detto: “Bisogna esaminare tutto, ma come vi ho detto nel settore BFSI, tutto ciò che mancherà verrà aggiunto al momento opportuno e opportuno”. Ha detto che il gruppo sta esaminando anche il segmento della gestione patrimoniale.

See also  La Metropolitan Commercial Bank ha multato di 29,5 milioni di dollari la Fed e il NYDFS

La Reserve Bank of India ha dato l’approvazione in linea di principio e condizionata all’IIHL per aumentare la propria partecipazione nella IndusInd Bank al 26% nel febbraio di quest’anno. Ciò comporterà che il Gruppo Hinduja investirà oltre 1 miliardo di dollari nel prestatore. La partecipazione del Promotore nella banca è pari al 16,51%; Secondo un comunicato di borsa, IIHL aveva il 12,58% e IndusInd Ltd il 3,92% al 31 dicembre 2022.

Il gruppo sta raccogliendo fondi per aumentare la propria partecipazione in Indusind Bank e per l’acquisizione di Reliance Capital. A luglio, il comitato dei creditori ha approvato l’offerta del Gruppo Hinduja di ₹ 9.650 crore per l’acquisizione di Reliance Capital, in attesa delle approvazioni del tribunale e delle normative. Brookfield, Cerberus e Deutsche Bank hanno presentato termini al gruppo Hinduja per finanziare l’acquisizione di Reliance Capital, ha riferito ET. L’IIHL prevede di raccogliere fino a ₹ 7.000 crore per finanziare questa acquisizione. Il gruppo Hinduja è stato il primo gruppo di origine indiana ad acquisire una licenza di banca svizzera e a fondare la Hinduja Bank nel 1994. La banca offre servizi di gestione patrimoniale e consulenza sugli investimenti. Il gruppo Hinduja ha promosso la Indusind Bank in India nello stesso anno. Nel 2019, IndusInd Bank ha acquisito Bharat Financial, il più grande istituto di microfinanza indiano. Il gruppo è investito in una NBFC, Hinduja Leyland Finance, specializzata in finanziamenti per veicoli e mutui immobiliari a prezzi accessibili.

Leave a Comment