Michael Cohen torna sul banco dei testimoni per il secondo giorno di testimonianze nel processo per frode di Trump

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump e “fixer” di lunga data, si confronta faccia a faccia con il suo ex capo per la seconda volta mercoledì, mentre riprende la testimonianza nel processo per frode civile dell’ex presidente a New York.

Cohen ha testimoniato martedìsotto lo sguardo di Trump, che Trump ha personalmente autorizzato inflazioni fraudolente del suo patrimonio netto e dei valori delle sue proprietà.

Cohen è un ex dirigente della Trump Organization che è stato per anni tra i più stretti confidenti di Trump. Martedì ha affermato che lui e l’ex direttore finanziario della società “hanno decodificato” i rendiconti finanziari di Trump per soddisfare le valutazioni che Trump “ha scelto arbitrariamente”.

Trump e i suoi coimputati sono accusati di aver gonfiato fraudolentemente il valore degli asset a proprio vantaggio finanziario. Il procuratore generale di New York Letitia James chiede 250 milioni di dollari per lo Stato e chiede alla corte di ordinare sanzioni che limitino la capacità di Trump di fare affari a New York. Il giudice della causa civile ha già trovato Trump e i suoi coimputati responsabile di frode. Il processo prosegue per altre accuse, tra cui falsificazione di documenti, associazione a delinquere e frode assicurativa.

Michael Cohen arriva al processo per frode civile contro Trump presso la Corte Suprema dello Stato di New York a Manhattan il 25 ottobre 2023.
Michael Cohen arriva al processo per frode civile contro Trump presso la Corte Suprema dello Stato di New York a Manhattan il 25 ottobre 2023.

MIKE SEGAR / REUTERS


Cohen ha testimoniato martedì che Trump gli aveva detto di modificare le dichiarazioni sulle condizioni finanziarie – documenti al centro del caso di frode – per arrivare a un patrimonio netto che Trump si era assegnato “arbitrariamente”.

“Sono stato incaricato dal signor Trump di aumentare il patrimonio totale sulla base di un numero da lui scelto arbitrariamente. E la mia responsabilità, insieme ad Allen Weisselberg, era principalmente quella di decodificare le diverse classi di asset, aumentare tali asset al fine di raggiungere il numero che il signor Trump ci aveva assegnato”, ha detto Cohen, spingendo Trump a scuotere la testa e incrociare le braccia sul petto.

Trump e i suoi coimputati hanno negato ogni addebito e il team legale di Trump ha cercato di ritrarre Cohen come inaffidabile.

Durante il controinterrogatorio dell’avvocato di Trump Alina Habba, Cohen ha affermato di aver mentito sotto giuramento davanti a un tribunale federale quando si è dichiarato colpevole di evasione fiscale nel 2018. Cohen ora afferma di non aver evaso le tasse.

Cohen e Trump non si erano più visti di persona dopo quella supplica, e negli anni successivi gli ex amici hanno spesso cercato di diffamarsi a vicenda.

La testimonianza di Cohen durante il controinterrogatorio di martedì è stata spesso combattiva. Cohen più volte ha risposto alle domande di Habba con la frase “chiesto e risposto”, adottando un’obiezione che a volte gli avvocati sollevano, ma i testimoni non possono.

L’ultima volta che lo ha fatto, ha spinto un altro avvocato di Trump, Christopher Kise, a saltare dalla sedia. Ha protestato con il giudice, dicendo: “questo testimone è fuori controllo”.

La testimonianza di Cohen ha attirato l’interesse dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg, che all’inizio di quest’anno ha avviato un procedimento penale separato contro Trump, anch’esso basato sulla testimonianza di Cohen. Susan Hoffinger, uno dei procuratori principali in quel caso, è stata vista entrare nel tribunale martedì pomeriggio ed è tornata di nuovo mercoledì, insieme ad altri quattro. Hoffinger ha anche guidato un caso del 2022 in cui due società di Trump sono state giudicate colpevoli di 17 reati legati alla frode.

See also  Il prezzo del petrolio balza a 89 dollari al barile in seguito all'attacco di Hamas a Israele

Leave a Comment