HSBC punta sulla custodia di asset digitali non crittografici nel 2024

HSBC prevede di lanciare l’anno prossimo un servizio di custodia per archiviare token basati su blockchain che rappresentano asset finanziari tradizionali ma non criptovalute o stablecoin, ha detto mercoledì la banca.

HSBC utilizzerà la tecnologia della società svizzera di asset digitali Metaco – che Ripple ha accettato di acquistare a maggio – per archiviare obbligazioni e altri titoli in una mossa intesa a integrare la piattaforma Orion della banca, che emetterà asset digitali, oltre a un’offerta lanciata la scorsa settimana che tokenizza l’oro.

“Stiamo assistendo a una crescente domanda di custodia e amministrazione di fondi di asset digitali da parte di asset manager e proprietari di asset, poiché questo mercato continua ad evolversi”, ha affermato in una nota Zhu Kuang Lee, responsabile digitale, dati e innovazione di HSBC. visto da Reuters, Bloomberg e CNBC.

HSBC non ha stimato la dimensione del mercato degli asset basati su blockchain escluse le criptovalute. Ma Ripple prevede che il mercato della custodia delle criptovalute per le istituzioni potrebbe raggiungere quasi i 10 trilioni di dollari entro il 2030, secondo Bloomberg.

Allo stato attuale, i dati di CoinGecko individuano il valore di tutte le criptovalute a circa 1,4 trilioni di dollari, poco meno della metà del picco del mercato alla fine del 2021.

La partnership con HSBC rafforza, per Metaco, “lo slancio continuo nel lavorare con istituzioni finanziarie di alto livello”, ha detto alla CNBC il CEO della società di criptovaluta, Adrien Treccani.

“Le istituzioni finanziarie sono pronte ad adattare i progetti pilota di asset digitali a casi d’uso reali riguardanti la custodia, l’emissione, la negoziazione e il regolamento di asset tokenizzati e, così facendo, sbloccando vantaggi economici e nuovi flussi di entrate”, ha affermato Treccani.

See also  Notizie sul mercato azionario e azionario, Notizie su economia e finanza, Sensex, Nifty, Mercato globale, NSE, BSE Notizie IPO in tempo reale

Tra le banche statunitensi delle dimensioni di HSBC, BNY Mellon sostiene da tempo la custodia di asset digitali, sviluppando una piattaforma multi-asset per detenere, trasferire ed emettere criptovalute per conto dei clienti della gestione patrimoniale. Seguirono Citi e State Street, che istituirono unità di asset digitali.

Citi, da parte sua, stava costruendo un’offerta di custodia di asset digitali in collaborazione con Metaco, ma quest’anno ha avviato colloqui informali con altri fornitori, secondo Bloomberg. State Street, nel frattempo, ha concluso un accordo di licenza con la società di custodia di criptovalute Copper a marzo. Il primo capo delle risorse digitali della banca, Nadine Chakar, ha lasciato State Street per la società di criptovaluta Securrency a gennaio. Un secondo dirigente di State Street Digital, Swen Werner, ha dichiarato in agosto che anche lui avrebbe lasciato la banca.

Leave a Comment