I profitti di Barclays diminuiscono mentre le negoziazioni e le trattative rallentano

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I profitti di Barclays sono scesi del 16% nel terzo trimestre poiché la crescita dei ricavi è rallentata nella divisione retail britannica ed è diminuita nella banca d’investimento, che continua a soffrire della scarsità di operazioni di M&A e di una minore attività commerciale.

L’utile netto è sceso a 1,3 miliardi di sterline da 1,5 miliardi di sterline nello stesso periodo dell’anno scorso, battendo la stima media degli analisti di 1,1 miliardi di sterline, ha detto martedì l’istituto di credito britannico. I ricavi complessivi del gruppo sono aumentati del 5% arrivando a 6,3 miliardi di sterline, rispondendo alle aspettative della City. La banca ha inoltre preso meno accantonamenti per crediti inesigibili rispetto a quanto previsto dagli analisti e nessuna accusa di contenzioso o cattiva condotta.

L’amministratore delegato CS Venkatakrishnan ha affermato che i risultati sono arrivati ​​“in un contesto di mercato misto” e ha promesso un aggiornamento agli investitori con nuovi obiettivi finanziari insieme agli utili dell’intero anno a febbraio.

“Vediamo ulteriori opportunità per aumentare i rendimenti per gli azionisti attraverso l’efficienza dei costi e un’allocazione disciplinata del capitale in tutto il gruppo”, ha affermato.

Il profitto attribuibile è sceso del 3% presso l’istituto di credito al dettaglio Barclays nel Regno Unito, poiché i benefici derivanti dal contesto di tassi di interesse più elevati hanno iniziato a svanire e i clienti hanno spostato i loro depositi verso prodotti a rendimento più elevato.

Barclays ha avvertito che il suo margine di interesse netto (NIM) – la differenza tra gli interessi ricevuti sui prestiti e il tasso pagato per i depositi – dovrebbe ora essere compreso tra il 3,05% e il 3,10% nel 2023, in calo rispetto alle precedenti indicazioni di dal 3,2% al 3,15%.

See also  Il comitato G20 propone di triplicare i limiti di prestito delle banche multilaterali entro il 2030

La misura sarà attentamente osservata mentre i suoi concorrenti nazionali, tra cui NatWest e Lloyds Banking Group, si prepareranno a pubblicare i propri risultati trimestrali nel corso della prossima settimana.

È stato un trimestre misto per la banca d’investimento, dove il reddito è sceso del 6% a 3,1 miliardi di sterline quando è stato eliminato l’impatto di un errore di sovraemissione di obbligazioni lo scorso anno. I proventi derivanti dalle negoziazioni a reddito fisso sono diminuiti drasticamente del 26%, ma i ricavi derivanti dalle negoziazioni azionarie sono più che raddoppiati. Anche le commissioni di consulenza e sui mercati dei capitali sono diminuite del 30% a causa del minor numero di operazioni di acquisizione e della minore emissione di debito.

Il calo corrisponde alla dura tendenza osservata a Wall Street all’inizio del mese, dove le commissioni di consulenza erano sostanzialmente stabili o in calo, riflettendo un crollo di 18 mesi nelle trattative tra tassi in aumento e incertezza geopolitica.

Leave a Comment