Almeno 7 morti in massicci incidenti automobilistici in Louisiana causati dal “superfog”: NPR

Lunedì i lavoratori rimuovono i veicoli gravemente danneggiati dall’Interstate 55 vicino a Manchac, in Louisiana.

Brett Duke/The Times-Picayune/The New Orleans Advocate tramite AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Brett Duke/The Times-Picayune/The New Orleans Advocate tramite AP

Lunedì i lavoratori rimuovono i veicoli gravemente danneggiati dall’Interstate 55 vicino a Manchac, in Louisiana.

Brett Duke/The Times-Picayune/The New Orleans Advocate tramite AP

NEW ORLEANS – Almeno sette persone sono state uccise dopo che una “supernebbia” di fumo proveniente dagli incendi delle paludi del sud della Louisiana e una fitta nebbia hanno causato diversi e massicci incidenti automobilistici lunedì mattina coinvolgendo un totale di 158 veicoli, hanno detto le autorità.

Venticinque persone sono rimaste ferite e il numero delle vittime potrebbe aumentare poiché i primi soccorritori continuano a ripulire le scene dell’incidente e a cercare le vittime, ha detto la Polizia di Stato della Louisiana in un comunicato stampa lunedì sera.

Il governatore John Bel Edwards ha lanciato un appello ai donatori di sangue e ha chiesto preghiere “per coloro che sono feriti e uccisi”.

I video del relitto mostravano quella che sembrava una discarica infinita di auto che sorpassavano la trafficata autostrada vicino alla comunità di Manchac. I veicoli sono rimasti schiacciati, schiacciati uno contro l’altro e alcuni sono stati avvolti dalle fiamme. Molte persone sono rimaste sul ciglio della strada a guardare incredule la scena disastrosa, mentre altre sono rimaste nelle loro auto in attesa dei soccorsi.

Christopher Coll, 41 anni, era tra gli automobilisti coinvolti in uno degli incidenti a catena.

“Stavo già frenando e rallentando quando un F-250 si è avvicinato al mio rimorchio da lavoro e mi ha portato a fare un giro”, ha detto Coll Il Times-Picayune/The New Orleans Advocate.

Coll sentiva l’odore del fumo mentre sentiva gli altri guidatori chiedere aiuto e il rumore delle auto che si schiantavano e degli pneumatici che scoppiavano. È stato in grado di aprire con un calcio la portiera del passeggero per scappare e poi ha aiutato gli altri, tirando fuori una persona dal finestrino dell’auto.

See also  Joe Biden arriva in Israele mentre si diffonde la rabbia per l’esplosione dell’ospedale di Gaza

Anche Clarencia Patterson Reed era nell’ondata di auto distrutte mentre si recava a Manchac con sua moglie e sua nipote. Reed ha detto al Times-Picayune/The New Orleans Advocate di aver visto la gente agitare le mani per farla fermare, ma quando lo ha fatto la sua auto è stata colpita da dietro e di lato da altri due veicoli.

“Era ‘Boom. Boom.’ Tutto quello che continuavi a sentire andava in crash per almeno 30 minuti,” ha detto Reed. È riuscita a scendere dall’auto, ma sua moglie è rimasta bloccata all’interno e si è ferita alla gamba e al fianco.

La Polizia di Stato della Louisiana ha condiviso foto aeree sulla propria pagina Facebook che mostrano dozzine di auto schiantate e vasti detriti sulle corsie sia in direzione nord che in direzione sud dell’autostrada sopraelevata, che passa sopra paludi e acque aperte tra i laghi Pontchartrain e Maurepas.

Lunedì pomeriggio, gli agenti della polizia statale stavano ancora lavorando “per avvisare le famiglie, indagare sulle cause esatte degli incidenti” e coordinarsi con il dipartimento dei trasporti dello stato per ispezionare il ponte.

Traffico ingorgato per chilometri in entrambe le direzioni sulla I-55. La mancanza di visibilità ha anche portato alla chiusura di parti della I-10 e della strada rialzata del lago Pontchartrain, lunga 24 miglia (39 chilometri).

Sono stati chiamati gli scuolabus per trasportare gli automobilisti rimasti in panne dai luoghi dell’incidente. A mezzogiorno, la polizia di stato ha detto ai giornalisti presenti sul posto che un veicolo ha scavalcato il guardrail dell’autostrada ed è caduto in acqua, ma il conducente è fuggito illeso.

Sui social, il Lo ha riferito il Servizio Meteorologico Nazionale ci sono stati più incendi nelle zone umide nella regione. Il fumo degli incendi mescolato con la nebbia per creare una “superfog”. Secondo l’agenzia, la visibilità è migliorata con la scomparsa della nebbia. Ma non è chiaro per quanto tempo gli incendi nelle paludi, il cui fumo poteva essere visto e annusato nella zona di New Orleans durante il fine settimana, sarebbero stati un fattore determinante.

See also  La Cina annuncia investimenti miliardari nei paesi in via di sviluppo e promette l’apertura dei mercati

Il Times-Picayune/The New Orleans Advocate riportato diverse scuole dentro e vicino a New Orleans hanno annunciato la cancellazione delle lezioni o l’apertura ritardata a causa del fumo e della nebbia. Il fumo proveniente dal Bayou Sauvage Urban National Wildlife Refuge era abbastanza denso da indurre la città ad annunciare luoghi in cui le mascherine potevano essere ritirate gratuitamente nella parte orientale di New Orleans e nel quartiere di Algeri, sulla riva occidentale del fiume Mississippi.

Leave a Comment