I profitti di JPMorgan salgono del 35% grazie ai guadagni inaspettati dei tassi di interesse

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

JPMorgan Chase ha registrato un balzo del 35% nei profitti per il terzo trimestre, poiché la più grande banca statunitense continua a trarre benefici da tassi di interesse più elevati e perdite sui prestiti inferiori al normale.

Venerdì la banca ha dichiarato che l’utile netto è salito a 13,2 miliardi di dollari, rispetto ai 9,7 miliardi di dollari dell’anno precedente. Si tratta di un risultato migliore di quanto si aspettassero gli analisti da 11,9 miliardi di dollari, secondo i dati compilati da Bloomberg.

L’amministratore delegato di JPMorgan, Jamie Dimon, ha affermato che gli utili sono “solidi”, ma ha riconosciuto che “questi risultati beneficiano dei nostri guadagni eccessivi sia sul reddito da interessi netti che sul costo del credito inferiore ai normali, entrambi i quali si normalizzeranno nel tempo”.

In un avvertimento sui conflitti in Ucraina e Israele, Dimon ha affermato che questo “potrebbe essere il momento più pericoloso che il mondo abbia visto negli ultimi decenni”. Le opinioni di Dimon sugli affari mondiali sono seguite da vicino in tutta Wall Street.

Le azioni di JPMorgan hanno ridotto il guadagno iniziale di oltre il 4% chiudendo in rialzo dell’1,5% a New York.

Come nel trimestre precedente, gran parte del guadagno è stato trainato dal reddito da interessi netti, che con 22,7 miliardi di dollari è stato del 30% superiore rispetto allo stesso trimestre di un anno fa. La cifra era superiore alle aspettative degli analisti di 22,4 miliardi di dollari, poiché JPMorgan ha continuato a guadagnare dal ciclo di aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve e dall’acquisizione di emergenza della First Republic da parte della banca.

See also  Gli alleati occidentali sostengono gli sforzi per sfruttare i profitti derivanti dai beni russi congelati
Istogramma del margine di interesse netto in miliardi di dollari che mostra che i profitti sui prestiti di JPMorgan aumentano con i tassi di interesse

JPMorgan ha alzato il target di margine di interesse netto per il 2023, esclusa la divisione commerciale, da circa 87 miliardi di dollari a circa 89 miliardi di dollari.

Il reddito da interessi netti è la differenza tra ciò che le banche pagano sui depositi e ciò che guadagnano da prestiti e altre attività. Le grandi banche come JPMorgan sono state in grado di far pagare di più i prestiti negli ultimi 18 mesi senza offrire ai risparmiatori tassi significativamente più alti per i depositi.

Per incrementare ulteriormente i profitti, JPMorgan ha rilasciato 113 milioni di dollari di riserve che aveva precedentemente accantonato per potenziali perdite, confondendo le stime degli analisti secondo cui la banca avrebbe aggiunto circa altri 850 milioni di dollari alle sue riserve.

JPMorgan ha continuato a beneficiare di perdite relativamente basse sui suoi prestiti nel trimestre. Gli storni netti – la porzione di prestiti con perdite contrassegnate come irrecuperabili – ammontano a 1,5 miliardi di dollari, più del doppio rispetto allo stesso trimestre di un anno fa ma in aumento solo del 6% rispetto al secondo trimestre.

Il grafico a linee del tasso di addebito netto in% mostra che le perdite sui prestiti di JPMorgan rimangono a livelli bassi

Su base annua, JPMorgan ha cancellato 47 centesimi per ogni 100 dollari prestati, al netto di eventuali recuperi effettuati.

Le perdite sui prestiti sono state a livelli storicamente bassi sin dai primi mesi della pandemia di Covid-19 grazie ai programmi di stimolo del governo. Ma sebbene la serie di aumenti dei tassi di interesse da parte della Fed abbia incrementato i profitti che JPMorgan ha ottenuto dalla concessione di prestiti, ci sono preoccupazioni che i tassi di interesse più elevati possano aumentare la pressione sui mutuatari.

See also  Migliore udienza iniziale dei debitori inadempienti, dicono le banche commerciali alla RBI

In segno di un contesto creditizio migliore del previsto per i consumatori statunitensi, JPMorgan ha tagliato le sue prospettive per il tasso di addebito netto per le sue attività di servizi di carte dal 2,6% a circa il 2,5%.

Ha inoltre ridotto le previsioni per le spese dell’intero anno da circa 84,5 miliardi di dollari a circa 84 miliardi di dollari.

JPMorgan ha riportato commissioni di investment banking pari a 1,7 miliardi di dollari, in calo del 3% rispetto all’anno precedente, ma battendo le stime degli analisti di 1,6 miliardi di dollari.

JPMorgan, un indicatore del settore, riporta gli utili insieme a Citigroup e Wells Fargo. Bank of America e Goldman Sachs pubblicheranno i risultati martedì, mentre Morgan Stanley pubblicherà mercoledì.

Leave a Comment