Il cofondatore di FTX testimonia contro Sam Bankman-Fried, affermando che hanno commesso crimini finanziari

Bankman-Fried è sotto processo con l’accusa di aver rubato miliardi di dollari ai clienti della piattaforma di scambio di criptovalute FTX, ormai in bancarotta. Il caso è stato definito una delle più grandi frodi finanziarie nella storia degli Stati Uniti.

ANNUNCIO

Gary Wang, co-fondatore di FTX, ha iniziato giovedì la sua testimonianza contro Sam Bankman-Fried, sostenendo che lui e il suo ex compagno di stanza e capo del college hanno commesso crimini finanziari e hanno mentito al pubblico prima che la piattaforma di scambio di criptovalute crollasse l’anno scorso.

Il testimone ha ammesso di aver creato un codice software per FTX che ha concesso “privilegi speciali” ad Alameda Research, un hedge fund di criptovaluta di cui Bankman-Fried è stato anche co-fondatore.

Secondo Wang, l’imputato ha diretto la mossa illegale, che ha permesso ad Alameda di prelevare fondi fino a 65 miliardi di dollari (61,8 miliardi di euro) da FTX.

Damian Williams, l’avvocato americano a capo dell’accusa, ha definito il caso una delle più grandi frodi nella storia degli Stati Uniti.

Adam Yedidia, un ex programmatore di computer della FTX che ha preso la parola giovedì, ha affrontato Bankman-Fried quando ha notato che Alameda aveva preso in prestito 8 miliardi di dollari (7,6 miliardi di euro) da FTX. Ha detto che il dirigente sembrava preoccupato.

“Sam ha detto qualcosa del tipo: ‘Non eravamo a prova di proiettile l’anno scorso. Quest’anno non siamo a prova di proiettile’”, ha ricordato Yedidia durante la testimonianza.

Wang è il primo di un trio di ex alti dirigenti destinati a testimoniare contro Bankman-Fried. Si sono tutti dichiarati colpevoli di accuse di frode negli accordi di cooperazione con i pubblici ministeri che potrebbero ottenere loro una sostanziale clemenza durante la sentenza.

See also  Il mio sedere è visibile in questo?

Di cosa è accusato Bankman-Fried?

Il 31enne magnate delle criptovalute è stato arrestato alle Bahamas lo scorso dicembre e portato negli Stati Uniti. Ciò avvenne solo poche settimane dopo il crollo e la bancarotta di FTX investitori corsero a ritirare i loro depositi quando emersero rapporti sulle pessime condizioni del bilancio della società sorella Alameda.

I pubblici ministeri affermano che l’imputato ha frodato persone e istituzioni finanziarie che avevano conti del valore di miliardi di dollari presso FTX, rubando enormi quantità di denaro per suo uso personale.

Con questi fondi, Bankman-Fried avrebbe effettuato operazioni rischiose ad Alameda, acquistato immobili di lusso sulla spiaggia e versato oltre 100 milioni di dollari (95 milioni di euro) in contributi politici per cercare di influenzare la regolamentazione governativa del criptovaluta.

Il magnate delle criptovalute nega ogni illecito e si è dichiarato non colpevole. Nelle interviste e nei post sui social media, ha ammesso di aver commesso enormi errori durante la gestione di FTX, ma insiste di non avere intenti criminali.

“Non ho rubato fondi e certamente non ho nascosto miliardi”, ha detto in un post all’inizio di quest’anno sulla piattaforma online Substack.

Il processo è iniziato questa settimana e dovrebbe concludersi prima della fine di novembre.

Bankman-Fried è in carcere da agosto.

Leave a Comment