Il luogo dove la calce viene scortata dalla polizia

In Messico, nell’ultimo anno, il prezzo del frutto è aumentato di oltre il 58%.

ANNUNCIO

Due appezzamenti abbandonati si stagliano tra le gigantesche coltivazioni di lime e banane ad Apatzingán, in Messico. I suoi proprietari stavano preparando il terreno per coltivarlo, ma hanno preferito andarsene quando le bande della criminalità organizzata sono arrivate per estorcerglielo.

Michoacan, la regione più colpita del Messico, è controllata dal Cártel Jalisco Nueva Generación (CJNG) e da bande criminali come Los Viagras e La Familia Michoacana.

Oltre al traffico di droga, i criminali impongono quote ai produttori e agli intermediari che colpiscono le tasche di milioni di consumatori. Litigano anche per un’imposta fondiaria che costringono i produttori a pagare. Equivale a 0,11 dollari (0,10 euro) per ogni chilo venduto. La regione può produrre circa 900 tonnellate di lime al giorno.

Di conseguenza, secondo l’Agricultural Market Consulting Group (GCMA), nell’ultimo anno il prezzo della calce è aumentato del 58,5%. A Città del Messico, il prezzo è raddoppiato, arrivando a quasi 4,5 dollari al chilo (4,26 euro) in agosto.

Il sacrificio è enorme in un paese dove la calce regna sovrana nella sua gastronomia. Il Messico è anche il più grande produttore mondiale di questo frutto.

“È alle stelle, compro solo la quantità che utilizzerò nella settimana, quattro o cinque pezzi e non di più”, dice Gabriela Jacobo, casalinga di 53 anni, di Morelia, la capitale del Michoacán.

Michoacan, la regione tormentata dai cartelli

A causa di questa situazione, la polizia ha iniziato a scortare le spedizioni di calce destinate al resto del Paese.

“Stiamo fornendo supporto a tutti i veicoli che trasportano questo prodotto (lime) in modo coordinato (con le altre forze di sicurezza), con l’obiettivo di garantire che il prodotto arrivi a destinazione senza incidenti di rilievo”, ha affermato Jose Ortega, vice capo della polizia. per lo stato di Michoacan.

See also  Un altro espediente ipotecario non aiuterà il mercato immobiliare

L’aumento dei prezzi, dovuto alle estorsioni della criminalità organizzata, colpisce anche i produttori di pomodori, banane e mango, nonché trasportatori e distributori.

Ogni anno estorsioni e furti costano alle aziende del Paese circa 6,8 miliardi di dollari (6,43 miliardi di euro), l’equivalente dello 0,67% del PIL del Messico.

In altre città del Paese, come Chilpancingo, in passato le persone hanno dovuto affrontare una massiccia mancanza di prodotti alimentari dopo l’omicidio di agricoltori e commercianti che presumibilmente si rifiutavano di pagare le estorsioni.

“Stiamo annegando”, dichiarano gli agricoltori

Per contrastare la criminalità, nel 2013 produttori di lime come Hipólito Mora hanno fondato gruppi di autodifesa che hanno finito per essere accusati di essere essi stessi bande criminali.

Mora ha continuato a denunciare con veemenza i trafficanti di droga, finché i cartelli non lo hanno ucciso a giugno nella comunità di La Ruana, nel Michoacan.

“Stiamo affogando con il cartello che c’è”, dice la sorella Guadalupe Mora. “Ci fanno pagare un compenso per tutto: il cestino base, le bibite, le birre, il pollo. Tutto è molto costoso a causa loro”.

Per gli agricoltori non c’è soluzione. I proprietari dei campi assicurano che spostarsi significa lasciare i propri lavoratori senza mezzi di sussistenza.

Il procuratore Rodrigo González, capo dell’unità che persegue la criminalità nel Michoacan, chiede ai “cittadini di farsi avanti” per denunciare, ma con scarso successo poiché molti temono di subire la stessa sorte di Hipólito Mora.

Leave a Comment