La Banca d’Inghilterra modellizzerà il grande shock del mercato obbligazionario

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La Banca d’Inghilterra ha chiesto a un gruppo di 53 importanti istituzioni finanziarie di modellare l’impatto di un forte aumento dei rendimenti dei titoli sovrani e societari, nel tentativo di capire come il mercato nel suo insieme reagirebbe a un grave shock geopolitico.

Il cosiddetto scenario esplorativo a livello di sistema (SWES) arriva dopo le recenti tensioni sui mercati causate dalla pandemia. Ciò fa seguito anche al “mini” Budget dello scorso anno, stabilito dall’allora primo ministro britannico Liz Truss, che portò ad un’impennata dei prezzi dei gilt e al crollo della sterlina.

La BoE vuole capire in che modo le reazioni dei singoli istituti influenzano i mercati e possono amplificare gli shock alla stabilità complessiva del mercato. Ha introdotto il test in aggiunta al normale regime di stress test bancario in modo da poter esplorare l’impatto più ampio su gestori patrimoniali, assicuratori, fondi pensione, borse valori e hedge fund.

Lo scenario scelto dalla BoE prevede un aumento di 115 punti base dei rendimenti dei gilt, un aumento di 130 punti base dei costi di finanziamento investment grade e un aumento di 75 punti base dei rendimenti dei titoli del Tesoro statunitense.

Venerdì la banca centrale ha affermato che si tratta di “uno scenario di stress grave, ma plausibile”, che è “più rapido, più ampio e più persistente di quelli visti negli ultimi periodi di instabilità del mercato”, compreso il tumulto delle pensioni in seguito alla crisi finanziaria. Bilancio “mini” e la cosiddetta corsa al contante in piena Covid.

See also  Il progetto del difensore civico della RBI non può essere ridotto a una promessa allettante: Delhi HC

“Lo scenario SWES prevede uno shock improvviso e forte per i mercati finanziari globali a causa dell’improvvisa cristallizzazione delle tensioni geopolitiche”, ha affermato la BoE. “Lo shock è amplificato dal settore finanziario, il rischio di credito della controparte diventa elevato e alla fine si cristallizza”.

Lo scenario scelto prevede che la maggior parte dei movimenti del mercato avverrebbero nei primi tre giorni dopo lo shock iniziale, e un colpo di 10 giorni sui tassi e sui prezzi delle attività rischiose.

Le istituzioni che hanno preso parte al test includono Barclays, JPMorgan, Goldman Sachs, Aviva, Pimco e Man Group, anche se la BoE ha affermato che l’esercizio non valuterà la resilienza delle singole aziende.

Lancerà una seconda fase dello scenario dopo che i partecipanti avranno inviato le loro risposte a gennaio e prodotto una relazione finale sull’esercizio entro la fine del prossimo anno.

“Lo scenario riflette le lezioni apprese da eventi come la crisi delle pensioni dello scorso anno e le tensioni di mercato legate alla pandemia”, ha affermato Peter Rothwell, responsabile del settore bancario presso la società di consulenza KPMG UK.

“La mossa per ampliare la portata degli stress test coincide con la preoccupazione che la prossima crisi finanziaria globale possa derivare non da azioni all’interno del settore finanziario, ma da eventi geopolitici che scuotono la stabilità del mercato”.

Reporting aggiuntivo di Akila Quinio a Londra

Leave a Comment