La catena di farmacie Rite Aid dichiara bancarotta a causa del calo delle vendite e delle cause legali sugli oppioidi: NPR

Questa foto mostra un’insegna di Rite Aid nel suo negozio a Pittsburgh il 23 gennaio 2023. Rite Aid, un’importante catena di farmacie statunitense, ha dichiarato domenica 15 ottobre di aver dichiarato fallimento come parte del suo sforzo di ristrutturare la sua finanze.

Gene J. Puskar/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Gene J. Puskar/AP


Questa foto mostra un’insegna di Rite Aid nel suo negozio a Pittsburgh il 23 gennaio 2023. Rite Aid, un’importante catena di farmacie statunitense, ha dichiarato domenica 15 ottobre di aver dichiarato fallimento come parte del suo sforzo di ristrutturare la sua finanze.

Gene J. Puskar/AP

FILADELFIA – La principale catena farmaceutica statunitense Rite Aid ha dichiarato domenica di aver dichiarato fallimento e di aver ottenuto 3,45 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti mentre porta avanti un piano di ristrutturazione mentre fa fronte al calo delle vendite e alle cause legali legate agli oppioidi.

Nel 2022, Rite Aid ha stabilito un accordo fino a 30 milioni di dollari per risolvere le cause legali secondo cui le farmacie avrebbero contribuito a un eccesso di offerta di oppioidi da prescrizione. Ha affermato di aver raggiunto un accordo con i suoi creditori su un piano di ristrutturazione finanziaria per ridurre il debito e posizionarsi per la crescita futura e che la dichiarazione di fallimento faceva parte di quel processo.

Il piano “ridurrà in modo significativo il debito della società” contribuendo nel contempo a “risolvere le controversie in modo equo”, ha affermato Rite Aid.

A marzo, il Dipartimento di Giustizia ha presentato una denuncia contro Rite Aid, sostenendo che avrebbe consapevolmente riempito centinaia di migliaia di prescrizioni illegali per sostanze controllate dal maggio 2014 al giugno 2019. Ha inoltre accusato i farmacisti e la società di ignorare i “segnali di allarme” che indicavano che le prescrizioni erano illegale.

See also  Monday Night Football Week 3: come guardare la partita di stasera tra Los Angeles Rams e Cincinnati Bengals

Il Dipartimento di Giustizia è intervenuto dopo che tre informatori che avevano lavorato presso le farmacie Rite Aid hanno presentato una denuncia.

Jeffrey Stein, a capo di una società di consulenza finanziaria, è stato nominato amministratore delegato di Rite Aid da domenica, in sostituzione di Elizabeth Burr, che era amministratore delegato ad interim e rimane nel consiglio di amministrazione di Rite Aid.

All’inizio di questo mese, Rite Aid ha notificato alla Borsa di New York di non essere conforme agli standard di quotazione. Durante un periodo di grazia, le azioni della società continuano a essere quotate e negoziate.

La dichiarazione di fallimento nel New Jersey e il mancato rispetto degli standard di quotazione non influenzerebbero le operazioni commerciali della società o i suoi requisiti di reporting della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, ha affermato.

Rite Aid ha affermato che sta provvedendo al pagamento degli stipendi e di altri costi come al solito, anche se alcuni negozi “sottoperformanti” tra le sue oltre 2.100 farmacie in 17 stati saranno chiusi.

In precedenza aveva riferito che le sue entrate erano scese a 5,7 miliardi di dollari nel trimestre fiscale terminato il 3 giugno, rispetto ai 6,0 miliardi di dollari dell’anno precedente, registrando una perdita netta di 306,7 milioni di dollari.

Leave a Comment