JC Flowers mette in guardia dal rischio sistemico derivante dall’abbuffata degli assicuratori sugli investimenti nel credito privato

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’investitore statunitense di private equity J Christopher Flowers ha avvertito che un drammatico aumento degli investimenti nel credito privato da parte degli assicuratori sulla vita sta creando un rischio sistemico per gli investitori.

Flowers, che ha tentato di salvare la compagnia assicurativa AIG durante la crisi finanziaria del 2008, ha affermato che gli investitori stanno sottovalutando i rischi derivanti da un’ondata di denaro nei prestiti di credito privato e da una spinta da parte degli assicuratori verso questi asset alla ricerca di rendimenti di investimento più elevati.

“Troppe persone hanno accumulato credito privato e la particolarità è che una parte di esso è finanziata con asset di assicurazioni sulla vita”, ha detto Flowers al Financial Times. “Uno di questi giorni, una compagnia di assicurazioni sulla vita verrà colpita dal loro credito privato. . . Puoi scommettere su una compagnia di assicurazioni sulla vita.”

Secondo JPMorgan, gli asset gestiti dai fondi di investimento del credito privato sono cresciuti fino alla cifra record di 1,5 trilioni di dollari, con una crescita annua più che raddoppiata, pari al 23% tra il 2020 e il 2022. Ad alimentare la crescita del settore è stata la spinta dei gruppi di private equity a gestire gli asset assicurativi.

Negli ultimi dieci anni, molte delle più grandi società di private equity del mondo, come Blackstone, Apollo, Brookfield, KKR e Carlyle Group, hanno acquisito o collaborato con assicuratori sulla vita come mezzo per investire portafogli più ampi di asset orientati al credito. Questi assicuratori sostenuti da private equity hanno aumentato gli investimenti in attività di credito privato come prodotti cartolarizzati, debiti privati ​​e prestiti con rating inferiore.

Moody’s ha recentemente scoperto che gli assicuratori di proprietà privata hanno investito 102 miliardi di dollari in titoli garantiti da attività, quasi un terzo del totale dei loro investimenti obbligazionari e circa il triplo dell’esposizione detenuta dal settore assicurativo nel suo complesso.

See also  I finanzieri si attengono al piano “Davos nel deserto” nonostante la guerra in Medio Oriente

Flowers ha detto di essere preoccupato per la crescita complessiva degli asset di credito privato, che sono per lo più gestiti in fondi di investimento pubblici e privati, ma ritiene che un problema “sistemico” o un fallimento aziendale potrebbe derivare probabilmente da un assicuratore che detiene una quota eccessiva di questo debito.

Gli assicurati di prodotti assicurativi sulla vita possono ritirare i propri beni, creando le condizioni per una “corsa agli sportelli” se i tassi di perdita dovessero aumentare nei portafogli di credito privati ​​e spaventare gli investitori, ha affermato Flowers.

“È qui che la crescita del credito privato e la corsa al denaro degli altri potrebbero realmente verificarsi. Nessuno ci presta davvero attenzione”, ha detto. “Qualcuno verrà fulminato. . . probabilmente più di un’azienda, e sarà un brusco risveglio per gli investitori”.

All’inizio di quest’anno, Eurovita, un assicuratore di private equity con sede in Italia, è stato posto in amministrazione straordinaria dopo essere stato colpito da pesanti ritiri da parte degli assicurati che cercavano tassi di interesse più alti. Il suo fallimento ha portato a preoccupazioni per la salute di altri assicuratori sostenuti da private equity dopo un rapido aumento dei tassi di interesse.

Flowers nel 2013 ha acquisito una quota di maggioranza di Eurovita prima di venderla quattro anni dopo al gruppo di private equity britannico Cinven. Quando l’anno scorso i tassi di interesse sono aumentati notevolmente, gli investimenti di Eurovita hanno perso valore, mettendo a dura prova la sua solvibilità e provocando un’ondata di prelievi.

La società di investimento di Flowers, JC Flowers & Co, è nota per l’acquisto di banche in difficoltà e di pool di prestiti in sofferenza. Ex partner di Goldman Sachs che lasciò la banca d’investimento prima della sua quotazione nel 1999, Flowers ha fondato il gruppo 25 anni fa e da allora ha investito oltre 17 miliardi di dollari nel settore.

See also  Sarsfield, ex studente di Goldman, diventerà amministratore delegato del gestore patrimoniale P10

È noto soprattutto per aver risanato la banca in difficoltà del credito a lungo termine del Giappone all’inizio degli anni 2000 e per aver effettuato un’ondata di investimenti in difficoltà sulla scia del collasso finanziario del 2008. Tuttavia, alcuni investimenti di Flowers hanno subito perdite durante quel periodo. Il suo fondo più recente, raccolto nel 2022, era meno della metà di un fondo simile raccolto nel 2009.

Flowers ha detto di essere rimasto sorpreso dalla crisi bancaria regionale statunitense scoppiata a marzo. Ha rifiutato di partecipare a un’ultima iniezione di capitale di 500 milioni di dollari nel prestatore regionale della Silicon Valley Bank prima del suo rapido collasso, ma faceva parte di un consorzio di private equity che ha tentato senza successo di acquistare il prestatore dalla Federal Deposit Insurance Corporation.

Negli ultimi anni Flowers ha avuto successo sostenendo società finanziarie del Regno Unito come l’intermediazione online Interactive Investor, che è stata recentemente venduta ad Abrdn, e la banca sfidante OneSavings Bank.

Ha descritto il Regno Unito come una buona opportunità di investimento. “Le persone sono così negative nei confronti del Regno Unito in questo momento, quindi le cose costano poco. . . potrebbe essere un ottimo momento per investire”, ha affermato Flowers.

Leave a Comment