Truist in trattative per vendere il resto del suo ramo assicurativo per 10 miliardi di dollari: rapporto

Truist è in trattative per vendere il resto della sua attività di intermediazione assicurativa alla società di private equity Stone Point Capital per circa 10 miliardi di dollari, ha riferito Semafor lunedì.

Stone Point ha acquistato il 20% di Truist Insurance Holdings per 1,95 miliardi di dollari in un accordo annunciato a febbraio.

La potenziale svendita segna un po’ una svolta per Truist, che sembrava ottimista nel mantenere la maggior parte delle sue attività assicurative a partire da febbraio.

“Abbiamo considerato molte opzioni, ma crediamo che questo approccio massimizzi la nostra flessibilità strategica e finanziaria a lungo termine”, ha affermato all’epoca il CEO di Truist, Bill Rogers. “È importante sottolineare che, poiché stiamo vendendo solo una quota di minoranza, Truist continuerà a possedere e consolidare Truist Insurance Holdings, che continuerà a fornire un forte contributo alla nostra azienda.”

Tuttavia, da quando l’accordo è stato annunciato, una crisi di fiducia ha attraversato le banche regionali degli Stati Uniti sulla scia dei fallimenti di Silvergate, Signature, First Republic e Silicon Valley Bank. E i regolatori, guidati dalla Federal Reserve, hanno proposto nuovi standard per i requisiti patrimoniali che si stima costringeranno le banche con un patrimonio compreso tra 250 e 1 trilione di dollari a detenere circa il 10% in più di capitale.

Il rapporto Truist tra capitale in grado di assorbire le perdite e attività era pari al 9,6% al 30 giugno, poco più di 2 punti percentuali in più rispetto al minimo del 7,4% che potrebbe continuare a salire.

Se Truist scaricasse il resto delle sue attività assicurative, ciò potrebbe liberare altri 2 punti percentuali di capitale, ha indicato Rogers solo il mese scorso, secondo Semafor. E, va notato, il testamento biologico di Truist – l’opzione nucleare, per così dire – include la vendita della sua attività assicurativa in contanti. Truist potrebbe non guardare alle ultime risorse, ma il mese scorso ha annunciato uno sforzo per sostenere 750 milioni di dollari di risparmi sui costi nei prossimi 18 mesi.

See also  Migliore udienza iniziale dei debitori inadempienti, dicono le banche commerciali alla RBI

L’uscita dal settore assicurativo lascerebbe Truist con due principali linee di business: servizi bancari commerciali e di consumo. Potrebbe risolvere un problema di liquidità a breve termine, ma eliminerebbe un’opzione per Truist di crescere su larga scala.

“Siamo un contributore significativo per Truist”, ha affermato a febbraio John Howard, CEO di Truist Insurance Holdings, sottolineando che l’unità rappresenta il 13% delle entrate totali della banca, il 35% delle sue commissioni e l’8% del suo reddito netto.

Il ramo assicurativo – il settimo broker di istanze più grande della nazione – facilita circa 45 miliardi di dollari di premi e genera più di 3 miliardi di dollari di entrate annuali, disse Howard all’epoca.

Stone Point, dal canto suo, è cresciuta grazie ai suoi investimenti nel settore dei servizi finanziari. Prima di acquisire una partecipazione del 20% nel business assicurativo di Truist, l’anno scorso ha acquistato una partecipazione non di controllo nell’unità bancaria di TIAA, insieme a Warburg Pincus, Sixth Street, Bayview Asset Management e Reverence Capital Partners.

Un portavoce di Truist ha rifiutato di commentare a Semafor, o a Reuters, riguardo ad un possibile accordo. Stone Point non ha risposto alle richieste di commento da nessuno dei due punti vendita.

I colloqui sono in corso, secondo persone a conoscenza della questione, che hanno aggiunto che un accordo potrebbe dipendere dalla capacità di Stone Point di utilizzare abbastanza debito per alimentare un prestito di riscatto.

Leave a Comment