La concorrenza per le forniture di gas potrebbe inasprirsi tra l’UE e la Cina

Gli esperti prevedono un prossimo inverno mite in Europa, ma gli stati dell’UE potrebbero ancora affrontare carenze di gas liquefatto se la domanda dei concorrenti aumentasse.

ANNUNCIO

Secondo un nuovo rapporto della società di consulenza britannica Cornwall Insight, la fine dei blocchi per il Covid-19 in Cina ha aumentato quest’anno la domanda complessiva di gas della nazione del 6%.

Questa domanda non è attualmente rispecchiata da un aumento dell’appetito cinese per il gas liquefatto (GNL), ma gli esperti notano che ciò potrebbe cambiare durante i mesi più freddi a venire.

“Mentre la ripresa economica della Cina fa aumentare la domanda di gas e gli eventi mondiali fanno salire i prezzi alle stelle, l’Europa non può più aggrapparsi all’illusione del GNL on-demand”, ha affermato il dottor Matthew Chadwick, analista capo della ricerca presso Cornwall Insight.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, l’UE ha fatto maggiore affidamento sul GNL, una mossa che ha consentito al blocco di ridurre la propria dipendenza dal gasdotto russo.

Nel 2022 e nel 2023, sono stati importati nell’UE una media di 11,2 miliardi di metri cubi (miliardi di metri cubi) di GNL al mese, rispetto ai 6,6 miliardi di metri cubi al mese del 2021.

Importazioni verso gli Stati membri provengono prevalentemente dagli Stati Uniti (44%), sebbene l’UE dipenda anche dalla Russia (17%) e dal Qatar (13%) per il GNL.

L’anno scorso, l’Europa è riuscita a resistere ai mesi freddi meglio del previsto e le scorte generali di stoccaggio del gas erano piene al 55,7% alla fine del periodo invernale.

La cifra record è stata raggiunta grazie alle temperature miti e all’aumento dei prezzi dell’energia, che a loro volta hanno portato a una riduzione della domanda, ma i consulenti di Cornwall Insight hanno sconsigliato agli europei di compiacersi.

See also  Chiusura dei mercati: focus sull’economia dell’Eurozona e sugli utili della BP

“Una moltitudine di fattori, dai modelli meteorologici all’aumento della domanda in Asia, lasciano l’Europa esposta a potenziali carenze di gas se ripone la sua fiducia in un altro inverno ad alta temperatura e bassa concorrenza”, ha affermato il dottor Chadwick.

Bilanciare il GNL con il green

Anche quest’anno l’inverno europeo sarà più caldo del solito, ma gli esperti hanno espresso preoccupazione per gli effetti degli eventi globali sulla fornitura di GNL.

La guerra di Hamas in Israele, sciopero dei lavoratori del gas in Australia, o danni al Gasdotto Balticconnectorsono tutti esempi di come una più ampia instabilità possa spingere al rialzo i prezzi all’ingrosso dell’energia.

Poiché la Cina e altre nazioni asiatiche sono in grado di pagare prezzi più alti per il gas rispetto all’UE, ciò lascia il blocco in una posizione vulnerabile.

Una soluzione in questo caso è quella di garantire accordi di fornitura di GNL più a lungo termine invece di fare affidamento sui cosiddetti “acquisti sul mercato spot”, che sono essenzialmente transazioni immediate ma volatili.

Nel perseguimento della futura stabilità energetica, l’UE ha anche migliorato le proprie infrastrutture per combattere le strozzature commerciali.

La capacità di importazione del blocco può soddisfare circa il 40% della domanda totale di gas, ma l’accesso alle infrastrutture GNL è ancora disomogeneo tra gli Stati membri.

Tuttavia, quando si considerano i piani energetici a lungo termine, Cornwall Insight ha comunque consigliato all’UE di rimanere concentrata sui suoi obiettivi climatici.

Gli analisti affermano che, sebbene il GNL emetta il 40% in meno di CO2 rispetto al carbone e il 30% in meno rispetto al petrolio, rimane una fonte significativa di emissioni di carbonio, il che significa che dovrebbe essere visto solo come una soluzione transitoria.

See also  Come un attacco informatico ha paralizzato per ore la banca più grande del mondo

Leave a Comment