Il processo Sam Bankman-Fried offre alla giuria una visione dall’interno degli ultimi giorni di FTX Di Reuters

©Reuters. Il fondatore di FTX Sam Bankman-Fried viene interrogato dall’avvocato difensore Mark Cohen durante il suo processo per frode sul crollo dell’exchange di criptovalute in bancarotta, davanti al giudice distrettuale statunitense Lewis Kaplan presso la corte federale di New York City, USA, il 31 ottobre 2023.

Di Luc Cohen

NEW YORK (Reuters) – Il processo per frode a carico di Sam Bankman-Fried ha aperto una finestra senza precedenti su come un gruppo di laureati di università americane d’élite tra i 20 ei 30 anni abbia tentato, senza riuscirci, di evitare uno dei più grandi e rapidi tracollo aziendale mai.

Ora, il destino dell’ex miliardario 31enne potrebbe dipendere da come i giurati vedranno le sue azioni nei 10 giorni precedenti il ​​crollo dell’exchange di criptovalute FTX quasi un anno fa.

Durante il processo durato un mese presso la corte federale di Manhattan, i giurati hanno visto i post sui social media pubblicati da Bankman-Fried durante quella settimana in cui assicuravano ai clienti FTX in preda al panico che i loro fondi erano al sicuro. Hanno anche visto messaggi di testo interni che mostravano Bankman-Fried e altri dirigenti discutere di una carenza di fondi e dibattere su come gestire gli eventi.

I pubblici ministeri affermano che Bankman-Fried ha utilizzato i fondi dei clienti per pagare i finanziatori del suo hedge fund Alameda Research e che le sue false assicurazioni ai clienti ansiosi nel novembre 2022 erano una parte fondamentale del suo piano di frode.

I lavori della giuria, che inizieranno giovedì, si svolgeranno a porte chiuse. Ma la finestra di 10 giorni prima della dichiarazione di fallimento di FTX dell’11 novembre 2022 potrebbe essere una parte significativa delle loro discussioni.

La spirale mortale di FTX è iniziata il 2 novembre, quando CoinDesk, organo di informazione sulle criptovalute, ha pubblicato un bilancio di Alameda che mostrava che deteneva grandi quantità di FTT, il token interno di FTX, suggerendo stretti legami tra l’exchange e una società commerciale che Bankman-Fried ha affermato su Twitter era trattato come qualsiasi altro cliente.

See also  SEGA, double jump.tokyo entusiasta dei giochi blockchain

All’inizio non è successo nulla, ha testimoniato Caroline Ellison, ex amministratore delegato di Alameda e fidanzata occasionale di Bankman-Fried. Ma il 6 novembre, il capo tecnico di FTX, Nishad Singh, ha scritto a lei e a Bankman-Fried sull’applicazione di messaggistica crittografata Signal per dire che i clienti di FTX avevano ritirato 1,25 miliardi di dollari nell’ultimo giorno.

“Oof”, ha risposto Bankman-Fried, in un messaggio visto dai giurati.

Il laureato del Massachusetts Institute of Technology ha testimoniato che prima di allora i prelievi netti raramente superavano i 50 milioni di dollari.

‘QUESTO POTREBBE SEGNARE LA ROUTE’

Più tardi quello stesso giorno, Changpeng Zhao, capo dell’exchange di criptovalute rivale Binance, ha scritto su Twitter che il suo scambio aveva deciso di vendere le sue scorte di FTT “a causa delle recenti rivelazioni emerse”.

Con l’accumulo di prelievi, l’ex chief technology officer di FTX Gary Wang ha testimoniato che Singh – laureato nel 2017 all’Università della California a Berkley – ha bussato alla porta della sua camera da letto nell’attico da 35 milioni di dollari che condividevano con altri sette dipendenti di FTX e Alameda in le Bahamas, dove aveva sede lo scambio.

FTX non è riuscita a elaborare i prelievi abbastanza velocemente e Wang ha testimoniato che Singh aveva bisogno del suo aiuto per accelerare i suoi sistemi.

“Ero molto preoccupato che questo potesse significare la rovina”, ha testimoniato Singh – che, insieme a Wang ed Ellison, si è dichiarato colpevole di accuse di frode e ha accettato di collaborare con i pubblici ministeri.

Wang, un trentenne laureato del MIT, ha detto che Bankman-Fried gli ha chiesto quel giorno di capire di quanti soldi aggiuntivi aveva bisogno FTX per soddisfare i prelievi dei clienti.

See also  Il governo russo utilizzerà CBDC per tasse e benefici

Wang ha eseguito alcuni calcoli e poi ha comunicato a Bankman-Fried la risposta: 8 miliardi di dollari.

“Sembra corretto”, ha risposto Bankman-Fried, con un comportamento neutrale, secondo Wang.

Bankman-Fried ha quindi creato un gruppo di dirigenti Signal per discutere della “potenziale raccolta fondi”, ha testimoniato Ellison. All’inizio del 7 novembre, Bankman-Fried ha inviato tabelle che stimavano i fondi dei clienti a 12 miliardi di dollari, circa 8 miliardi di dollari in più rispetto ai 3,9 miliardi di dollari in contanti che FTX avrebbe potuto mettere insieme in una settimana.

In un messaggio visto dai giurati, Bankman-Fried ha suggerito quattro opzioni: chiamare i venture capitalist, inviare un “thread tweet sicuro”, interrompere i prelievi o ridurre il valore dei depositi.

“Ciò di cui abbiamo bisogno sono alcuni miliardi di dollari”, ha scritto Bankman-Fried in un documento condiviso con il gruppo. “Prenderemo tutto ciò che possiamo ottenere.”

“FTX VA BENE”

Più tardi quella mattina, Bankman-Fried ha pubblicato su Twitter: “FTX va bene. Gli asset vanno bene… FTX ha abbastanza per coprire tutte le partecipazioni dei clienti. Non investiamo gli asset dei clienti (nemmeno in titoli del Tesoro)”.

Ellison, Wang e Singh hanno testimoniato ciascuno che il post sulla piattaforma ora nota come X era fuorviante.

Testimoniando in sua difesa, Bankman-Fried ha affermato di ritenere che il post fosse accurato in quel momento e lo ha cancellato il giorno dopo, dopo un crollo del valore delle criptovalute detenute da Alameda.

Dopo aver pubblicato il tweet, Bankman-Fried si è dedicato alla raccolta di capitali. Can Sun, ex consigliere generale di FTX, ha testimoniato che intorno alle 13 gli è stato chiesto di partecipare a una chiamata con la società di private equity Apollo, che ha chiesto di vedere i rendiconti finanziari di FTX prima di fornire potenzialmente capitale di emergenza.

See also  Il prezzo di Bitcoin (BTC) crolla dopo la rimozione del ticker dell'ETF BlackRock Spot

Sun ha detto di essere rimasto “scioccato” quando il foglio di calcolo che ha ricevuto mostrava che FTX era a corto di 7 miliardi di dollari. Lo mandò comunque ad Apollo. Ha detto che Bankman-Fried in seguito gli disse che Apollo aveva chiesto una “giustificazione legale” per i fondi mancanti.

Quella sera disse a Bankman-Fried che non c’erano giustificazioni.

“Sam praticamente ha detto qualcosa del tipo, capito. Non era affatto sorpreso,” ha testimoniato Sun.

Non ci sarebbe alcun piano di salvataggio da parte dell’Apollo. Nella tarda serata del 7 novembre, Bankman-Fried ha contattato Zhao – il cui tweet meno di due giorni prima aveva accelerato la corsa su FTX – e ha siglato un accordo iniziale con Binance per l’acquisizione di FTX.

“Sono stato estremamente sollevato”, ha detto Ellison, un 28enne laureato a Stanford. “Se l’accordo andasse a buon fine, significherebbe che tutti i clienti di FTX avrebbero indietro i loro soldi.”

Ma l’accordo fallì il 9 novembre. Singh, che all’epoca testimoniò di avere intenzioni suicide, ritornò negli Stati Uniti quel giorno. Ellison è tornata a casa dei suoi genitori l’11 novembre, quando FTX ha dichiarato bancarotta. Wang ha lasciato le Bahamas il 16 novembre.

Tutti e tre avrebbero avuto il primo incontro con i procuratori federali entro la fine del mese.

Leave a Comment