Donna australiana arrestata dopo aver organizzato un pranzo che ha provocato la morte di 3 ospiti per sospetto avvelenamento da funghi

Il Philly Poison Control Center avverte di non mangiare funghi selvatici


Il Philly Poison Control Center avverte di non mangiare funghi selvatici

02:14

Giovedì la polizia australiana ha arrestato l’ospite di un pranzo che si svolgeva in tale occasione ha lasciato tre ospiti morti dal sospetto avvelenamento da funghi e da un predicatore locale che lotta per la vita.

La polizia di stato di Victoria ha eseguito un mandato di perquisizione presso la casa di Erin Patterson a Leongatha, dove i genitori del suo ex marito, Gail e Don Patterson, entrambi 70 anni, la sorella di Gail Patterson Heather Wilkinson, 66 anni, e suo marito Ian Wilkinson, 68 anni, si sono riuniti il ​​29 luglio a pranzo .

Tutti e quattro gli ospiti furono ricoverati in ospedale il giorno successivo e solo Ian Wilkinson, un pastore locale, sopravvisse. Ha trascorso quasi due mesi gravemente malato in ospedale prima di essere rilasciato il 23 settembre.

Funghi velenosi dell'Australia
Un agente di polizia e un cane indagano nella proprietà di Erin Patterson a Leongatha, Australia, giovedì 2 novembre 2023.

James Ross/AAP Immagine tramite AP


Gli investigatori della omicidi avrebbero interrogato Erin Patterson dopo che la perquisizione della sua casa fosse stata completata, ha detto l’ispettore investigativo della polizia di Victoria Dean Thomas.

“L’arresto di oggi è solo il passo successivo in quella che è stata un’indagine complessa e approfondita da parte degli investigatori della Squadra Omicidi e che non è ancora finita”, ha detto Thomas ai giornalisti.

L’indagine è stata oggetto di un interesse “incredibilmente intenso” da parte dei media e del pubblico in Australia e a livello internazionale, ha affermato.

“Penso che sia particolarmente importante tenere presente che in tutto questo tre persone hanno perso la vita”, ha detto Thomas.

Nelle comunità più piccole, “una tragedia come questa può riverberarsi negli anni a venire”, ha aggiunto.

La polizia ha detto di aver arrestato Patterson al mattino e di aver iniziato una perquisizione nella sua casa con l’aiuto di “cani rilevatori di tecnologia”, che possono fiutare dispositivi elettronici come le chiavi USB.

Gli investigatori avevano precedentemente interrogato il 49enne in merito al pranzo fatale, ma non era stata avanzata alcuna accusa.

Ha negato pubblicamente qualsiasi addebito.

“Sono devastata al pensiero che questi funghi possano aver contribuito alla malattia sofferta dai miei cari”, ha detto in una dichiarazione fornita all’epoca ai media australiani. “Voglio davvero ripetere che non avevo assolutamente alcun motivo di ferire queste persone che amavo.”

Alla fine di agosto si è tenuta una cerimonia commemorativa per Don e Gail Patterson. Il reverendo Fran Grimes ha detto alla congregazione che la comunità stava cercando di “proteggere e proteggere la famiglia da speculazioni e pettegolezzi spietati”.

Funghi dal cappello mortale

La polizia afferma che i sintomi riscontrati dai quattro commensali erano compatibili con un avvelenamento da parte di animali selvatici funghi del cappello della morte.

I funghi Death Cap germogliano liberamente in tutte le zone calde e umide dell’Australia e vengono facilmente confusi con varietà commestibili.

Secondo quanto riferito, hanno un sapore più dolce di altri tipi di funghi, ma possiedono potenti tossine che avvelenano lentamente il fegato e i reni.

I Death Caps sono responsabili del 90% degli avvelenamenti letali da funghi a livello globale, ha riferito la BBC. Nel 2020, un’ondata di avvelenamenti a Victoria ha ucciso una persona e ne ha ricoverate altre sette.

L’Australian Broadcasting Corp. ha riferito che Erin Patterson aveva scritto in una dichiarazione di aver cucinato una bistecca di manzo alla Wellington per il pranzo utilizzando funghi acquistati da un’importante catena di supermercati e funghi secchi da un negozio di alimentari asiatico.

Ha scritto che anche lei aveva mangiato il pasto e che in seguito aveva avuto dolori di stomaco e diarrea.

I suoi figli, che non erano presenti al pranzo, hanno mangiato un po’ degli avanzi di manzo Wellington il giorno successivo, ha riferito la BBC. Tuttavia i funghi erano stati raschiati dal piatto perché non gli piacevano, ha detto.

La polizia aveva già perquisito la sua casa il 5 agosto, il giorno in cui morì il terzo commensale.

L’AFP ha contribuito a questo rapporto.

See also  Le iscrizioni aperte sono qui: perché vale la pena un HSA

Leave a Comment