La Fed lascia nuovamente invariati i tassi di interesse, ma lascia la porta aperta a un altro rialzo

IL Riserva federale mercoledì ha mantenuto i tassi di interesse stabili per la terza volta quest’anno, anche se i banchieri centrali si confrontano con un’economia sorprendentemente resiliente e un’inflazione ancora troppo elevata.

La decisione, ampiamente attesa, ha lasciato i tassi di interesse invariati in un range compreso tra il 5,25% e il 5,5%, il livello più alto degli ultimi 22 anni. Ma i politici hanno anche lasciato la porta aperta a un ulteriore aumento prima della fine dell’anno, nel timore che l’inflazione “rimanga elevata”.

“Nel determinare l’entità dell’ulteriore rafforzamento della politica monetaria che potrebbe essere appropriato per riportare l’inflazione al 2% nel tempo, il comitato prenderà in considerazione l’inasprimento cumulativo della politica monetaria, il ritardo con cui la politica monetaria influenza l’attività economica e l’inflazione, e gli aspetti economici e finanziari. sviluppi finanziari”, ha affermato la Fed nella sua dichiarazione post-riunione.

LA LOTTA DELLA FED CONTRO L’INFLAZIONE PESA SULLA CLASSE MEDIA AMERICANA

I politici hanno alzato bruscamente i tassi di interesse nell’ultimo anno, approvando 11 aumenti dei tassi nella speranza di schiacciare l’inflazione e raffreddare l’economia. Nell’arco di soli 16 mesi, i tassi di interesse sono saliti da quasi zero a oltre il 5%, il ritmo di inasprimento più rapido dagli anni ’80.

L’aumento dei tassi di interesse tende a creare tassi più alti sui prestiti al consumo e alle imprese, che poi rallentano l’economia costringendo i datori di lavoro a tagliare la spesa. Tassi più alti hanno contribuito a spingere il tasso medio sui mutui trentennali sopra l’8% per la prima volta da decenni. Anche i costi di finanziamento per qualsiasi cosa, dalle linee di credito per la casa, ai prestiti per l’auto e alle carte di credito, sono aumentati.

See also  I rialzisti dei bond europei ripongono le speranze in un forte rallentamento dell'inflazione

Tuttavia, il rapido aumento dei tassi non ha impedito ai consumatori di spendere o alle imprese di assumere.

La Fed salta un aumento del tasso di interesse, ma i tassi ipotecari elevati potrebbero restare

La crescita economica ha accelerato inaspettatamente la scorsa settimana, con il prodotto interno lordo – la misura più ampia di beni e servizi prodotti nel paese – in aumento a un tasso annualizzato del 4,9% da luglio a settembre. Ha segnato il miglior guadagno dal 2021.

Il presidente della Fed Jerome Powell

Il presidente della Fed Jerome Powell parla durante una conferenza stampa a Washington, DC, il 22 marzo 2023. (Al Drago/Bloomberg via / Getty Images)

OTTIENI FOX BUSINESS IN MOVIMENTO CLICCANDO QUI

E contro ogni previsione, il mercato del lavoro è rimasto molto teso. La domanda di lavoratori continua a crescere superare il numero di posti di lavoro disponibilii licenziamenti restano limitati e l’economia continua ad aggiungere posti di lavoro a ritmo sostenuto.

I funzionari della Fed hanno riconosciuto che l’attività economica è stata “forte” nel terzo trimestre – un miglioramento rispetto alla riunione di settembre, quando i politici avevano descritto un ritmo di crescita “solido”. Hanno anche notato che la crescita dell’occupazione è “moderata”, rispetto alle dichiarazioni precedenti che affermavano che era “rallentata”.

Questa è una storia in via di sviluppo. Si prega di controllare nuovamente per gli aggiornamenti.

Leave a Comment