La domanda di protezioni per il collo aumenta vertiginosamente dopo la morte del giocatore di hockey: NPR

Lunedì i giocatori dei Pittsburgh Penguins e degli Anaheim Ducks hanno onorato l’ex giocatore dei Penguin Adam Johnson, morto durante una partita in Inghilterra. I Penguins stanno rendendo obbligatorie le protezioni per il collo per i giocatori delle leghe minori e esorteranno anche i giocatori della NHL a indossarle.

Gene J. Puskar/AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Gene J. Puskar/AP

Lunedì i giocatori dei Pittsburgh Penguins e degli Anaheim Ducks hanno onorato l’ex giocatore dei Penguin Adam Johnson, morto durante una partita in Inghilterra. I Penguins stanno rendendo obbligatorie le protezioni per il collo per i giocatori delle leghe minori e esorteranno anche i giocatori della NHL a indossarle.

Gene J. Puskar/AP

La tragedia che ha tolto la vita al giocatore di hockey Adam Johnson è già accaduta in questo sport – e sebbene tali incidenti siano rari, la morte di Johnson per un taglio al collo con uno skate sta spingendo le persone e le organizzazioni a cercare di evitare che accada di nuovo.

L’interesse per le protezioni per il collo resistenti al taglio è in aumento poiché sia ​​i giocatori di hockey dilettanti che professionisti cercano modi per garantire la loro sicurezza. In alcuni posti, l’attrezzatura è andata esaurita rapidamente dopo la morte di Johnson.

Johnson, un attaccante di 6 piedi, è morto sabato mentre giocava in Inghilterra per i Nottingham Panthers. In quello che la squadra ha descritto come uno “strano incidente”, il pattino di un altro giocatore gli ha tagliato il collo. Aveva 29 anni.

I Pittsburgh Penguins richiederanno protezioni per il collo nelle leghe minori

L’organizzazione dei Pittsburgh Penguins, dove Johnson aveva precedentemente giocato nella NHL, sta ora rendendo obbligatori gli indumenti di protezione per il collo per i giocatori dei livelli inferiori di hockey su ghiaccio, l’American Hockey League e l’ECHL.

See also  Chevron acquisterà il produttore petrolifero statunitense Hess per 53 miliardi di dollari

Johnson ha trascorso tre anni con i Wilkes-Barre/Scranton Penguins nella AHL e ha giocato più di una dozzina di partite della NHL per i Penguins.

Anche il club NHL dei Penguins sta esaminando le opzioni di sicurezza.

“In questo momento stiamo cercando di parlare con i nostri giocatori di alcuni dispositivi di protezione in quelle aree vulnerabili”, come il collo e i polsi, l’allenatore dei Pittsburgh Penguins Mike Sullivan detto martedì.

Sullivan ha affermato che, sebbene la squadra non abbia l’autorità per emettere un mandato a livello di NHL, i Penguins “incoraggeranno fortemente” i suoi giocatori a utilizzare le protezioni per il collo. Ha detto che spera che la lega sviluppi nuove opzioni per aiutare i giocatori a proteggersi.

“Questa potrebbe essere una delle cose positive che potrebbero venire fuori da questa terribile tragedia”, ha detto Sullivan.

La NHL non ha risposto immediatamente a un messaggio in cerca di commenti sulla questione; qualsiasi mandato su attrezzature e attrezzature richiederebbe anche l’approvazione della NHL Players ‘Association.

Le scorte di protezioni per il collo stanno esaurendosi

L’interesse dei consumatori per le protezioni per il collo è esploso in seguito alla morte di Johnson. Oggi, i visitatori del sito web di Warroad Hockey, una società di attrezzature e abbigliamento co-fondata dall’attaccante dei Washington Capitals TJ Oshie, vengono accolti da un avviso pop-up che li informa che la società ha recentemente esaurito la sua base resistente al taglio per collo e polsi. strati a causa di “un afflusso di domanda”.

Sia Oshie che Johnson provengono dal Minnesota, dove ha sede anche Warroad. L’azienda afferma di aver esaurito le protezioni per il collo solo un giorno dopo la tragica morte di Johnson. L’azienda ha introdotto l’attrezzatura per il collo solo un mese fa.

See also  La tempesta tropicale Ophelia attraversa la Carolina del Nord, portando forti piogge: NPR

“La mia motivazione era per i giovani”, ha detto Oshie alla stazione televisiva KARE di Minneapolis. “Sai, penso che una morte sia di troppo.”

Oshie si riferiva alla morte avvenuta l’anno scorso di Teddy Balkind, un sedicenne morto dopo essersi tagliato il collo durante una partita tra due squadre di scuole superiori nel Connecticut.

La NHL ha anche assistito a devastanti infortuni al collo causati dai pattini. Nel 1989, il portiere Clint Malarchuk dei Buffalo Sabres sopravvisse a un terribile taglio al collo.

E nel 2008, l’attaccante dei Florida Panthers Richard Zednik quasi perse la vita dopo che la sua gola fu tagliata dalla lama da skate di un compagno di squadra. Un anno dopo, l’ala dei Chicago Blackhawks Adam Burish ha subito un infortunio simile, anche se per fortuna meno grave.

Nonostante i rischi e il forte interesse a livello amatoriale, molti giocatori di hockey ritengono che l’adozione di protezioni per il collo a livello d’élite di questo sport sarà un processo lento, citando la resistenza degli atleti professionisti al cambiamento e le preoccupazioni sulla mobilità ridotta.

Lo stesso Oshie afferma di non aver indossato la protezione per il collo della sua azienda, ma che ha intenzione di provarla nella pratica.

Le leghe si stanno muovendo per adottare le protezioni per il collo

I problemi di approvvigionamento sono un fattore principale che potrebbe rallentare l’adozione di protezioni per il collo, ma non sono l’unico ostacolo. I giocatori avranno anche bisogno di tempo per sperimentare l’equipaggiamento per il collo e il polso, per trovare un equipaggiamento che sia comodo e che possano indossare senza alterarne le protezioni.

See also  Il CEO di Blackrock Fink interviene sulle voci sull'ETF Bitcoin

Poco dopo la morte di Johnson, la English Ice Hockey Association, l’organo di governo di questo sport, ha affermato che le protezioni per il collo diventeranno obbligatorie per tutti i giocatori a partire dal 1° gennaio 2024. Fino ad allora, ha affermato, raccomanderà vivamente l’attrezzatura.

“È inaccettabile che qualsiasi giocatore perda la vita praticando sport”, ha affermato l’EIHA. “La nostra responsabilità non è solo quella di evitare il ripetersi di un incidente così straziante, ma anche di affrontare preventivamente altri incidenti prevedibili in futuro.”

L’organo di governo non supervisiona l’Elite Ice Hockey League, la lega professionistica in cui Johnson ha giocato per il Nottingham. La data di entrata in vigore ritardata del mandato, ha affermato l’associazione, è “dovuta a problemi di fornitura previsti”.

Negli Stati Uniti, USA Hockey ha una politica che raccomanda a tutti i giocatori di indossare protezioni per il collo, citando “il potenziale coinvolgimento catastrofico di arterie, vene e nervi”.

Ma l’organo di governo afferma anche che ci sono “dati scarsi” sulle lacerazioni al collo, dalla loro frequenza all’efficacia delle protezioni per il collo nel prevenirle. Si rileva che i ricercatori hanno scoperto che il 27% dei giocatori di hockey che hanno subito una lacerazione al collo indossavano una protezione per il collo. Dice anche che mentre lesioni catastrofiche sono chiaramente possibili, la maggior parte dei tagli al collo da skate non erano pericolosi per la vita.

Uno studio accademico pubblicato nel 2015 ha inoltre scoperto che quando i ricercatori hanno sottoposto 14 diversi tipi di protezioni per il collo disponibili in commercio a tagli simulati con i pattini, l’attrezzatura ha mostrato un’ampia gamma di resistenza al taglio.

Leave a Comment