La Francia aumenta la presenza della polizia nelle sinagoghe perché gli ebrei temono ritorsioni a causa della guerra tra Israele e Hamas

La sicurezza è stata rafforzata attorno ai luoghi di culto e alle scuole ebraiche in diverse città francesi poiché i membri della comunità ebraica del paese temono un aumento degli attacchi antisemiti a causa della guerra tra Israele e Hamas.

ANNUNCIO

Gli ebrei francesi hanno detto domenica di temere che la guerra tra Israele e Hamas possa alimentare l’antisemitismo e renderli bersaglio di violenza.

La popolazione ebraica francese, stimata in oltre mezzo milione, è la più numerosa in Europa e la terza nel mondo, dopo Israele e Stati Uniti.

Yonathan Arfi, presidente del Consiglio delle istituzioni ebraiche in Francia, ha affermato che spesso esiste “una correlazione tra una fiammata di violenza in Medio Oriente e atti antisemiti in Francia”.

Aggressori come Mohamed Merah, che ha ucciso tre bambini e un adulto in una scuola ebraica a Tolosa nel 2012, “giustificano le loro azioni con ciò che sta accadendo ai bambini palestinesi”, ha detto.

Fuori da una sinagoga nel quartiere Marais di Parigi, Ady Walter ha detto di essere rimasto “senza parole per la prima volta in assoluto”. Come molti altri luoghi di culto e istituzioni ebraiche, la sinagoga aveva rafforzato la protezione della polizia dopo l’attacco di Hamas contro Israele di sabato.

Walter ha detto di temere che il conflitto possa diffondersi in tutto il Medio Oriente, ma anche che gli ebrei in Francia potrebbero essere “presi di mira dal rimbalzo”.

Domenica scorsa, Walter ha detto di aver chiesto a suo figlio di togliersi la kippa, uno zucchetto indossato dagli uomini ebrei ortodossi, quando attraversava la strada.

“Non si sa mai chi potrebbe esserci nelle macchine che passano”, ha detto.

See also  L'esperto di finanza rivela come la tendenza virale del cash stuffing può aiutarti a rispettare un budget

Il vicepresidente di una sinagoga di Blanc-Mesnil, a nord di Parigi, Gerard Nathan, ha detto che i fedeli che celebravano la festa ebraica di Simchat Torah “hanno detto le loro preghiere e poi se ne sono andati il ​​più velocemente possibile”.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanin ha convocato domenica presto i suoi servizi per un incontro sulla sicurezza “per proteggere i nostri concittadini ebrei da qualsiasi minaccia”, ha detto su X, ex Twitter.

Darmanin aveva precedentemente ordinato alle forze di sicurezza di “intensificare immediatamente la vigilanza, la sicurezza e la protezione dei siti della comunità ebraica in Francia”.

Ha chiesto l’impiego di soldati dell’operazione Sentinelle francese, una forza speciale dispiegata in tutto il paese dopo gli attacchi terroristici del 2015.

Il conflitto si è rapidamente fatto strada nella politica francese con il primo ministro Elisabeth Borne che ha condannato le osservazioni del politico di estrema sinistra Jean-Luc Melenchon e del suo partito La France Insoumise (LFI) che hanno affermato che l’attacco di Hamas “si inserisce nel contesto di un’intensificazione dell’occupazione israeliana”. politica”.

Borne ha definito l’osservazione “un’ambiguità rivoltante” e ha detto che “l’antisionismo” della LFI “potrebbe anche essere un modo per nascondere il loro antisemitismo”.

Jerome Guedj, deputato del partito socialista che è in una fragile alleanza con LFI, ha detto che la questione della permanenza è “ora sul tavolo”.

Leave a Comment