La giuria Bankman-Fried valuta i resoconti del duello sulla caduta di FTX

Nella stanza c’erano quattro persone. Questo è incontestabile.

Caroline Ellison, Gary Wang, Nishad Singh e Sam Bankman-Fried si sono seduti insieme nel giugno 2022 nell’ufficio delle Bahamas di FTX, l’exchange di criptovalute fondato da Bankman-Fried e Wang, che allora valeva 40 miliardi di dollari. Bankman-Fried e Wang possedevano anche Alameda, una società commerciale privata gestita da Ellison. E quel giorno Ellison temeva che Alameda fosse in bancarotta.

Nelle settimane successive all’incontro, Ellison autorizzò miliardi di rimborsi di prestiti finanziati infine prendendo in prestito da FTX. Bankman-Fried ha tentato senza successo di raccogliere più capitale per l’exchange di criptovalute e ha continuato a dire agli investitori, ai clienti e al resto del mondo che le sue due società erano completamente separate e finanziariamente forti. Ha promesso che i beni dei clienti erano al sicuro.

Loro non erano. Nel novembre 2022, troppi clienti hanno chiesto il rimborso dei propri soldi all’exchange e FTX non ha potuto pagare. Giorni dopo, FTX e Alameda hanno dichiarato fallimento. Tutte e quattro le persone presenti all’incontro di giugno sono state successivamente accusate di accuse penali, ma solo una è stata processata.

Con l’avvicinarsi della fine del processo contro Bankman-Fried, il caso contro di lui si riduce a ciò che è stato detto nella conversazione di Nassau a giugno, e chi sapeva cosa e quando.

Quando la giuria inizierà a deliberare più tardi questa settimana, dovrà decidere a quale versione degli eventi credere: Bankman-Fried ha ordinato ai suoi luogotenenti di drenare i fondi dei clienti e di insabbiare il tutto? Oppure i suoi più stretti alleati hanno commesso errori che hanno portato FTX al disastro, cosa che Bankman-Fried non ha scoperto finché non era troppo tardi?

Una questione centrale è se sia plausibile che Bankman-Fried – con la sua laurea presso il Massachusetts Institute of Technology, il suo pedigree in Jane Street Capital e il suo famoso intelletto – abbia lasciato la riunione di giugno dopo aver sentito che Alameda avrebbe potuto essere in bancarotta senza essere stato bloccato i dettagli.

«Non sei mai andato a fondo della questione?» ha chiesto questa settimana l’assistente procuratore americano Danielle Sassoon durante il controinterrogatorio. Bankman-Fried ha detto che i suoi migliori luogotenenti stanno risolvendo la cosa. “Mi fidavo di loro”, ha detto.

Uno schizzo in aula di Sam Bankman-Fried durante il controinterrogatorio presso il tribunale federale di Manhattan
Uno schizzo in aula di Sam Bankman-Fried durante il controinterrogatorio nella corte federale di Manhattan martedì ©Jane Rosenberg/Reuters

Wang, Ellison e Singh si sono tutti dichiarati colpevoli di frode e stanno collaborando con i pubblici ministeri, dopo aver preso posizione contro il loro ex capo. I loro ricordi apparivano più concreti di quelli di Bankman-Fried, che dozzine di volte disse ai pubblici ministeri di “non ricordare” dettagli cruciali.

See also  Croce d'Oro, calo di volume e mancanza di chiarezza: quale sarà il futuro? Di U.Today

Wang, amico del college di Bankman-Fried e taciturno braccio destro, ed Ellison, la sua ex ragazza, hanno entrambi testimoniato che Bankman-Fried era stato informato del debito di oltre 10 miliardi di dollari che Alameda aveva già nei confronti di FTX a giugno, e l’aveva comunque autorizzata a prendere in prestito anche di più per evitare di non essere in grado di onorare i suoi prestiti e di far crollare il suo impero commerciale. Hanno detto che il denaro proveniva dai clienti FTX: non c’era nessun’altra fonte di così tanto denaro.

Ellison ha raccontato la stessa storia in un incontro con i suoi dipendenti a novembre, mentre FTX stava crollando e prima di venire a conoscenza delle indagini statunitensi. La giuria ha ascoltato spezzoni di una registrazione dell’incontro, in cui è stato chiesto a Ellison chi avesse approvato l’uso del denaro dei clienti di FTX per ripagare i prestiti di Alameda.

“Ehm… . . Sam, immagino”, rispose.

Il 31enne ex miliardario cripto, che sostiene la sua innocenza, ha preso posizione in sua difesa in una scommessa finale ad alto rischio per evitare potenzialmente decenni di prigione. Ha affermato che è stata un’idea di Ellison rimborsare i prestiti a giugno.

“Non credevo che Alameda avesse bisogno di prendere in prestito da FTX per elaborare i rimborsi del prestito”, ha detto ai giurati. Più tardi, ha detto che “non era sicuro. . . indipendentemente dal fatto che questo sia stato fatto emergere o meno in un punto o nell’altro”.

La quarta persona presente all’incontro ha raccontato una storia leggermente diversa. Anche Singh, un amico d’infanzia del fratello minore di Bankman-Fried, si è dichiarato colpevole e sta collaborando. Ha detto di essere uscito dall’incontro di giugno con dei sospetti, ma con l’impressione che tutto andasse bene.

Singh ha detto di essersi reso conto che i fondi dei clienti erano stati saccheggiati a settembre, quando Ellison gli ha detto che Alameda non era in grado di ripagare i suoi debiti con FTX. Ha detto di aver affrontato Bankman-Fried sul balcone del loro attico alle Bahamas lo stesso giorno e che il suo capo non era sorpreso.

See also  Giorno 6 del processo del fondatore di FTX, Sam Bankman-Fried: riepilogo

Nel deliberare, i 12 giurati dovranno soppesare queste contraddizioni. Daniel Silva, ex procuratore federale presso lo studio legale Buchalter, ha detto che Bankman-Fried ha cercato di dimostrare che “sapeva alcune cose e abbiamo commesso degli errori, ma altre persone erano direttamente responsabili della maggior parte delle decisioni critiche. . . È una linea davvero dura da seguire.

Tuttavia, Silva ha aggiunto: “Se trova un giurato che non è convinto, è una giuria sospesa”.

Una foto dell'accusa ha mostrato alla giuria di Sam Bankman-Fried addormentato su un jet privato
Una foto dell’accusa ha mostrato alla giuria di Sam Bankman-Fried addormentato su un jet privato

Nel corso di quattro giorni di maratona di testimonianze, terminata martedì, Bankman-Fried ha dichiarato di essere ignorante. Ha affermato di ritenere che i debiti di Alameda nei confronti dell’exchange fossero gestibili, circa 2 miliardi di dollari. Ha detto di essere stato “molto sorpreso” in ottobre quando ha scoperto che più di 8 miliardi di dollari erano contabilizzati in una parte diversa dei sistemi FTX.

L’incessante controinterrogatorio del governo ha martellato la questione di dove siano finiti gli 8 miliardi di dollari. “Non hai detto ai tuoi dipendenti di non spendere i soldi dei clienti FTX?” chiese Sassoon.

“Non ricordo di aver dato indicazioni”, ha detto Bankman-Fried. “Mi rammarico profondamente di non aver approfondito la questione.”

“È la tua testimonianza che . . . qualche persona sconosciuta ha speso 8 miliardi di dollari a tua insaputa?” chiese Sassoon. “Non avete chiamato i vostri delegati e dipendenti e avete chiesto ‘chi ha speso 8 miliardi di dollari?’”

Interrogato dai suoi stessi avvocati, Bankman-Fried in seguito disse che “i fondi venivano depositati e ritirati ovunque ogni giorno” e che nessuna “singola persona” era responsabile della spesa, che includeva miliardi in investimenti di capitale di rischio, immobili e star. -marketing costellato di soldi.

“Il denaro è comunque fungibile”, ha aggiunto.

I pubblici ministeri hanno fatto riferimento ad altre teorie sulla colpevolezza di Bankman-Fried, tra cui quella secondo cui FTX e Alameda costituivano una cospirazione corrotta fin dal lancio dell’exchange nel 2019. Hanno mostrato un tweet del 2019 in cui Bankman-Fried diceva: “Alameda è un fornitore di liquidità su FTX ma il loro conto è proprio come quello di tutti gli altri.”

La giuria ha visto una montagna di prove tecniche e testimonianze che contraddicono questa affermazione. Bankman-Fried ha sottolineato che il suo tweet stava rispondendo a una domanda più ristretta sul fatto se Alameda potesse gestire le operazioni di altri clienti su FTX, ma ha ammesso sul banco dei testimoni di sapere almeno dal 2020 che la sua azienda ha superato il normale regole su quando le posizioni verrebbero liquidate.

See also  Il prezzo dell'oro tocca Rs 61.539, i rivenditori offrono sconti per la quarta settimana

Il governo ha anche prodotto note private scritte da Bankman-Fried dopo il crollo di FTX in cui affermava: “Se Alameda fosse stata una società commerciale separata al 100% e completamente indipendente in ogni modo, questo non sarebbe successo”.

Estratto degli appunti privati ​​scritti da Sam Bankman-Fried dopo il crollo di FTX a novembre, mostrati in tribunale
Estratto degli appunti privati ​​scritti da Sam Bankman-Fried dopo il crollo di FTX a novembre, mostrati in tribunale

Esiste anche un possibile motivo di condanna più ristretto. I pubblici ministeri hanno ripetutamente mostrato i tweet della giuria inviati da Bankman-Fried la settimana prima del collasso di FTX, rassicurando i clienti che i loro “beni vanno bene” e che “FTX ha abbastanza per coprire tutte le partecipazioni dei clienti”. Due clienti dell’exchange hanno testimoniato di aver letto questi tweet in quel momento e di aver lasciato denaro sui loro conti FTX fino a quando non è stato troppo tardi.

Anche se era a conoscenza degli enormi debiti di Alameda, Bankman-Fried ha affermato che quando ha inviato il tweet ha pensato: “Alameda aveva ancora un valore patrimoniale netto di circa 10 miliardi positivi”. [and] FTX non aveva buchi nel suo bilancio”.

Questa convinzione era in gran parte basata sulle enormi scorte di token crittografici detenute da Alameda e strettamente legate a FTX. Alla domanda se questi token fossero davvero liquidi, ha affermato: “La liquidità non è una classificazione binaria”.

Se la giuria ha dei dubbi su cosa sia realmente accaduto tra i quattro ex amici a Nassau a giugno, o su cosa stesse succedendo nella testa di Bankman-Fried, sulle sue disperate affermazioni nel novembre 2022 – mentre cercava di fermare l’implosione del suo impero – potrebbe essere l’ultima linea di difesa dell’accusa.

Ciò che manca al governo è la pistola fumante. Non esiste alcuna prova evidente che mostri inequivocabilmente la cospirazione di Bankman-Fried, nero su bianco. I pubblici ministeri hanno dato molta importanza al fatto che abbia impostato l’eliminazione automatica delle sue chat crittografate per implicare che abbia deliberatamente distrutto i messaggi più incriminanti.

Il tessuto connettivo del caso governativo, come i dettagli dell’incontro di giugno, proviene dai loro testimoni chiave. In tutte le conversioni cruciali, le persone presenti ora raccontano due storie diverse. Tutto si riduce a “lui ha detto, loro hanno detto” – e da quale parte crederà la giuria.

Video: FTX: la leggenda di Sam Bankman-Fried | Pellicola FT

Leave a Comment