L’attentato suicida pakistano vicino a una moschea nel Balochistan uccide più di 50 persone riunite per la processione religiosa

Islamabad, Pakistan – Un raduno religioso per celebrare il compleanno del profeta Maometto è diventato mortale venerdì in Pakistan quando un attentatore suicida ha fatto esplodere un potente ordigno, uccidendo almeno 52 persone e lasciandone altre 70 ferite in un attacco contro i fedeli e la polizia.

Funzionari locali hanno affermato che l’esplosione nel distretto di Mastung, nella provincia sud-occidentale del Baluchistan, in Pakistan, che ha dovuto affrontare una ribellione nazionalista durata decenni e molteplici attacchi da parte della fazione Isis nella regione, aveva preso di mira il corteo mentre i fedeli lasciavano la moschea.

PAKISTAN-DISORDINI-RELIGIONE
Funzionari della sicurezza esaminano il luogo di un attentato suicida contro una processione che celebrava il compleanno del profeta Maometto nel distretto di Mastung, Baluchistan, Pakistan, il 29 settembre 2023.

AFP tramite Getty


Nessun gruppo ha immediatamente rivendicato la responsabilità dell’esplosione di venerdì, ma i talebani pakistani, un insieme di sottogruppi estremisti religiosi separati dai talebani afghani ma strettamente alleati con il gruppo che ha ripreso il potere in Afghanistan nell’agosto 2021, hanno negato ogni responsabilità.

ISIS-Khorasan o ISIS-Kun ramo del gruppo terroristico che opera in Pakistan e Afghanistan, è attivo anche nella provincia e ha rivendicato precedenti attacchi mortali in Baluchistan e altrove.

I nazionalisti Baluchi che combattono da anni per l’indipendenza nella provincia ricca di petrolio al confine con l’Afghanistan e l’Iran in genere prendono di mira i funzionari della sicurezza piuttosto che i civili.

Il video trasmesso dalle stazioni televisive pakistane e pubblicato sui social media mostrava le vittime insanguinate dell’esplosione e parti del corpo sparse sul luogo dell’esplosione.

Bombardamento del Pakistan
In questa foto fornita dall’ufficio di polizia distrettuale, un ragazzo ferito nell’esplosione di una bomba riceve cure in un ospedale di Mastung, vicino a Quetta, Pakistan, il 29 settembre 2023.

Ufficio distrettuale di polizia/AP


Il dottor Saeed Mirwani, amministratore delegato del locale Nawab Ghous Bakhsh Raisani Memorial Hospital, ha detto ai giornalisti che dozzine di vittime sono state curate presso la struttura, mentre più di 20 vittime gravemente ferite sono state inviate nella capitale provinciale di Quetta per cure più avanzate.

“Il processo di spostamento dei corpi e dei feriti è in corso”, ha detto il direttore generale dell’ospedale.

Alcune ore dopo l’esplosione suicida nella provincia del Baluchistan, un’altra esplosione ha devastato una moschea nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa, che confina anche con l’Afghanistan, hanno detto i funzionari, uccidendo almeno due persone.

Il tetto della moschea è crollato nell’esplosione, ha riferito l’emittente locale Geo News, aggiungendo che circa 30-40 persone sono rimaste sepolte sotto le macerie.

Il presidente del Pakistan Arif Alvi ha condannato entrambi gli attacchi e ha chiesto alle autorità di fornire tutta l’assistenza possibile ai feriti e alle famiglie delle vittime.

In una dichiarazione, il ministro ad interim dell’Interno Sarfraz Bugti ha denunciato l’attentato, definendolo un “atto atroce” prendere di mira le persone durante la processione religiosa.

PAKISTAN-DISORDINI-RELIGIONE
Un parente piange la vittima di un attacco suicida, in un ospedale di Quetta, Pakistan, il 29 settembre 2023, dopo che un attentatore ha preso di mira una processione che celebrava il compleanno del profeta Maometto nel distretto di Mastung della provincia del Balochistan.

BANARAS KHAN/AFP/Getty


Il governo aveva dichiarato venerdì festa nazionale per celebrare il compleanno del profeta Maometto.

La Commissione per i diritti umani del Pakistan ha affermato che è “inaccettabile che i residenti del Baluchistan siano costretti a vivere nella paura costante in un contesto di deterioramento della legge e dell’ordine”.

“I responsabili di questo attacco atroce devono essere assicurati alla giustizia. L’HRCP ritiene, tuttavia, che l’iper-cartolarizzazione non risolverà il problema della sicurezza nella provincia”, ha aggiunto in una dichiarazione condivisa sui social media.

Subito dopo la notizia delle esplosioni in Baluchistan e Khyber Pakhtunkhwa, la polizia della provincia più popolosa del Pakistan, il Punjab, e della sua città più grande, Karachi, ha detto che stavano rafforzando la sicurezza intorno alle moschee durante la preghiera del venerdì.

L’attentato di venerdì è stato tra i peggiori attentati avvenuti in Pakistan negli ultimi dieci anni. Nel 2014, 147 persone, per lo più scolari, furono uccise in un attacco talebano contro una scuola gestita dall’esercito nella città nordoccidentale di Peshawar.

A fine gennaio, più di 100 persone furono uccise, per lo più poliziotti, in una moschea all’interno di un complesso ad alta sicurezza che ospita il quartier generale della polizia di Peshawar. A luglio, almeno 54 persone sono state uccise da un attentatore suicida inviato dall’ISIS-K ha preso di mira un comizio elettorale per un partito filo-talebano nel nord-ovest del Paese.

See also  I venezuelani superano per la prima volta i messicani negli attraversamenti illegali della frontiera statunitense: NPR

Leave a Comment