Le autorizzazioni di sicurezza per i potenziali offerenti IDBI sono probabili entro la fine di ottobre

Le autorizzazioni di sicurezza per i potenziali offerenti di IDBI Bank potrebbero arrivare entro la fine di ottobre, quasi 10 mesi dopo la prima presentazione delle manifestazioni di interesse (EoI) per la banca da parte di quattro parti, secondo fonti a conoscenza della questione.

“Le agenzie hanno cercato informazioni per effettuare controlli sui precedenti penali dei potenziali richiedenti. Questi richiedono tempo poiché implicano il coordinamento con più giurisdizioni internazionali. È previsto per questo mese”, ha detto una persona informata.

La cessione di IDBI Bank prevede per gli offerenti un requisito di nulla osta di sicurezza in due fasi.

Nella prima fase, è obbligatorio un nulla osta di sicurezza per accedere a informazioni riservate sulla banca ed effettuare la due diligence. Nelle fasi successive, una volta deciso l’offerente vincitore, è richiesto un secondo nulla osta di sicurezza.

Il governo ha formato un comitato di sicurezza composto da funzionari del ministero dell’Interno, del dipartimento degli investimenti e della gestione dei beni pubblici e del ministero degli affari esteri per coordinare le autorizzazioni di sicurezza.

Fairfax, Kotak, Emirates NBD Bank e Oaktree Capital sono i quattro partiti che hanno presentato le EoI il 7 gennaio, secondo le fonti. Il Ministero degli Affari Interni sotto la cui giurisdizione rientrano le agenzie di indagine non ha risposto alle domande di ET. Anche Fairfax, Kotak Mahindra Bank, Emirates NBD e Oaktree Capital non hanno commentato. Il governo indiano e la Life Insurance Corporation of India detengono collettivamente una partecipazione del 94% in IDBI Bank. Vendono la quota del 60,72% della banca e si separano dal controllo di gestione. La quota che stanno vendendo vale oltre 5 miliardi di dollari agli attuali prezzi di mercato.

See also  I membri italiani della coalizione rischiano un altro scontro con gli investitori

La presentazione delle EoI è il primo passo del processo di disinvestimento di IDBI Bank, che sarà la prima banca indiana ad essere venduta attraverso una procedura di gara competitiva. Il processo di disinvestimento è stato avviato dal ministero delle Finanze nell’ottobre 2022 con il lancio del documento informativo preliminare che descrive in dettaglio i contorni della vendita della quota e le condizioni dell’offerta.

Secondo i termini dell’EoI, la Reserve Bank of India (RBI) deve anche dichiarare il richiedente “idoneo e onorato” prima che gli sia consentito accedere a informazioni riservate sulla banca e avviare la due diligence. Anche la RBI è nelle fasi finali di tale valutazione, come da fonti citate in precedenza.

Leave a Comment