Mercato azionario oggi: azioni globali contrastate in vista della decisione della Fed sui tassi

TOKYO (AP) – Mercoledì le azioni globali sono state miste mentre i mercati attendevano una decisione sui tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Il CAC 40 francese è sceso meno dello 0,1% a 7.281,23 e il DAX tedesco ha guadagnato lo 0,3% a 15.715,93.

Il FTSE 100 britannico ha guadagnato lo 0,6% a 7.704,97 dopo che il governo ha riferito l’inflazione è scesa inaspettatamente in agosto al livello più basso dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, che ha portato a forti aumenti dei costi energetici e alimentari.

L’Ufficio per le statistiche nazionali ha affermato che l’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 6,7% in agosto rispetto all’anno precedente, in calo rispetto al 6,8% di luglio.

I futures statunitensi sono rimasti poco variati, con i contratti sia per l’S&P 500 che per i titoli industriali Dow in rialzo inferiore allo 0,1%.

La Fed ha avviato una riunione sui tassi di interesse martedì, con un annuncio previsto per mercoledì successivo.

I trader sono divisi sulla possibilità che la Fed aumenti nuovamente i tassi quest’anno, ma si aspettano in gran parte che la Fed inizi a tagliare i tassi l’anno prossimo. Tali tagli possono agire come steroidi per i mercati finanziari, dando impulso a tutti i tipi di investimenti.

Venerdì la banca centrale giapponese concluderà una riunione di due giorni sulla definizione delle politiche.

Negli scambi asiatici, il Nikkei 225 giapponese è sceso dello 0,7% chiudendo a 33.023,78. L’indice S&P/ASX 200 australiano è scivolato dello 0,5% a 7.163,30. Il Kospi della Corea del Sud è rimasto poco cambiato, in rialzo di meno dello 0,1% a 2.559,74. L’Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,6% a 17.885,60, mentre lo Shanghai Composite ha ceduto lo 0,5% a 3.108,57.

See also  Biden non apparirà alle primarie nel New Hampshire. Ecco perché.

I dati commerciali per il Giappone hanno mostrato che le esportazioni sono diminuite dello 0,8% il mese scorso rispetto all’anno precedente, segnando il secondo mese consecutivo di calo, mentre le esportazioni verso la Cina sono crollate dell’11%. Le esportazioni del Giappone verso gli Stati Uniti sono aumentate del 5,1%, mentre quelle verso l’Europa sono aumentate del 12,7%. Secondo i dati del Ministero delle Finanze, per categoria di prodotto, le esportazioni di automobili sono aumentate del 40,9%, mentre quelle di semiconduttori sono aumentate dell’8,1%.

“Riteniamo che la debole ripresa in Cina continuerà ad avere un impatto negativo sulle esportazioni per un po’, ma i semiconduttori sembrano aver toccato il fondo del ciclo di ribasso”, ha affermato in un comunicato Robert Carnell, responsabile regionale della ricerca Asia-Pacifico presso ING. un report.

Secondo lui, il forte contributo alla crescita economica derivante dalle esportazioni nel trimestre aprile-luglio dovrebbe indebolirsi in questo trimestre.

In un aggiornamento sull’economia cinese, i funzionari di Pechino hanno riconosciuto le sfide nel rilanciare la crescita della seconda economia mondiale, ma hanno detto ai giornalisti di essere fiduciosi che una ripresa sia in corso e che abbiano la capacità di garantire la stabilità dei mercati finanziari.

Per settimane i mercati globali hanno oscillato sull’incertezza riguardo al fatto se la Fed avesse terminato i suoi aumenti dei tassi di interesse che avrebbero scosso il mercato. Portando il tasso di interesse principale al livello più alto degli ultimi due decenni, la Fed ha aiutato l’inflazione a raffreddarsi rispetto al picco dello scorso anno, ma al prezzo di danneggiare i prezzi degli investimenti e danneggiare alcuni settori dell’economia.

See also  Uomo arrestato poche ore dopo lo stupro e l'omicidio di una bambina di 5 anni in Kansas

Martedì, il benchmark S&P 500 è sceso dello 0,2%, mentre il Dow Jones Industrial Average è sceso dello 0,3%. Il Nasdaq composito ha perso lo 0,2%.

Nel commercio energetico, il greggio statunitense di riferimento ha perso 92 centesimi a 90,28 dollari al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. Martedì è sceso di 28 centesimi a 91,20 dollari. Quest’anno è aumentato di circa il 13% poiché i paesi produttori di petrolio hanno ridotto la produzione. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è sceso di 91 centesimi a 93,43 dollari al barile.

Nel commercio valutario, il dollaro USA è salito a 148,14 yen giapponesi da 147,81 yen. L’euro è costato 1,0693 dollari, rispetto a 1,0681 dollari.

Leave a Comment