Prezzi delle case tedeschi ai minimi storici

I prezzi degli immobili residenziali in Germania hanno registrato il calo più marcato da quando è iniziata la raccolta dei dati nel 2000, con le città più grandi che hanno registrato cali più drastici.

Secondo i dati del governo, i prezzi delle case tedesche sono scesi di più da quando sono iniziate le registrazioni nel secondo trimestre, poiché gli alti tassi di interesse e l’aumento dei costi dei materiali hanno avuto un impatto negativo sul mercato immobiliare nella più grande economia europea.

ANNUNCIO

Su base annua i prezzi degli immobili residenziali sono diminuiti del 9,9%, il calo più marcato dall’inizio della raccolta dei dati nel 2000, ha riferito venerdì l’Ufficio federale di statistica.

I prezzi sono scesi dell’1,5% nel trimestre, con diminuzioni più marcate nelle città più grandi che nelle aree scarsamente popolate.

In città come Berlino, Amburgo e Monaco i prezzi degli appartamenti sono scesi del 9,8% mentre quelli delle case uni e bifamiliari sono scesi del 12,6% su base annua.

Per un decennio, i bassi tassi di interesse hanno alimentato un boom immobiliare nel più grande mercato di investimenti immobiliari d’Europa. Un forte aumento dei tassi e l’aumento dei costi di costruzione hanno messo fine alla corsa, portando una serie di sviluppatori all’insolvenza mentre gli affari si bloccavano e i prezzi crollavano.

I permessi di costruzione per appartamenti in Germania sono diminuiti del 31,5% a luglio rispetto all’anno precedente, ha reso noto lunedì l’ufficio statistico, poiché i prezzi delle costruzioni sono aumentati di quasi il 9% su base annua.

La Germania mira a costruire 400.000 appartamenti all’anno, ma fatica a raggiungere l’obiettivo.

L’associazione tedesca dell’edilizia abitativa GdW ha lanciato venerdì l’allarme sulla situazione e chiede il sostegno del governo alle imprese di costruzione.

See also  La Nuova Zelanda elegge il governo di centro-destra per l’era post-pandemia

“La crisi dell’edilizia in Germania peggiora di giorno in giorno e raggiunge sempre più la fascia media della società”, afferma in un comunicato la GdW, che rappresenta circa 3.000 imprese edili a livello nazionale.

GdW ha chiesto un taglio dell’imposta sul valore aggiunto (Iva) al 7% dall’attuale livello del 19% per affitti a prezzi accessibili e prestiti di finanziamento governativo con un tasso di interesse dell’1% per sostenere le aziende.

Lunedì il governo terrà un vertice con l’industria per discutere la situazione.

La GdW e l’associazione dei proprietari Haus&Grund hanno affermato che boicotteranno il vertice perché hanno poca influenza sulla sua agenda.

ANNUNCIO

Il governo tedesco prevede di presentare un pacchetto di aiuti per l’industria entro la fine del mese dopo aver annunciato piani per promuovere il settore delle costruzioni, inclusa la riduzione dei requisiti normativi e burocratici.

Leave a Comment