Un uomo dell’Arkansas riceve il primo trapianto oculare completo al mondo: NPR

Questa foto di famiglia mostra Aaron James e sua figlia Allie nel settembre 2022. Aaron stava lavorando per un’azienda di linee elettriche nel giugno 2021 quando è rimasto scioccato da un cavo sotto tensione. È quasi morto. Alla fine ha perso il braccio sinistro, necessitando di una protesi. Il suo occhio sinistro danneggiato era così doloroso che doveva essere rimosso.

AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

AP

Questa foto di famiglia mostra Aaron James e sua figlia Allie nel settembre 2022. Aaron stava lavorando per un’azienda di linee elettriche nel giugno 2021 quando è rimasto scioccato da un cavo sotto tensione. È quasi morto. Alla fine ha perso il braccio sinistro, necessitando di una protesi. Il suo occhio sinistro danneggiato era così doloroso che doveva essere rimosso.

AP

NEW YORK — I chirurghi hanno eseguito il primo trapianto al mondo di un intero occhio umano, un’aggiunta straordinaria a un trapianto di faccia, anche se è troppo presto per sapere se l’uomo vedrà mai attraverso il suo nuovo occhio sinistro.

Un incidente con le linee elettriche ad alta tensione aveva distrutto la maggior parte del viso e un occhio di Aaron James. Il suo occhio destro funziona ancora. Ma i chirurghi della NYU Langone Health speravano che la sostituzione di quello mancante avrebbe prodotto risultati estetici migliori per il suo nuovo viso, supportando l’orbita oculare e la palpebra trapiantate.

Il team della New York University ha annunciato giovedì che finora sta facendo proprio questo. James si sta riprendendo bene dal doppio trapianto dello scorso maggio e l’occhio donato sembra straordinariamente sano.

“Mi sento bene. Non ho ancora alcun movimento. La mia palpebra, non riesco ancora a battere le palpebre. Ma ora ho delle sensazioni,” ha detto James all’Associated Press mentre i medici esaminavano i suoi progressi di recente.

See also  Il jackpot del Powerball raggiunge la soglia del miliardo di dollari dopo che nell'estrazione di sabato non c'è stato alcun vincitore del primo premio

“Devi iniziare da qualche parte, ci deve essere una prima persona da qualche parte”, ha aggiunto James, 46 anni, di Hot Springs, Arkansas. “Forse imparerai qualcosa che aiuterà la prossima persona.”

Oggi, i trapianti di cornea – il tessuto trasparente davanti all’occhio – sono comuni per trattare alcuni tipi di perdita della vista. Ma trapiantare l’occhio intero – il bulbo oculare, il suo apporto di sangue e il nervo ottico critico che deve collegarlo al cervello – è considerato un colpo di luna nel tentativo di curare la cecità.

Qualunque cosa accada dopo, l’intervento chirurgico di James offre agli scienziati una finestra senza precedenti su come l’occhio umano cerca di guarire.

“Non stiamo sostenendo che ripristineremo la vista”, ha detto il dottor Eduardo Rodriguez, capo della chirurgia plastica della New York University, che ha guidato il trapianto. “Ma non ho dubbi che siamo un passo più vicini.”

Alcuni specialisti temevano che l’occhio si sarebbe rapidamente avvizzito come un’uvetta. Invece, quando Rodriguez ha aperto la palpebra sinistra di James il mese scorso, l’occhio color nocciola donato era paffuto e pieno di fluido come il suo occhio blu. I medici riscontrano un buon flusso sanguigno e nessun segno di rigetto.

Ora i ricercatori hanno iniziato ad analizzare le scansioni del cervello di James che hanno rilevato alcuni segnali sconcertanti provenienti da quel nervo ottico importantissimo ma danneggiato.

Uno scienziato che ha studiato a lungo come rendere i trapianti oculari una realtà ha definito l’intervento entusiasmante.

“Si tratta di una straordinaria conferma” degli esperimenti sugli animali che hanno mantenuto in vita gli occhi trapiantati, ha affermato il dottor Jeffrey Goldberg, titolare della cattedra di oftalmologia presso l’Università di Stanford.

L’ostacolo è come far ricrescere il nervo ottico, anche se gli studi sugli animali stanno facendo passi da gigante, ha aggiunto Goldberg. Ha elogiato “l’audacia” del team della New York University anche nel puntare alla riparazione del nervo ottico e spera che il trapianto stimolerà ulteriori ricerche.

See also  Il ridisegno della mappa del Congresso della Louisiana bloccato dalla corte d'appello: NPR

“Siamo davvero sul punto di poterlo fare”, ha detto Goldberg.

James stava lavorando per una società di linee elettriche nel giugno 2021 quando è rimasto scioccato da un cavo sotto tensione. È quasi morto. Alla fine ha perso il braccio sinistro, necessitando di una protesi. Il suo occhio sinistro danneggiato era così doloroso che doveva essere rimosso. Numerosi interventi chirurgici ricostruttivi non sono stati in grado di riparare estese lesioni facciali, inclusi il naso e le labbra mancanti.

James ha continuato la terapia fisica finché non è stato abbastanza forte da accompagnare sua figlia Allie a una cerimonia di ritorno a casa del liceo, indossando una maschera e una benda sull’occhio. Aveva ancora bisogno di tubi per la respirazione e l’alimentazione e desiderava annusare, assaggiare e mangiare di nuovo cibo solido.

“Nella sua mente e nel suo cuore, è lui – quindi non mi importava che, sai, non avesse il naso. Ma mi importava che lo disturbasse”, ha detto sua moglie, Meagan James.

I trapianti di viso rimangono rari e rischiosi. Quello di James è solo il 19esimo negli Stati Uniti, il quinto di Rodriguez ad esibirsi. L’esperimento sull’occhio ha aggiunto ancora più complessità. Ma James pensava che non sarebbe stato peggio se l’occhio donato avesse fallito.

Tre mesi dopo che James fu inserito nella lista d’attesa nazionale per i trapianti, fu trovato un donatore compatibile. I reni, il fegato e il pancreas del donatore, un uomo sulla trentina, hanno salvato altre tre persone.

Durante l’operazione di 21 ore di James, i chirurghi hanno aggiunto un’altra svolta sperimentale: quando hanno unito il nervo ottico donato a ciò che restava dell’originale di James, hanno iniettato speciali cellule staminali del donatore nella speranza di stimolarne la riparazione.

See also  Gran Premio di Singapore: vince Sainz mentre finiscono le strisce di Verstappen e Red Bull

Il mese scorso, il formicolio annunciava la guarigione dei nervi facciali. James non riesce ancora ad aprire la palpebra e indossa una benda per proteggerla. Ma quando Rodriguez spingeva sull’occhio chiuso, James sentiva la sensazione, anche se sul naso piuttosto che sulla palpebra, presumibilmente fino a quando i nervi a crescita lenta non venivano riorientati. Il chirurgo ha anche rilevato movimenti sottili che iniziano nei muscoli intorno all’occhio.

Poi è arrivato uno sguardo più attento. L’oftalmologo della New York University, il dottor Vaidehi Dedania, ha eseguito una serie di test. Ha riscontrato un danno previsto nella retina fotosensibile nella parte posteriore dell’occhio. Ma ha detto che sembra avere abbastanza cellule speciali chiamate fotorecettori per svolgere il compito di convertire la luce in segnali elettrici, un passo nella creazione della vista.

Normalmente, il nervo ottico quindi invierebbe quei segnali al cervello per essere interpretati. Il nervo ottico di James chiaramente non è guarito. Tuttavia, quando la luce è stata proiettata nell’occhio donato durante una risonanza magnetica, la scansione ha registrato una sorta di segnalazione cerebrale.

Ciò ha entusiasmato e sconcertato i ricercatori, anche se non era il tipo giusto per la vista e potrebbe essere semplicemente un colpo di fortuna, ha avvertito il dottor Steven Galetta, presidente di neurologia della New York University. Solo il tempo e ulteriori studi potranno dirlo.

Tuttavia, l’intervento segna “un tour de force tecnico”, ha affermato il dottor David Klassen, direttore medico della United Network for Organ Sharing, che gestisce il sistema di trapianti della nazione. “Si può imparare moltissimo da un singolo trapianto” che potrebbe dare impulso al campo.

Per quanto riguarda James, “stiamo affrontando le cose un giorno alla volta”, ha detto.

Leave a Comment