UniCredit sigla il primo accordo dell’era Andrea Orcel con l’accordo con la Grecia

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

UniCredit ha siglato il suo primo accordo da quando il veterano banchiere Andrea Orcel ha preso il timone dell’istituto di credito italiano nel 2021, offrendosi di acquistare una partecipazione del 9% nella Alpha Bank greca e di acquisire una quota di maggioranza nella sua unità rumena.

L’acquisizione della partecipazione in Alpha Bank, che lo Stato greco deve approvare, segnerebbe il primo investimento in un istituto di credito greco da parte di un’altra banca europea da prima che la crisi finanziaria gettasse nel caos il settore bancario del paese.

UniCredit si è offerta di acquistare le azioni dell’Hellenic Financial Stability Fund, il fondo di ricapitalizzazione delle banche del Paese istituito durante la crisi del debito sovrano.

Orcel ha dichiarato in una conversazione con i giornalisti che “per il momento e per il prossimo futuro questa è la migliore alleanza che avremmo potuto stringere”. Le operazioni di fusione di UniCredit e Alpha Bank diventeranno il terzo più grande istituto di credito in Romania.

Gli analisti sostengono che già da tempo l’amministratore delegato era sotto pressione affinché annunciasse un accordo. Il mese scorso, Orcel aveva dichiarato in una conferenza bancaria che avrebbe cercato opportunità su scala più ridotta per espandere la presenza di UniCredit nei mercati chiave in cui è già presente.

UniCredit è uno dei maggiori operatori bancari dell’Europa centrale e orientale con una vasta presenza in Germania, Austria, Croazia e Romania. Possiede ancora un finanziatore in Russia.

See also  È probabile che la RBI abbia rinnovato una parte dei 5 miliardi di dollari di swap forex per aumentare la liquidità

UniCredit pagherà 300 milioni di euro in contanti per le attività rumene di Alpha Bank e le fonderà con la sua controllata locale. Alpha Bank manterrà quasi il 10% dell’entità combinata. Si prevede che l’operazione, che si concluderà l’anno prossimo, aggiungerà 100 milioni di euro di utile netto al bilancio di UniCredit, hanno detto le banche.

Il prezzo della partecipazione del 9% in Alpha Bank non è stato reso noto, ma in base alla quotazione di chiusura di venerdì gli analisti hanno affermato che valeva circa 270 milioni di euro. Orcel ha affermato che la logica dell’investimento nell’istituto di credito greco era quella di sostenere le partnership di prodotto, “non di più”.

Tuttavia, l’investimento è stato salutato in Grecia come una pietra miliare per il settore bancario del paese. Il ministro delle Finanze greco Kostis Hatzidakis ha dichiarato: “Il fatto che una grande banca europea stia investendo nel sistema bancario greco dopo molti anni è la prova che sia il settore bancario greco che l’economia greca hanno intrapreso un percorso di prospettiva e crescita”.

L’operazione arriva pochi giorni dopo che S&P Global ha migliorato il rating creditizio della Grecia a investment grade per la prima volta dalla crisi del debito del 2010, la prima delle tre grandi società di rating a farlo.

“È un ottimo inizio per il processo di disinvestimento e riflette la riconquistata credibilità e le opportunità di crescita della Grecia”, ha affermato Alex Patelis, capo consigliere economico del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.

Martedì UniCredit pubblicherà gli utili del terzo trimestre.

Questo articolo è stato modificato per riflettere i paesi in cui UniCredit opera.

Leave a Comment