CFPB presenta la proposta di open banking

Giovedì il Consumer Financial Protection Bureau ha presentato la tanto attesa proposta di open banking, una regola che, secondo lui, darà ai consumatori un maggiore controllo sui propri dati finanziari richiedendo alle banche di condividere tali dati con terze parti come le fintech.

La regola, un’autorità concessa dal Congresso all’ufficio più di dieci anni fa ai sensi della Sezione 1033 del Dodd-Frank Act, vieta agli istituti finanziari di “accumulare i dati di una persona”, rendendo più facile per i consumatori rompere con le banche che forniscono un cattivo servizio, Lo ha detto il CFPB.

La norma proposta conferisce ai consumatori il diritto di concedere a terzi l’accesso alle informazioni associate alle carte di credito, ai conti correnti, ai conti prepagati e al portafoglio digitale.

Per rispettare la norma, le banche sarebbero tenute a rendere i dati finanziari personali disponibili gratuitamente ai consumatori attraverso interfacce digitali “sicure, protette e affidabili”, ha affermato il CFPB.

“Questo renderà molto più semplice il passaggio [banks]”, ha detto giovedì il direttore del CFPB Rohit Chopra in una telefonata con i giornalisti. “Non perderai la cronologia delle transazioni, che essenzialmente funge da registro della tua vita. Non dovrai ricominciare da capo con una nuova azienda che ha meno storia con te e che ha meno probabilità di offrirti affari migliori.

La proposta cerca di allontanare il mercato dallo screen scraping, una “pratica rischiosa di raccolta dati” che spesso richiede ai consumatori di condividere i propri nomi utente e password con terze parti, ha affermato il CFPB.

Secondo la proposta, i fornitori di dati non possono fare affidamento sullo screen scraping per rispettare l’obbligo di rendere i dati disponibili a una terza parte autorizzata che accede per conto del consumatore, hanno detto giovedì ai giornalisti funzionari senior del CFPB e dell’amministrazione.

See also  Lo stop ai finanziamenti a termine avrà ripercussioni più forti dei rimbalzi

Date di conformità a più livelli

Il CFPB ha affermato di riconoscere diversi fattori che impediscono alle istituzioni più piccole di costruire interfacce conformi alla norma, come le dimensioni, la sofisticazione tecnologica e la dipendenza da fornitori di servizi di terze parti.

Di conseguenza, i requisiti della norma verrebbero implementati in fasi, ha affermato il CFPB.

Le scadenze di adempimento della regola partono da sei mesi per le banche e le società fintech più grandi e si estendono a quattro anni per le aziende più piccole, hanno affermato funzionari senior del CFPB e dell’amministrazione.

Le banche comunitarie e le cooperative di credito che non hanno un’interfaccia digitale con i propri clienti sarebbero esentate dai requisiti della regola, ha affermato il CFPB.

Chopra giovedì ha affermato che la norma chiarisce che le aziende che ricevono dati possono utilizzarli solo per fornire il prodotto richiesto dal consumatore “e nient’altro”.

“Quando un consumatore consente che i propri dati vengano utilizzati da un’azienda per uno scopo specifico, non è un lasciapassare gratuito per l’azienda per sfruttare i dati per altri usi”, ha affermato.

Le aziende non potranno conservare i dati finanziari personali dei consumatori a tempo indeterminato, ha affermato Chopra.

“Se un consumatore sceglie di porre fine alla relazione, l’azienda dovrebbe smettere di raccogliere e utilizzare i dati del consumatore, nonché cancellare i dati che già possiede”, ha affermato.

Chopra ha affermato che la norma contribuirà ad accelerare il passaggio degli Stati Uniti all’open banking, allineando più strettamente la nazione alle linee guida in vigore o allo studio nelle principali giurisdizioni di tutto il mondo.

L’ufficio di presidenza è interessato a coprire ulteriori tipi di prodotti nella futura regolamentazione, come mutui, prestiti automobilistici e prestiti agli studenti, hanno affermato funzionari senior del CFPB e dell’amministrazione.

See also  RBI: RBI propone di impedire agli agenti di recupero di chiamare i mutuatari prima delle 8:00 e dopo le 19:00

La proposta arriva quando la Casa Bianca nel 2021 ha esortato l’ufficio di presidenza ad avviare il processo di regolamentazione dell’open banking, collegando l’iniziativa agli sforzi del presidente Joe Biden per stimolare la concorrenza in diversi settori, tra cui sanità, tecnologia e trasporti. Chopra ha parlato alla conferenza Money20/20 a Las Vegas più o meno in questo periodo l’anno scorso per fornire una tempistica prevista per l’azione sull’open banking.

“Uno dei problemi di concorrenza che vediamo nel settore è che spesso è davvero scoraggiante per un consumatore cambiare banca, in parte perché è difficile trasferire i dati storici delle transazioni finanziarie a una nuova banca”, Lael Brainard, direttore del National Economic della Casa Bianca. Consiglio e un ex Vicepresidente della Federal Reserve, ha detto ai giornalisti giovedì. “La norma odierna contribuirà a garantire che le società finanziarie competano in base alla qualità del servizio e ai prezzi, scoraggerà le tariffe spazzatura e altre pratiche confuse di cui i consumatori diffidano e metterà in atto disposizioni chiave sulla privacy per garantire che le aziende non possano abusare dei dati dei clienti.”

“Una vittoria per i consumatori”

Giovedì gli stakeholder fintech hanno elogiato gli sforzi del CFPB per elaborare politiche sull’open banking.

“IL [Electronic Transactions Association] elogia il CFPB per aver creato un quadro politico sull’open banking”, ha affermato Scott Talbott, che dirige gli affari governativi del gruppo. “L’open banking avvantaggia le banche, le fintech e, soprattutto, i consumatori rafforzando la loro comprensione del loro quadro finanziario”.

Penny Lee, amministratore delegato della Financial Technology Association, ha definito la proposta “una vittoria per i consumatori”.

Leave a Comment