Aumentano i ritardi nei pagamenti sui prestiti statunitensi legati a punteggi di credito pandemici gonfiati

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I mutuatari statunitensi che hanno contratto nuovo debito nel bel mezzo della pandemia sono in ritardo con i rimborsi a tassi insolitamente alti, dopo che i finanziatori hanno concesso più credito alle famiglie aiutate dagli stimoli governativi.

I programmi federali hanno inviato contanti e congelato alcuni requisiti di rimborso dei prestiti per i consumatori statunitensi colpiti dallo shock economico del Covid-19.

Uno degli effetti è stato quello di aumentare il punteggio medio del credito al consumo del 20% fino a un picco di 676 nel primo trimestre del 2021, secondo un rapporto di TransUnion, un’agenzia di segnalazione del credito. I punteggi di credito superiori a 670 sono considerati “buoni”.

I finanziatori sono diventati più disposti a fornire credito al consumo. Le erogazioni di carte di credito e prestiti non garantiti sono aumentate di oltre la metà tra il 2020 e il 2022, ha affermato TransUnion.

I dati mostrano che i mutuatari che hanno contratto prestiti nel 2021, 2022 e all’inizio del 2023 stanno avendo difficoltà anormali a mantenersi aggiornati su tali debiti.

“Le società di credito al consumo hanno sfruttato questa opportunità per stimolare la propria crescita in un momento in cui i finanziamenti erano abbondanti e le finanze dei consumatori avevano ricevuto una spinta artificiale”, ha affermato Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics. “Certamente molte famiglie a basso reddito che sono rimaste coinvolte in tutto questo sentiranno difficoltà finanziarie”.

Per i conti delle carte di credito aperti nel primo trimestre di quest’anno, il tasso di insolvenza ha raggiunto il 4% a settembre, mentre a settembre 2022 il tasso di insolvenza a nove mesi per i nuovi conti era del 4,5%. Secondo i dati di Moody’s Analytics, i livelli sono stati i più alti nello stesso periodo dell’anno dal 2008.

See also  JC Flowers mette in guardia dal rischio sistemico derivante dall'abbuffata degli assicuratori sugli investimenti nel credito privato

“Le prestazioni dei consumatori con carte di credito più vecchie stanno tornando ai livelli pre-Covid, ma per le nuove carte di credito le inadempienze stanno superando i livelli del 2018 e del 2019”, ha affermato Rikard Bandebo, chief product officer della società di credit scoring VantageScore. Uno studio condotto dalla sua azienda ha rilevato che le carte di credito emesse nel marzo 2022 hanno avuto tassi di insolvenza più elevati rispetto alle carte emesse nello stesso periodo nei quattro anni precedenti.

Secondo i dati del Global Ratings di S&P, i prestiti auto più rischiosi concessi durante il culmine della pandemia hanno maggiori problemi di rimborso rispetto agli anni precedenti. L’anno scorso, i mutuatari con mutui subprime stavano diventando inadempienti sui nuovi prestiti per auto a un tasso doppio rispetto a prima della pandemia.

“Sappiamo che gli istituti di credito erano piuttosto aggressivi in ​​quel periodo”, ha detto Amy Martin, che segue i prestiti automobilistici per S&P. “L’annata 2022 è decisamente peggiore rispetto agli anni precedenti.”

Le banche statunitensi che hanno riportato gli utili della scorsa settimana hanno affermato di aver aumentato gli accantonamenti per le perdite sui prestiti a causa dell’aumento delle insolvenze. I dirigenti bancari hanno detto agli analisti di vedere la tendenza come una “normalizzazione”, riportando i tassi di insolvenza ai livelli pre-pandemia.

Bill Moreland, che dirige il gruppo di ricerca BankRegData e ha messo in guardia sull’aumento delle insolvenze, ha recentemente stimato che alla fine dello scorso anno c’erano stati centinaia di miliardi di dollari in “prestiti eccessivi basati su punteggi di credito artificialmente gonfiati”.

Tassi di insolvenza più elevati stanno facendo temere che l’assistenza pubblica messa in atto per alleviare lo stress finanziario derivante dai blocchi possa aver portato alcuni consumatori in difficoltà finanziarie.

See also  Il progetto del difensore civico della RBI non può essere ridotto a una promessa allettante: Delhi HC

Il Cares Act – il pacchetto di aiuti federali da 2,2 trilioni di dollari approvato nei primi giorni della pandemia – è stato tra i programmi che hanno messo denaro nelle tasche dei consumatori. Oltre agli aiuti diretti, le misure proteggevano i mutuatari da pignoramenti e altre inadempienze. In molti casi ai finanziatori è stato impedito di segnalare i ritardi di pagamento alle agenzie di credito.

“Penso che il Cares Act sia stata una buona politica”, ha detto Pam Foohey, professoressa di diritto alla Yeshiva University che studia i fallimenti dei consumatori. “Incolpo i finanziatori e la struttura del mercato per non avere una prospettiva a lungo termine. Questo non è qualcosa che il Cares Act avrebbe dovuto risolvere e esiste ancora e deve ancora essere affrontato”.

Leave a Comment