Campbell Wilson Vinay Dube – Gli amministratori delegati di Air India e Akasa si scambiano frecciatine sul bracconaggio dei piloti: rapporto

Air India e gli amministratori delegati di Akasa si scambiano frecciatine sul bracconaggio dei piloti: rapporto

Air India ha rifiutato di commentare e i due amministratori delegati non hanno risposto alle richieste di commento.

NUOVA DELHI:

Gli amministratori delegati di Air India e Akasa Air si sono scambiati in privato frecciate sul bracconaggio dei piloti, con quest’ultima che ha accusato il suo più grande rivale di violazioni delle regole, provocando una risposta secondo cui la collusione per frenare il cambio di lavoro può violare le leggi sulla concorrenza.

Lo scambio, dettagliato in una lettera del 21 settembre vista da Reuters, mette in luce la crescente concorrenza nel mercato dell’aviazione indiano, poiché una forte ripresa dei viaggi aerei dopo la pandemia, insieme a una raffica di ordini per nuovi aerei, ha portato a una carenza di piloti.

I rari scontri verbali e scritti tra gli amministratori delegati delle compagnie aeree sono dettagliati nella lettera inviata da Campbell Wilson di Air India, di proprietà del conglomerato Tata Group, a Vinay Dube della compagnia aerea low cost Akasa.

Ne è seguita una telefonata tra loro e una lettera che Dube aveva inviato esprimendo le sue preoccupazioni al gruppo Tata.

La lettera del 21 settembre mostra che Air India si è opposta dopo che Akasa l’ha accusata di violare le politiche del governo che impongono un periodo di preavviso da sei a 12 mesi per i piloti, regole che i gruppi di piloti indiani stanno contestando in tribunale.

Wilson ha detto alla sua controparte che le regole del governo “non sono attualmente applicabili”, aggiungendo che la stessa Akasa si era “precedentemente impegnata nelle stesse azioni” bracconando i piloti della compagnia aerea a basso costo del Gruppo Tata, Air India Express, e di altre compagnie aeree.

See also  Crypto News Digest di U.Today Di U.Today

“È stato un po’ sorprendente per noi che Akasa ora trovasse la pratica discutibile”, ha scritto Wilson nella lettera, che Reuters riporta per la prima volta.

Akasa non ha commentato la sua comunicazione con Air India, ma ha detto che la questione delle uscite dei piloti è “ormai alle nostre spalle… siamo tornati esattamente in modalità di crescita”.

Air India ha rifiutato di commentare e i due amministratori delegati non hanno risposto alle richieste di commento.

La controversia arriva in occasione di una corsa alle assunzioni da parte di Air India, con la sua filiale Air India Express, che cerca di più che triplicare la propria flotta portandola a 170 in cinque anni.

Nelle ultime settimane, Akasa ha perso circa un decimo dei suoi 450 piloti, che se ne sono andati senza preavviso, alcuni per unirsi ad Air India Express.

A settembre, Akasa ha affermato di temere un arresto e ha citato in giudizio alcuni piloti, nonché l’autorità di vigilanza dell’aviazione, per non essere venuti in suo aiuto, in cause legali ancora pendenti nei tribunali.

Nella sua lettera, Wilson ha aggiunto di aver “avvertito” Dube durante la loro telefonata che chiedere a un concorrente di colludere nel limitare i diritti dei dipendenti di cambiare datore di lavoro “potrebbe essere interpretato come una potenziale violazione del diritto della concorrenza”.

“Mi dispiace che tu abbia interpretato come un assenso la mia cortesia di rispondere alla tua chiamata e di ascoltare la tua richiesta”, ha aggiunto.

La Federazione dei piloti indiani ha descritto le presunte dimissioni di massa di Akasa come un “indicatore” del malcontento dei dipendenti, mentre l’autorità di vigilanza dell’aviazione indiana ha affermato che non può interferire in questioni relative ai contratti di lavoro.

See also  Il mercato degli asset del mondo reale tokenizzato raggiungerà i 10 trilioni di dollari entro il 2030, progetti 21.co – Gli RWA possono alimentare Ethereum (ETH) fino a raggiungere una capitalizzazione di mercato multimiliardaria?

La più recente compagnia aerea indiana, Akasa, ha iniziato a volare nel 2022, ottenendo una quota di mercato del 4%. Compete con IndiGo, che detiene una quota del 60% e con le compagnie aeree del Gruppo Tata che insieme detengono una quota del 25,7%.

Nella lettera del 21 settembre, Wilson di Air India ha espresso la speranza che Akasa faccia investimenti per “attrarre, trattenere e sviluppare” il proprio personale, aggiungendo che la sua compagnia aerea non vede l’ora di “continuare una sana concorrenza”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Leave a Comment