Cosa sono le obbligazioni digitali e come vengono emesse?

Le banche si stanno rivolgendo alla tecnologia blockchain per sperimentare l’emissione di obbligazioni “digitali” – una mossa che, secondo i sostenitori, potrebbe rivoluzionare il lento e costoso processo di emissione del debito.

Nella sua forma più semplice, la blockchain è un registro digitale che archivia, verifica e registra le transazioni. La tecnologia è diventata famosa per sostenere Bitcoin, la criptovaluta più popolare al mondo. Ma i sostenitori sostengono che l’integrazione della blockchain nei mercati finanziari tradizionali potrebbe portare a processi più efficienti e a risparmi sui costi per le banche e i loro investitori.

Larry Fink, amministratore delegato del gestore patrimoniale BlackRock, ha addirittura annunciato l’uso della blockchain per tokenizzare le classi di attività tradizionali come la “prossima generazione” per i mercati finanziari.

Diverse banche hanno sperimentato l’utilizzo della tecnologia blockchain ledger per emettere obbligazioni, nel tentativo di rendere il processo più efficiente.

La Banca Europea per gli Investimenti, il braccio prestatore dell’UE, è una delle principali istituzioni che ha emesso obbligazioni sulla blockchain. Finora ne ha emessi quattro, tra cui un bond biennale da 50 milioni di sterline e un bond digitale verde da 1 miliardo di corone svedesi, i cui proventi, ha detto, andranno a progetti sul clima. Altri istituti di credito che hanno emesso obbligazioni sulla blockchain includono la banca svizzera UBS, la spagnola Santander e la Banca Mondiale.

Quali sono i vantaggi dell’emissione di obbligazioni sulla blockchain?

Mohamed Damak, direttore senior dei servizi finanziari presso S&P Global Ratings, afferma che le obbligazioni digitali significano che le banche “si ritrovano con un processo di emissione più fluido riducendo il numero di intermediari” e quegli istituti di credito che hanno finora lanciato il debito digitale “vogliono vedere se questo potrebbe aiutarli a emettere obbligazioni in modo molto più efficiente e veloce”.

See also  La testimonianza di Sam Bankman-Fried è ritardata al processo per frode

Per gli emittenti, il risparmio sui costi è un fattore chiave per la creazione di obbligazioni digitali. La tecnologia blockchain registra e aggiorna le informazioni, tra cui la proprietà dell’asset, la cronologia delle transazioni e i requisiti normativi, eliminando la necessità di lavoro manuale da parte del personale di back-office e di middle-office. Inoltre, il regolamento è molto più rapido rispetto ai tradizionali due o tre giorni e il denaro in genere affluisce all’emittente immediatamente dopo la determinazione del prezzo dell’obbligazione.

“Quando si effettua un’emissione, il regolamento avviene entro pochi minuti o secondi dall’emissione”, afferma David Newns, capo di SIX Digital Exchange, una borsa valori e depositario centrale di titoli (CSD). “Dal punto di vista del Tesoro, puoi vedere che detieni immediatamente quell’obbligazione.”

© Dreamstime

Secondo uno studio della fintech tedesca Cashlink, l’utilizzo della tecnologia blockchain potrebbe far risparmiare almeno il 35-65% dei costi associati all’emissione. La blockchain automatizza processi come l’aggiornamento dei documenti obbligazionari e la registrazione delle operazioni, agendo, essenzialmente, come un unico database standardizzato.

La tecnologia riduce anche il numero di intermediari coinvolti. Ad esempio, non è necessario che il debito sia registrato presso un CSD. Anche le azioni aziendali come il pagamento di cedole o la restituzione del capitale potrebbero essere automatizzate, riducendo i costi e le pratiche burocratiche.

“È possibile automatizzare molti aspetti della sicurezza che storicamente sono stati molto più manuali e in genere richiedono più passaggi”, afferma Newns, il cui scambio ha quotato tre obbligazioni digitali dal suo lancio nel 2021.

Quante obbligazioni digitali sono state emesse?

Nonostante la prospettiva di un modo più economico ed efficiente di emettere obbligazioni, i volumi del debito digitale rimangono una piccola parte del vasto mercato del debito globale. Secondo S&P Global Ratings, nell’anno terminato il 12 settembre sono stati emessi solo 500 milioni di dollari di obbligazioni digitali, mentre nello stesso periodo sono stati emessi solo 6,3 trilioni di dollari di obbligazioni statunitensi, secondo la Securities Industry and Financial Markets Association.

See also  Giorno 6 del processo del fondatore di FTX, Sam Bankman-Fried: riepilogo

Affinché questa asset class decolli, ci vorrà tempo per costruire l’infrastruttura tecnologica per le banche e i loro investitori e per creare fiducia in un mercato che ora mostra più entusiasmo per altre tecnologie, come l’intelligenza artificiale generativa.

“L’intero mondo dei titoli digitali nello spazio istituzionale richiede costruzione: è un progetto di costruzione”, afferma Newns.

Cosa frena l’emissione di obbligazioni digitali?

Gli ostacoli che impediscono alle banche di Wall Street di abbracciare pienamente la blockchain sono numerosi: la tecnologia stessa è la numero uno. “Per il momento si tratta principalmente di testare la tecnologia, testare le piattaforme”, afferma Damak, aggiungendo che “i numeri in questa fase sono ancora piccoli”.

Inoltre, gli investitori non sono completamente preparati per l’acquisto e lo scambio di obbligazioni digitali, poiché anche loro devono disporre della giusta tecnologia. “Di solito gli investitori sono pochissimi, a volte sono le banche stesse”, afferma Damak. Aggiunge che le obbligazioni digitali emesse finora sono state di doppia natura, il che significa che esiste sia una versione digitale che una tradizionale. “Se l’obbligazione digitale fallisce, di solito c’è un’obbligazione tradizionale di riserva che prende il sopravvento in modo che gli investitori vengano pagati”, spiega.

L’anno scorso UBS ha emesso un’obbligazione da 375 milioni di franchi, quotata sia sulla borsa digitale che su quella tradizionale di SIX.

Gli emittenti sono anche consapevoli dei rischi legati alla creazione di obbligazioni digitali. Gli strumenti “possono comportare alcuni nuovi rischi, in particolare operativi, legali e informatici”, ha avvertito S&P Global Ratings in un recente rapporto.

Leave a Comment