Digitale o fisico, il contante non è il re del coefficiente di riserva

Mumbai: i progetti pilota della banca centrale indiana sulla valuta digitale nei segmenti all’ingrosso e al dettaglio hanno avuto molto successo dallo scorso anno, ma alcune banche hanno recentemente subito un colpo in quanto gli statuti non consentono l’utilizzo del denaro per soddisfare i requisiti del Cash Reserve Ratio (CRR) .

Una persona a conoscenza dello sviluppo ha detto a ET che, secondo le classificazioni attuali, le partecipazioni delle banche nella CBDC potrebbero essere idonee ad altri requisiti di riserva obbligatoria ma non al CRR.

“Il contante (il CBDC) è come il contante. Secondo lo statuto, il contante non fa parte del CRR. Verrà sicuramente conteggiato per l’SLR (Statutory Liquidity Ratio) come qualsiasi contante”, ha affermato la persona. Secondo il CRR, la RBI sequestra i depositi delle banche limitando la loro capacità di prestare, con un effetto moltiplicatore. La persona qui fa riferimento al CBDC come equivalente alla valuta e non ai depositi per il calcolo del CRR.

Nelle ultime due settimane, alcune banche avevano richiesto il permesso di utilizzare una parte delle partecipazioni CBDC per soddisfare i requisiti CRR, hanno detto fonti.

Un’e-mail inviata alla Reserve Bank of India (RBI) per chiedere un commento sulla questione non ha ricevuto risposta al momento della stampa. La RBI ha affermato che la CBDC è essenzialmente la forma digitale della valuta fiat.

Secondo le norme della RBI, il CRR è una percentuale della domanda e delle passività temporali – un proxy per i depositi – che le banche devono mantenere presso la banca centrale come parte di una misura che garantisce la stabilità monetaria. Attualmente, il CRR è al 4,50%. Le passività a vista di una banca comprendono, tra gli altri, depositi correnti, la parte delle passività a vista dei depositi delle casse di risparmio, certificati di contante e depositi cumulativi o ricorrenti. Le passività temporanee, d’altro canto, includono depositi vincolati, depositi tenuti come titoli per anticipi non pagabili su richiesta e la parte delle passività temporanee dei depositi delle casse di risparmio. L’SLR è la parte della domanda netta e delle passività temporanee che una banca deve parcheggiare in contanti. , oro o titoli approvati, per lo più titoli di stato. Attualmente il tasso SLR è al 18%.

See also  UniCredit sigla il primo accordo dell'era Andrea Orcel con l'accordo con la Grecia

Pilota annuale
Nell’ottobre 2022, la RBI ha lanciato il progetto pilota all’ingrosso per CBDC che prevedeva transazioni delle banche in titoli di stato utilizzando la valuta digitale. Nove banche sono state identificate per la partecipazione al progetto pilota, tra cui State Bank of India, Bank of Baroda, Union Bank of India, HDFC Bank, ICICI Bank, Kotak Mahindra Bank, Yes Bank, IDFC First Bank e HSBC.

Il mese successivo la banca centrale ha annunciato il progetto pilota per la CBDC al dettaglio che coprirà località selezionate in gruppi di utenti chiusi coinvolgendo clienti e commercianti partecipanti. La rupia elettronica avrà la forma di un token digitale con corso legale e sarà distribuito attraverso le banche, ha affermato la RBI.

All’inizio di quest’anno, il vice governatore della RBI T Rabi Sankar aveva affermato che la banca centrale puntava a 10 lakh transazioni CBDC al giorno entro la fine di dicembre.

Leave a Comment