ET spiega: Perché le banche e gli agenti preferiscono vendere prodotti assicurativi di risparmio tradizionali rispetto alle assicurazioni a termine

Si vede che le banche e gli agenti assicurativi promuovono polizze di dotazione rispetto a polizze a termine a causa delle commissioni più elevate offerte. L’assicurazione a termine offre una copertura sulla vita pura senza componenti di scadenza, risparmio o investimento, con conseguente riduzione dei premi e delle commissioni.

Le nuove normative consentono alle compagnie assicurative di determinare le commissioni sulla base delle polizze approvate dal consiglio, ma non devono superare i limiti delle spese complessive di gestione (EoM), calcolati come percentuale dei premi. Qui proviamo a spiegare perché l’assicurazione a termine è meno preferita rispetto ai tradizionali prodotti di assicurazione sul risparmio da parte di banche e agenti-

Perché le banche e gli agenti assicurativi spesso promuovono le polizze di dotazione rispetto alle polizze a termine?

Le banche e gli agenti assicurativi spesso preferiscono le polizze di dotazione rispetto alle polizze a termine perché i piani di dotazione offrono loro commissioni più elevate. Queste commissioni sono in genere una percentuale del premio pagato dagli assicurati, rendendo le polizze di dotazione più attraenti dal punto di vista finanziario per agenti e banche.

L’assicurazione a termine, nota anche come piano di protezione pura, è diversa dagli altri prodotti assicurativi sulla vita. L’assicurazione a termine fornisce protezione finanziaria ai beneficiari dell’assicurato in caso di morte dell’assicurato. A differenza delle polizze tradizionali, l’assicurazione a termine fornisce esclusivamente copertura sulla vita. Non promette benefici in termini di scadenza, benefici in termini di sopravvivenza e componenti di investimento. Di conseguenza, i piani a termine hanno tassi di premio più bassi, il che si traduce in commissioni inferiori per chi li vende.

Quale percentuale dei premi può essere destinata alle spese di gestione (EoM) secondo le linee guida IRDAI?

L’IRDAI (Insurance Regulatory and Development Authority of India) ha fissato specifici limiti di EoM. Per gli assicuratori, le spese di fine mandato non devono superare il 30% del premio raccolto durante un anno finanziario.

See also  Ex dirigenti della First Republic Bank sotto indagine della FDIC

Come influiranno le nuove norme sul pagamento delle provvigioni agli agenti assicurativi?

A partire dal 1 aprile, le compagnie assicurative hanno la flessibilità nel pagare le commissioni agli agenti in base alle loro polizze approvate internamente. Tuttavia, esiste un limite normativo chiamato “massimale delle spese complessive di gestione (EoM)”. Questo massimale è fissato per garantire che solo una percentuale dei premi raccolti venga pagata per coprire le commissioni e le altre spese operative. Gli assicuratori devono rispettare questo massimale di EoM quando pagano le commissioni.

Perché commissioni più elevate sono spesso associate alla vendita abusiva di prodotti assicurativi sulla vita?

Gli assicuratori pagano commissioni agli agenti compresi tra il 15% e il 40% del premio del primo anno per le polizze a pagamento regolare. La percentuale specifica all’interno di questo intervallo dipende dalla durata del pagamento del premio. Commissioni più elevate sono una delle ragioni principali della vendita abusiva di prodotti assicurativi sulla vita. È probabile che gli agenti vendano prodotti non idonei per guadagnare commissioni più elevate, soprattutto a individui che cercano investimenti last-minute per risparmiare sulle tasse o a clienti che potrebbero non essere finanziariamente esperti. Una volta venduti, gli agenti a volte tendono a incoraggiare i clienti ad abbandonare le polizze nei primi anni per guadagnare commissioni più alte nel primo anno. Questa pratica porta gli assicurati a prendere decisioni che potrebbero non essere nel loro migliore interesse finanziario.

In che modo le banche contribuiscono alle nuove attività individuali del settore privato rispetto al gigante assicurativo del settore pubblico Life Insurance Corporation of India?

Le banche sono i partner di distribuzione più ricercati dagli assicuratori. Le banche hanno generato più della metà dei nuovi affari individuali per gli assicuratori del settore privato, contribuendo per il 55% ai nuovi affari individuali durante l’anno 2021-22. Il contributo del colosso assicurativo pubblico LIC in questa categoria è stato invece comparativamente inferiore al 2,63%.

See also  Il Tesoro britannico prevede un guadagno di 100 milioni di sterline dai fondi pensione delle banche nazionalizzate

Inoltre, secondo il rapporto annuale dell’IRDAI, le banche hanno svolto un ruolo chiave nel generare affari di gruppo per gli assicuratori privati, rappresentando il 21,47% del totale dei premi per nuove attività del gruppo tra gli assicuratori privati. Il rapporto commissioni passive, che rappresenta le commissioni passive in percentuale del premio, ha registrato un leggero calo, passando dal 5,25% nel 2020-21 al 5,18% nel 2021-22. Nonostante questa diminuzione, nello stesso periodo le provvigioni totali sono aumentate dell’8,77% a causa di una crescita dei premi totali del 10,16%.

Quanti assicuratori sono risultati conformi alle linee guida sulle spese nel 2021-22?

L’IRDAI (Autorità di regolamentazione e sviluppo delle assicurazioni dell’India) aveva stabilito i regolamenti EOM nel 2016, definendo i limiti consentiti per le spese di gestione, considerando fattori come il tipo e la natura del prodotto, il termine di pagamento dei premi e la durata dell’attività assicurativa. Nel 2021-22, su 24 assicuratori sulla vita, 16 sono risultati conformi a tali normative e otto non conformi.

Leave a Comment