Gli abitanti di Gaza fuggono a sud per il secondo giorno mentre Israele “assedia” l’enclave

Centinaia di migliaia di palestinesi sono fuggiti dalle loro case nel nord di Gaza dopo che Israele ha ordinato loro di spostarsi nella fascia costiera meridionale mentre le forze israeliane estendevano il bombardamento dell’enclave densamente popolata.

Israele ha ordinato a 1,1 milioni di civili palestinesi – metà della popolazione di Gaza – di lasciare la parte settentrionale della striscia impoverita di 40 km prima di un’invasione di terra su vasta scala contro Hamas, il gruppo militante che sabato scorso ha organizzato un attacco transfrontaliero.

Le autorità israeliane hanno affermato che Hamas ha ucciso almeno 1.300 israeliani, principalmente civili, nell’attacco nel sud di Israele. Almeno 1.900 persone sono state uccise a Gaza, hanno detto funzionari sanitari palestinesi, da quando Israele ha iniziato i suoi bombardamenti.

L’ordine di evacuazione, che Israele ha dichiarato di aver dato per proteggere i civili mentre prendeva di mira Hamas, è stato condannato dalle Nazioni Unite mentre il capo diplomatico dell’UE ha affermato sabato che Israele deve rispettare il diritto internazionale mentre è in guerra con Hamas.

Josep Borrell ha affermato che l’ordine di evacuazione è impraticabile e creerebbe una crisi umanitaria ancora peggiore nel territorio.

“È assolutamente, assolutamente impossibile da implementare”, ha detto Borrell ai giornalisti durante una visita a Pechino sabato.

Dopo aver incontrato venerdì il primo ministro del Qatar, Antony Blinken, segretario di stato americano, ha detto che Washington continua “a discutere con Israele l’importanza di prendere ogni possibile precauzione per evitare danni ai civili”.

“Riconosciamo che molte famiglie palestinesi a Gaza stanno soffrendo senza alcuna colpa e che i civili palestinesi hanno perso la vita”, ha affermato Blinken, ribadendo che Israele ha il diritto di difendere i suoi cittadini.

See also  Crollo delle azioni europee, colpite dai problemi immobiliari in Cina e dalla svendita delle obbligazioni

“Sappiamo che la situazione umanitaria è urgente. Siamo attivamente impegnati con i partner, incluso il Qatar, per fornire aiuti a coloro che ne hanno bisogno”.

Blinken, che è in tournée nella regione e giovedì ha avuto colloqui con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, ha affermato che gli Stati Uniti si stanno impegnando con le agenzie delle Nazioni Unite, il Comitato internazionale della Croce Rossa e altri per “affrontare gli acuti bisogni umanitari delle persone in Gaza”.

“Dobbiamo garantire, ad esempio, che a Gaza ci siano aree sicure per i civili. Stiamo lavorando sui dettagli”, ha detto Blinken.

Anche il Qatar, alleato degli Stati Uniti che ospita l’ufficio politico di Hamas, sta cercando di ottenere il rilascio di decine di ostaggi sequestrati da Hamas durante il suo attacco, nella speranza di allentare il conflitto.

Ayman al-Safadi, ministro degli Esteri giordano, ha affermato che l’ordine dato da Israele ai palestinesi del nord di Gaza di spostarsi nel sud del territorio mentre “infuriava” la guerra è stata una “flagrante violazione del diritto internazionale”., diritto internazionale umanitario e diritto di guerra”.

Sabato ha detto che l’offensiva israeliana sta causando una catastrofe umanitaria che rappresenta la “punizione collettiva di più di 2 milioni di palestinesi” e sta “spingendo l’intera regione verso l’abisso”.

Sabato Israele ha dichiarato che limiterà il fuoco in alcune strade indicate per consentire il movimento.

Stai vedendo un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.

Il confine di Gaza con l’Egitto, l’unica uscita della Striscia non controllata da Israele, è rimasto in gran parte chiuso, senza lasciare uscita ai 2,3 milioni di palestinesi rinchiusi all’interno dell’enclave da quando Israele ha imposto un blocco nel 2007 in risposta alla violenta presa del territorio da parte di Hamas.

Israele ha tagliato cibo, acqua dolce ed elettricità a Gaza, dopo che il ministro della Difesa Yoav Gallant ha dichiarato questa settimana un “assedio completo”. L’ONU ha affermato che le scorte d’acqua erano drasticamente basse, con le persone costrette a bere acqua salmastra, sollevando timori di malattie.

Il portavoce dell’IDF Jonathan Conricus ha detto sabato che Israele intende “potenziare le nostre operazioni militari” a Gaza City, la città più grande dell’enclave densamente affollata e centro dell’apparato politico e militare di Hamas.

L’IDF ha dichiarato venerdì che le forze speciali israeliane sono entrate a Gaza nella prima incursione conosciuta dalla guerra del 2014, alla ricerca di ostaggi. Hanno raccolto i corpi dei prigionieri vicino alla recinzione di confine, trovando “prove che potrebbero aiutare nel tentativo di localizzare gli ostaggi”, e hanno sparato contro gli equipaggi di missili anticarro di Hamas che attaccavano Israele.

Un soldato israeliano dirige un carro armato Merkava
I carri armati israeliani sono stati schierati al confine con la Striscia di Gaza, nel sud di Israele © Aris Messinis/AFP/Getty Images

Hamas ha fatto sapere che intende scambiare gli ostaggi con prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane. Israele ha identificato 120 ostaggi, ha detto l’IDF.

Il Centro Palestinese per i Diritti Umani ha affermato venerdì che centinaia di migliaia di abitanti di Gaza stavano fuggendo verso sud in auto, camion e carretti poiché la carenza di carburante e le strade distrutte ostacolavano la loro fuga. Altri sceglievano di restare o non potevano andarsene.

Lo spostamento ammontava a un secondo”Nakba“O catastrofe – il termine usato dai palestinesi per descrivere lo sfratto dalla loro patria dopo la formazione dello Stato di Israele nel 1948 – ha detto venerdì il presidente palestinese Mahmoud Abbas.

Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano, ha detto venerdì che la guerra “richiederà tempo”.

“Stiamo colpendo i nostri nemici con una potenza senza precedenti”, ha detto Netanyahu in un raro discorso di Shabbat. “Questo è solo l’inizio. I nostri nemici stanno appena iniziando a pagarne il prezzo”.

Sul confine settentrionale di Israele con il Libano, i combattenti Hezbollah sostenuti dall’Iran hanno lanciato missili anticarro contro i soldati israeliani, hanno inviato due droni in Israele e hanno lanciato missili terra-aria contro aerei israeliani, ha detto Conricus sabato.

“La situazione al confine settentrionale rimane molto tesa”, ha detto.

Segnalazione aggiuntiva di Simeon Kerr

Leave a Comment