Nessuna restrizione sulle importazioni di laptop, stiamo solo monitorando: Segretario del Commercio

Nessuna restrizione sulle importazioni di laptop, stiamo solo monitorando: Segretario del Commercio

L’India monitorerà solo le spedizioni in entrata di laptop e computer. (Rappresentativo)

Nuova Delhi:

L’India non imporrà l’obbligo di licenza sulle importazioni di laptop e computer, ma monitorerà solo le spedizioni in entrata, ha affermato un alto funzionario governativo.

Le osservazioni assumono significato in quanto il governo in agosto ha annunciato che questi prodotti, inclusi laptop, tablet e computer, sarebbero stati sottoposti a regime di licenza dal 1° novembre.

“Per quanto riguarda i laptop, siamo del parere che non ci siano restrizioni in quanto tali. Stiamo solo dicendo che qualcuno che importa questi laptop, deve essere sotto stretta sorveglianza, in modo da poter controllare queste importazioni.

“Si tratta fondamentalmente di un monitoraggio, quello che stiamo facendo. Non ha nulla a che fare con le restrizioni in quanto tali”, ha detto ai giornalisti qui il ministro del Commercio Sunil Barthwal.

Spiegando ulteriormente, il direttore generale del commercio estero (DGFT), Santosh Kumar Sarangi, ha affermato che ci sarà un sistema di gestione delle importazioni, che entrerà in vigore dal 1° novembre.

Il lavoro è in corso e si spera che sarà a posto prima del 30 ottobre, ha detto.

Ad agosto il governo ha imposto restrizioni all’importazione di laptop, computer (compresi i tablet), microcomputer, computer di grandi dimensioni o mainframe e alcune macchine per l’elaborazione dati con l’obiettivo di incrementare la produzione nazionale e tagliare le importazioni da paesi come la Cina.

Mentre l’industria dei prodotti hardware IT rientra nel MeitY, la DGFT notifica le decisioni relative all’importazione/esportazione di un prodotto.

A seguito di questa notifica, l’industria dell’hardware IT ha segnalato preoccupazioni.

L’India dispone già di un sistema di monitoraggio delle importazioni di alcuni prodotti come acciaio, carbone e carta.

See also  Reliance Industries di Mukesh Ambani considera una vendita obbligazionaria record da 1,8 miliardi di dollari

Le condizioni di licenza sulle importazioni sono state imposte per motivi di sicurezza e per stimolare la produzione nazionale di questi prodotti.

Secondo un rapporto del think tank Global Trade Research Initiative (GTRI), l’India dipende in modo critico dalla Cina per l’uso quotidiano e per prodotti industriali come telefoni cellulari, laptop, componenti, moduli di celle solari e circuiti integrati.

Il governo ha adottato diverse misure per stimolare la produzione nazionale di articoli elettronici, come l’introduzione del sistema di incentivi legati alla produzione e l’aumento dei dazi doganali sul numero di componenti elettronici.

Ogni anno l’India importa circa 7-8 miliardi di dollari di questi beni.

Il Paese ha importato personal computer, compresi i laptop, per un valore di 5,33 miliardi di dollari nel 2022-23 contro 7,37 miliardi di dollari nel 2021-22.

Nell’ultimo anno fiscale le importazioni di alcune macchine per l’elaborazione dati sono state pari a 553 milioni di dollari rispetto a 583,8 milioni di dollari nel 2021-22.

Allo stesso modo, le importazioni di microcomputer/processori sono state pari a 1,2 milioni di dollari nell’ultimo anno fiscale contro 2,08 milioni di dollari nel 2021-22.

A maggio, il governo ha approvato il programma di incentivi legati alla produzione 2.0 per l’hardware IT con un esborso di bilancio di Rs 17.000 crore.

Il governo, nel febbraio 2021, ha approvato lo schema per l’hardware IT, coprendo la produzione di laptop, tablet, PC all-in-one e server con un esborso di Rs 7.350 crore.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Leave a Comment