Mercato azionario oggi: Wall Street fatica mentre le preoccupazioni per la guerra si scontrano con la speranza di profitti più forti

NEW YORK (AP) – Le azioni statunitensi sono crollate venerdì dopo che i timori di una guerra in Medio Oriente si sono scontrati nei mercati finanziari con le speranze di profitti più forti per le grandi società statunitensi.

I prezzi del petrolio sono saliti e i rendimenti del Tesoro sono crollati dopo che l’esercito israeliano ha ordinato l’evacuazione del nord di Gaza prima di una possibile invasione di terra, secondo le Nazioni Unite, che hanno messo in guardia da “conseguenze umanitarie potenzialmente devastanti”. Ma diversi colossi bancari statunitensi contemporaneamente hanno detto la loro i profitti durante l’estate erano migliori di quanto temuto, il che ha offerto speranza a Wall Street una stagione di rendicontazione degli utili che potrebbe garantire la prima crescita per le grandi aziende in un anno.

Tutto il tira e molla ha fatto crollare l’S&P 500 di 21,83 punti, o dello 0,5%, a 4.327,78. Il Dow Jones Industrial Average è salito di 39,15, o dello 0,1%, a 33.670,29, e il Nasdaq composite è sceso di 166,98, o dell’1,2%, a 13.407,23.

L’azione più forte si è verificata nel mercato petrolifero, dove un barile di greggio americano di riferimento è balzato di 4,78 dollari per attestarsi a 87,69 dollari. Il greggio Brent, lo standard internazionale, è salito da 4,89 a 90,89 dollari al barile.

Sebbene la regione di Gaza non sia un grande produttore di petrolio, il timore è che la violenza possa riversarsi nella politica relativa al mercato del greggio e alla fine portare a interruzioni nel flusso di petrolio.

Le preoccupazioni per la guerra hanno anche fatto crollare i rendimenti dei titoli del Tesoro, cosa che spesso accade quando gli investitori si orientano verso investimenti più sicuri durante periodi di stress. Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso al 4,63% dal 4,70% di giovedì scorso.

See also  Biden non apparirà alle primarie nel New Hampshire. Ecco perché.

Anche i rendimenti sono diminuiti dopo che un altro funzionario della Federal Reserve ha detto la banca centrale potrebbe fare delle escursioni il suo tasso di interesse principale a seguito di una campagna rovente iniziata all’inizio dello scorso anno.

Il presidente della Fed di Filadelfia, Patrick Harker, ha ribadito venerdì di ritenere che “siamo al punto in cui possiamo mantenere i tassi dove sono”, purché le condizioni economiche e finanziarie continuino sul loro corso attuale.

La Fed ha portato il suo tasso di interesse overnight al livello più alto dal 2001, da praticamente zero all’inizio dello scorso anno, nella speranza di far morire di fame l’inflazione dolorosa. Tassi elevati e rendimenti obbligazionari a lungo termine abbattono i prezzi per tutti i tipi di investimenti, rallentando allo stesso tempo l’economia complessiva.

Harker ha affermato che la Fed può permettersi di fermare l’aumento dei tassi e vedere cosa succede, in particolare con così tante incertezze economiche là fuori. Oltre alla guerra a Gaza e ai prezzi del petrolio, ci sono anche preoccupazioni per gli effetti degli scioperi dei lavoratori in tutto il paese e per il malfunzionamento di Capitol Hill che potrebbe portare a un altro shutdown del governo americano.

“Non facendo nulla, stiamo comunque facendo qualcosa”, ha detto Harker riguardo al mantenimento dei tassi stabili su livelli elevati. “E, in realtà, stiamo facendo parecchio.”

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che tende a muoversi in linea con le aspettative per l’azione della Fed, è sceso al 5,03% dal 5,07% di giovedì scorso.

Un rapporto di venerdì suggerisce che il sentimento tra i consumatori statunitensi, la cui spesa è stata uno dei principali fattori che hanno tenuto l’economia fuori dalla recessione, potrebbe essere in declino. Una lettura preliminare dell’Università del Michigan afferma che la fiducia dei consumatori si è indebolita più di quanto previsto dagli economisti, principalmente a causa delle crescenti preoccupazioni sull’inflazione.

See also  dynaCERT annuncia un accordo di finanziamento con Cipher Neutron

I consumatori statunitensi si aspettano un’inflazione del 3,8% per il prossimo anno, in aumento rispetto al 3,2% del mese scorso. Si tratta del dato più alto da maggio.

La Fed presta attenzione al rapporto sulla fiducia dei consumatori, in particolare alle aspettative di inflazione. Il rialzo potrebbe mantenere viva la possibilità di un altro rialzo dei tassi da parte della Fed a dicembre o gennaio, ha affermato Bill Adams, capo economista della Comerica Bank.

A sostenere Wall Street sono stati JPMorgan Chase e Wells Fargo, che hanno riportato profitti per il trimestre estivo più forti di quanto previsto dagli analisti.

JPMorgan Chase è cresciuta dell’1,5% dopo che i suoi profitti per il terzo trimestre sono saliti del 35% rispetto all’anno precedente. Ha beneficiato di un aumento dei tassi di interesse, ma il suo amministratore delegato Jamie Dimon ha anche avvertito che “questo potrebbe essere il momento più pericoloso che il mondo abbia visto negli ultimi decenni”.

Wells Fargo è salito del 3,1% dopo aver anch’esso superato le aspettative degli analisti per gli utili durante il trimestre estivo. I clienti delle banche continuano a prendere prestiti, anche a tassi di interesse più elevati, poiché i consumatori addebitano sempre più spese sulle loro carte di credito.

Anche UnitedHealth Group ha superato le aspettative di profitto di Wall Street e le sue azioni sono salite del 2,6%.

Dopo tale dichiarazione, il Dollar General è balzato al massimo guadagno nell’indice S&P 500, in rialzo del 9,2%. Todd Vasos tornerà come amministratore delegato.

A farne le spese a Wall Street sono state le aziende legate ai viaggi. Norwegian Cruise Line è scesa del 4,1% e Delta Air Lines è affondata del 3%.

See also  Crisi immobiliare in Europa: Portogallo, Turchia e Lussemburgo faticano a trovare soluzioni

Il colosso degli investimenti BlackRock perde l’1,3%, anche se nell’ultimo trimestre ha riportato profitti più forti di quanto previsto dagli analisti.

BlackRock ha affermato che tutta l’incertezza sui mercati finanziari e le prospettive per i tassi di interesse hanno contribuito a spingere i clienti a ritirare parte del denaro dagli investimenti a lungo termine mentre si nascondono in contanti, che alla fine paga rendimenti più elevati.

Nei mercati azionari esteri, gli indici erano più bassi in tutta Europa, dopo gran parte dell’Asia.

___

Ha contribuito lo scrittore di AP Zimo Zhong.

Leave a Comment