Gli astronomi individuano un segnale radio da record che ha impiegato 8 miliardi di anni per raggiungere la Terra: “Straordinario”

Otto miliardi di anni fa, in una galassia lontana accadde qualcosa che scatenò un’esplosione incredibilmente potente di onde radio attraverso l’universo.

Alla fine è arrivato sulla Terra il 10 giugno dell’anno scorso e, sebbene sia durato meno di un millesimo di secondo, un radiotelescopio in Australia è riuscito a captare il segnale.

Questo lampo dal cosmo è stato un scoppio radio veloce (FRB), un fenomeno poco compreso scoperto per la prima volta nel 2007.

Gli astronomi hanno rivelato giovedì che questo particolare FRB era più potente e proveniva da molto più lontano di qualsiasi altro osservato in precedenza, avendo viaggiato otto miliardi di anni luce da quando l’universo aveva meno della metà della sua età attuale.

Ciò che provoca esattamente gli FRB è diventato uno dei grandi misteri dell’astronomia. Sono state avanzate molte teorie per spiegarli: un professore dell’Università di Harvard ha addirittura suggerito che potrebbero essere segni di vita aliena.

Tuttavia gli scienziati ritengono che i principali sospettati siano stelle morte distanti chiamate magnetar, che sono gli oggetti più magnetici dell’universo.

Ryan Shannon, astrofisico della Swinburne University in Australia, ha detto all’AFP che è “strabiliante” che il radiotelescopio ASKAP nell’Australia occidentale abbia individuato il lampo radio l’anno scorso.

“La giuria è ancora aperta” su ciò che causa gli FRB

“Siamo stati fortunati a guardare quel piccolo punto nel cielo per quel millisecondo dopo gli otto miliardi di anni che l’impulso ha viaggiato per catturarlo”, ha detto Shannon, coautore di uno studio che descrive la scoperta sulla rivista Science.

L’FRB ha battuto facilmente il precedente detentore del record, che si trovava a circa cinque miliardi di anni luce di distanza, ha aggiunto.

See also  FMI: il conflitto in Medio Oriente potrebbe far salire l’inflazione in Europa

L’impulso è stato così potente che, in meno di un millisecondo, ha rilasciato tanta energia quanta ne emette il sole in 30 anni.

Shannon ha detto che potrebbero esserci centinaia di migliaia di FRB che lampeggiano nel cielo ogni giorno.

Ma finora ne sono stati rilevati circa un migliaio e gli scienziati sono riusciti a capire da dove provenissero solo 50, il che è fondamentale per comprenderli.

Per scoprire da dove provenisse l’ultimo lampo radio, soprannominato FRB 20220610A, i ricercatori si sono rivolti al Very Large Telescope in Cile.

Si è scoperto che il segnale proveniva da una galassia particolarmente aggregata che potrebbe essersi unita ad una o due altre galassie, che a loro volta avrebbero potuto creare la bizzarra magnetar.

Shannon ha sottolineato che questa era solo la “migliore intuizione” della squadra.

Sono stati rilevati FRB provenienti da luoghi inaspettati, anche all’interno della nostra galassia, la Via Lattea, quindi “la giuria non ha ancora deciso” su cosa li causi, ha detto.

Oltre a cercare di scoprire i segreti degli FRB, gli scienziati sperano di usarli come strumento per far luce su un altro dei misteri dell’universo.

L’anno scorso, gli scienziati hanno scoperto un lampo radio “strano e persistente” proveniente da una galassia lontana che sembrava un battito cardiaco. Quel segnale è durato fino a tre secondi – circa 1.000 volte più a lungo della media, secondo un comunicato stampa.

Nel 2020, gli astronomi hanno affermato di aver rilevato un FRB che sembrava trasmettere segnali che raggiungono la Terra in un modello ripetitivo di 157 giorni.

1920-v2-final-r1periodicity-name.jpg
Rappresentazione artistica di un modello di modulazione orbitale in cui il progenitore dell’FRB (blu) è in orbita con un oggetto astrofisico compagno (rosa).

Kristi Mickaliger


Solo il 5% dell’universo è costituito da materia normale – quella di cui è fatto tutto ciò che puoi vedere – mentre si pensa che il resto sia composto da materia oscura ed energia oscura, poco conosciute.

Ma quando gli astronomi contano tutte le stelle e le galassie dell’universo, più della metà del 5% della materia normale “manca”, ha detto Shannon.

Gli scienziati ritengono che questa materia mancante sia distribuita in sottili filamenti che collegano le galassie chiamate rete cosmica, tuttavia è così diffusa che gli attuali telescopi non possono vederla.

È qui che entrano in gioco i lampi radio veloci.

Su di loro “è impressa la firma di tutto il gas che attraversano”, ha detto Shannon.

Alcune lunghezze d’onda degli FRB vengono leggermente rallentate quando viaggiano attraverso questa materia, offrendo agli scienziati un modo per misurarle.

Ciò potrebbe consentire loro di calcolare quanta materia c’è nella rete cosmica e, quindi, il peso totale dell’universo.

Per l’FRB da record, Shannon ha detto che il team ha notato segnali di “materiali extra” che l’esplosione ha attraversato nel suo viaggio attraverso l’universo.

Ma per utilizzare queste informazioni per ottenere una misurazione corretta del peso dell’universo, probabilmente sarà necessario osservare centinaia di altri FRB, ha aggiunto.

Con radiotelescopi molto più avanzati che dovrebbero essere presto online, gli astronomi sperano che ciò avvenga in tempi relativamente brevi.

Liam Connor, un astrofisico del California Institute of Technology non coinvolto nella ricerca, ha detto all’AFP che i futuri radiotelescopi troveranno decine di migliaia di FRB, consentendo agli scienziati di valutare tutta la questione “attraverso le epoche cosmiche”.

Leave a Comment