Influencer cripto e “degenerati” affollano il processo di Sam Bankman-Fried

Un corteo di potenti menti legali si è riunito nelle ultime tre settimane al processo penale di Sam Bankman-Fried, il magnate della criptovaluta caduto in disgrazia. Damian Williams, il principale procuratore federale di Manhattan, è rimasto seduto per ore nell’aula del tribunale al 26° piano, insieme a partner di prestigiosi studi legali e a un ex vice di Robert Mueller III, che ha servito come consigliere speciale in un’indagine sul presidente Donald J. Trump. .

Poi c’è un uomo che si fa chiamare Taco.

Taco, 39 anni, prolifico YouTuber con un canale dedicato alle criptovalute, è diventato un improbabile punto fermo nella folla di avvocati, giornalisti e osservatori curiosi che fanno la fila ogni mattina prima dell’alba per ottenere un posto al processo di Bankman-Fried nel centro di Manhattan . Molti giorni, lo streamer fuma un sigaro o due prima delle 6 del mattino, quindi accede a una chat video a tema crittografico, intrattenendo i suoi circa 5.000 follower online con le ultime notizie sul caso.

“Tutti parlano di quanto siano importanti le criptovalute per loro”, ha detto Taco. “Ma poi non vanno a nessun evento.”

Taco ha rifiutato di rivelare il suo vero nome, citando problemi di privacy. “Il governo pensa che io sia morto”, ha spiegato. Ma ha detto che si è sentito obbligato a presentarsi “tecnicamente come il processo del secolo”.

Il processo di Bankman-Fried, con l’accusa di frode derivante dal crollo del suo exchange di criptovalute FTX, ha portato due mondi disparati in una strana collisione, scatenando un’orda iper-online di ossessionati dalle criptovalute (o “degenerati”, come alcuni di loro chiamano stessi) negli ambienti seri e formali della corte federale.

See also  La Coppa del mondo di cricket potrebbe aggiungere 22.000 milioni di rupie all'economia indiana: rapporto

Con lo svolgersi del processo, i giornalisti hanno gareggiato per i posti con influencer di criptovalute e personalità online, almeno uno dei quali è riuscito a introdurre di nascosto una penna vaporizzata nel tribunale. Questa settimana, fuori dall’edificio, un avvocato specializzato nel lavorare con gli investitori in criptovalute ha distribuito un biglietto da visita decorato con il titolo “Avvocato difensore DeFi”, un riferimento a un tipo sperimentale di criptovaluta noto come finanza decentralizzata. E sul banco dei testimoni, i dirigenti di FTX hanno dovuto spiegare un gergo come “FUD”, un acronimo per “paura, incertezza e dubbio” che i sostenitori delle criptovalute usano per respingere le critiche.

In aula, ho osservato da vicino lo scontro culturale mentre Caroline Ellison, una delle figure di spicco dell’impero economico di Bankman-Fried, testimoniava la settimana scorsa. Alla mia destra c’era Coffeezilla, un popolare YouTuber che realizza video sulle frodi crittografiche e che aveva viaggiato dal Texas per vedere il signor Bankman-Fried dal vivo. Dietro di lui c’era Tiffany Fong, una crypto influencer che ha stretto un’improbabile amicizia con il fondatore di FTX dopo il suo arresto.

“Sono un po’ come, ‘Non so perché sono qui'”, ha detto la signora Fong. “Non ne faccio parte, e non ha molto senso, ma sono molto coinvolto nel caso.”

Durante tutto il processo, la signora Fong ha rilasciato video su X, la piattaforma precedentemente nota come Twitter, con le sue riflessioni sul procedimento. A volte è stata raggiunta da Carly Reilly, che gestisce un podcast sui token non fungibili, gli oggetti da collezione crittografici noti come NFT. Un account anonimo che chiama se stesso Capitale dell’autismo ha anche fornito un flusso costante di analisi e speculazioni cospiratorie sul processo a X.

See also  Sensex, Nifty Tumble quasi l'1%, continua a crollare per il quinto giorno consecutivo

Gran parte delle controversie legali non sono riuscite a impressionare Taco.

Durante il controinterrogatorio della signora Ellison la scorsa settimana, Taco si è sporto da uno dei banchi per dirmi che il signor Bankman-Fried avrebbe beneficiato di un “consulente degen” – un avvocato che era immerso nel tipo di argomenti di cui i trader di criptovalute discutono tutta la notte su X.

Ma nonostante tutta la sua esperienza nel campo delle criptovalute, Taco non ha sempre avuto difficoltà a destreggiarsi tra i protocolli dei tribunali.

Si è presentato intorno alle 5 del mattino del penultimo lunedì, solo per scoprire che il tribunale era chiuso per una festività federale. A volte bisogna ricordargli di togliersi il berretto da baseball, cosa che non è consentita in aula. E durante il suo primo giorno al processo, gli è stato chiesto di andarsene dopo che le guardie lo avevano sorpreso mentre utilizzava uno smartwatch che aveva ottenuto attraverso la sicurezza. (L’elettronica è vietata in aula.)

Alla fine della testimonianza della signora Ellison, Taco aveva padroneggiato la routine e stava rispettando il severo divieto del giudice di mangiare e bere in aula. Durante una pausa, ha frugato nella tasca posteriore dei pantaloni e ha tirato fuori una lattina di Red Bull.

“Devo andare”, disse con un sorriso e uscì dalla porta.

Leave a Comment