Il Papa ha appena aperto la porta alla benedizione delle coppie dello stesso sesso. Questa suora ne ha benedetto segretamente uno più di 15 anni fa

Quando sorella Anna Koop benedisse una coppia dello stesso sesso 15 anni fa, sembrò naturale farlo. La coppia – una delle quali era amica di Koop – era molto innamorata e “Gesù non ha detto che l’amore è limitato”, ha detto Koop, ora 85enne. La suora cattolica romana sapeva che avrebbe potuto affrontare conseguenze da parte della chiesa, ma è andata avanti con la proposta. benedizione privata – non un matrimonio sacramentale, ha osservato – a prescindere. Ha semplicemente “benedetto l’amore che celebrano”.

Con quella di Papa Francesco dichiarazione all’inizio di questo mese potrebbero esserci modi per benedire le coppie dello stesso sesso, ritiene che la sua decisione di 15 anni fa sia stata affermata.

Le sue osservazioni sono state pubblicate in una lettera a luglio in risposta a cinque cardinali in pensione che pubblicavano “dubia”, o dubbi, su ciò che sarebbe accaduto al sinodo, un incontro di tre settimane che riunisce vescovi, cardinali, sacerdoti, religiosi e laici, da tutto il mondo partecipano per discutere questioni scottanti. Gli argomenti includono se i preti dovrebbero sposarsi, le donne dovrebbero poter diventare diaconi e come la chiesa gestirà le questioni LGBTQ.

Si svolge in Vaticano la XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi
Una vista generale mostra Piazza San Pietro durante la Santa Messa con il Collegio dei Cardinali per l’apertura della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi il 4 ottobre 2023 nella Città del Vaticano, Vaticano.

/ Immagini Getty


I cinque cardinali conservatori temevano che papa Francesco cambiasse la dottrina o la disciplina nella Chiesa. Papa Francesco ha rilasciato la sua risposta in modo più ampio all’inizio del sinodo in Vaticano, a Roma.

Le osservazioni del papa sono arrivate con avvertenze: le benedizioni tra persone dello stesso sesso non dovrebbero essere viste come un’elevazione delle unioni tra persone dello stesso sesso al luogo sacro del matrimonio eterosessuale, ha detto. Mentre Papa Francesco sì precedentemente approvato le unioni civili tra persone dello stesso sesso, ma le coppie omosessuali non possono sottoporsi al sacramento del matrimonio, che è riservato alle coppie eterosessuali.

Il panorama per i membri LGBTQ della chiesa cattolica è confuso, ha affermato Marianne Duddy-Burke, direttrice esecutiva di DignityUSA, un’organizzazione no-profit che difende i cattolici nella comunità LGBTQ. Ha detto a CBS News che molto dipende da dove si trova la congregazione e dall’interpretazione della dottrina cattolica da parte del vescovo.

I commenti del papa sembrano essere l’inizio di un processo, ha detto Duddy-Burke, e molti cattolici LGBTQ e i loro sostenitori sono entusiasti di ulteriori progressi. La chiesa deve attraversare un enorme cambiamento culturale per sopravvivere nel mondo moderno e “dobbiamo decidere come chiesa come andare avanti”, ha detto.

Udienza Generale di Papa Francesco - 18 ottobre 2023
Papa Francesco durante l’udienza generale in Piazza San Pietro. Città del Vaticano

Grzegorz Galazka tramite Getty Images


Alcuni preti e suore vanno avanti da soli. Il mese scorso, diversi preti cattolici in Germania hanno tenuto una cerimonia di benedizione attorno a 30 coppie dello stesso sesso, ha riferito l’Associated Press.

In America il panorama è complicato. Nel National Survey of Religious Leaders del 2023, il 40% dei preti cattolici statunitensi ha risposto “sì” alla domanda: “Celebreresti il ​​matrimonio di una coppia dello stesso sesso se il tuo gruppo religioso lo consentisse?”

E questo “suggerisce che un’ampia minoranza di preti cattolici statunitensi sostiene personalmente i matrimoni tra persone dello stesso sesso”, ha affermato Marc Chaves, professore alla Duke University specializzato in sociologia della religione.

Tuttavia, sono poche le benedizioni pubbliche delle coppie dello stesso sesso da parte di sacerdoti e operatori pastorali. Più di 200 preti e operatori pastorali sono stati contattati dal New Ways Ministry, che si occupa della comunità cattolica LGBTQ, riguardo all’esecuzione di benedizioni per persone dello stesso sesso, ma la maggior parte non ha voluto parlare pubblicamente con CBS News. Martedì il Papa ha incontrato la cofondatrice dell’organizzazione, suor Jeannine Gramnick.

screenshot-2023-10-20-alle-16-34-39-pm.png
Il Papa ha incontrato la cofondatrice del New Ways Ministry, suor Jeannine Gramnick.

Ministero dei Nuovi Modi


E mentre il papa “ha aperto la possibilità che i sacerdoti benedicano una o più persone quando richiesto” e “sacerdoti e operatori pastorali si sentiranno più a loro agio nel rispondere alle richieste”, ha detto a CBS News il vescovo John Stowe di Lexington, Kentucky, il papa “non ha in realtà non ha ancora ricevuto il permesso, ma piuttosto ne sta incoraggiando lo studio e la discussione nel sinodo che è in corso.” Allo stato attuale, i sacerdoti possono ancora essere scomunicati dalla chiesa per aver eseguito queste benedizioni – la peggiore punizione possibile – o può essere loro impedito di celebrare i sacramenti.

Il papa è stato costantemente aperto nei confronti della comunità LGBTQ per mostrare loro che “sono amati dalla chiesa e non rifiutati del tutto, ha detto Stowe”. Il papa “vuole mantenere aperte le linee di comunicazione e incoraggia la loro partecipazione alla vita della chiesa”. “, ha detto Stowe.

Alcuni vescovi conservatori non hanno sostenuto le iniziative o le posizioni del papa. In una lettera pastorale pubblicata il 26 settembre, il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, ha affermato che, sebbene “una tale benedizione non sarebbe lecita”, essa “causerebbe senza dubbio confusione” e “non si può onorare Dio che è la verità tentando di offrire benedizioni che vanno contro La sua verità.”

Koop, diventata suora alla fine degli anni ’60, ha trascorso quasi tutta la sua carriera a Denver concentrandosi sulle questioni relative agli alloggi e ai senzatetto mentre si occupava dei poveri. Lei rimane in contatto con la coppia dello stesso sesso, che sta ancora insieme e ha due figli. Koop ha detto di non aver mai subito conseguenze da parte della chiesa per le sue azioni.

11-1983;  Suor Anna Koop è tornata dalle marce per la pace europee;
Suor Anna Koop nel 1983 al ritorno dalle marce per la pace europee.

Lyn Alweis di Getty Images


Ha detto che non si pente di aver eseguito la benedizione segreta.

“L’ho fatto una volta e lo rifarei”, ha detto Koop.

.

See also  Le forze israeliane si spingono più in profondità all’interno di Gaza e prendono di mira la Cisgiordania

Leave a Comment