Gli elettori tedeschi danno una batosta ai partiti di governo nelle elezioni statali

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Gli elettori di due Länder tedeschi hanno approfittato di un paio di elezioni regionali domenica per castigare i tre partiti della coalizione del cancelliere Olaf Scholz, poiché le proiezioni mostravano un aumento del sostegno alla destra radicale.

L’opposizione di centrodestra ha vinto entrambe le elezioni, nello stato centrale dell’Assia e nella regione meridionale della Baviera, ma l’altro grande vincitore della giornata è stata l’alternativa di estrema destra per la Germania. Il suo sostegno è cresciuto nelle ultime settimane sull’onda della rabbia per l’aumento del numero dei rifugiati.

Le proiezioni delle emittenti pubbliche tedesche danno l’AfD al 15,5% in Baviera e al 16,9% in Assia: il loro miglior risultato in uno stato della Germania occidentale.

Alice Weidel, co-presidente del partito, ha affermato che sempre più elettori sono “insoddisfatti dell’approccio proibizionista di questo governo, che attua politiche contro il proprio popolo”.

“I risultati dell’AfD sono davvero allarmanti”, ha affermato Omid Nouripour, co-leader nazionale dei Verdi, “e dobbiamo fare tutto il possibile per riconquistare la fiducia della gente”.

L’esito in Assia e Baviera ha sottolineato un diffuso disincanto popolare nei confronti del governo di Scholz, un’alleanza altamente litigiosa tra socialdemocratici (SPD), verdi e liberali democratici (FDP) che non ha precedenti nella storia tedesca del dopoguerra.

La migrazione, l’inflazione, gli alti costi energetici e la persistente recessione hanno pesato pesantemente sull’umore degli elettori e li hanno rivolti contro i partiti di governo. Molta frustrazione si è sentita anche per i continui litigi e le rivalità interne tra i partner della coalizione.

See also  Electra ospiterà l'assemblea annuale degli azionisti il ​​24 ottobre

“La questione dell’immigrazione ha colpito con tutta la sua forza la campagna elettorale delle ultime due settimane”, ha affermato Bettina Stark-Watzinger, la ministra liberale dell’istruzione.

I principali partiti conservatori dell’opposizione hanno vinto entrambe le elezioni. Le proiezioni danno all’Unione cristiano-democratica di centrodestra il 35% in Assia, in crescita di 8 punti rispetto alle ultime elezioni del 2018, mentre il suo partito gemello, l’Unione cristiano-sociale, ha vinto le elezioni in Baviera con il 36,8%.

La quota di voti per tutti e tre i partiti di governo è diminuita. Ma è stata una serata particolarmente deprimente per l’SPD di Scholz, che sperava di riconquistare il potere in Assia dopo 25 anni all’opposizione, e che aveva schierato un peso massimo, il ministro degli Interni Nancy Faeser, come principale candidato.

La sua quota è scesa al 15,6%, il peggior risultato nello stato, anche se dagli anni ’50 alla fine degli anni ’90 è stata una roccaforte dell’SPD. Anche in Baviera il partito si è comportato male, vincendo solo l’8,2%.

“Si tratta di due sconfitte per l’SPD”, ha affermato Lars Klingbeil, co-leader dell’SPD.

Ai piccoli liberali democratici liberi, il terzo membro della coalizione di Scholz, è andata peggio. In Baviera hanno ottenuto solo il 2,9%, al di sotto della soglia necessaria per entrare nel parlamento regionale, e solo il 5% in Assia.

Anche la quota dei Verdi è diminuita sia in Baviera che in Assia, anche se le loro perdite non sono state così grandi come quelle di SPD e FDP.

Ma nella capitale dell’Assia, Wiesbaden, l’atmosfera nella sede della CDU era euforica. “È una giornata incredibilmente fantastica per la CDU in Assia”, ha detto il primo ministro Boris Rhein, che guida i cristiano-democratici nella regione.

See also  Fink, CEO di BlackRock: "Il mondo ha bisogno di ritrovare la sua bussola morale"

I risultati suggeriscono che gli attuali governi sia in Assia che in Baviera possono continuare nella loro forma attuale: l’Assia è guidata da una coalizione CDU-Verdi, la Baviera da un legame tra la CSU e il conservatore Freie Wähler o Elettori Liberi, che ha raccolto 14,4 voti. per cento domenica: il suo miglior risultato nello stato.

“La Baviera ha scelto la stabilità e la CSU ha chiaramente vinto queste elezioni”, ha affermato Markus Söder, primo ministro bavarese e leader della CSU.

Ma il risultato della CSU è stato il peggiore dal 1950 e rappresenta l’ultima tappa di un costante calo di popolarità per un partito che un tempo monopolizzava la politica bavarese. Quasi un terzo dei voti è andato a due partiti a destra della CSU: l’AfD e gli Elettori Liberi.

Leave a Comment