Gli Stati Uniti inviano un gruppo d’attacco di portaerei statunitensi e ulteriori sistemi di difesa aerea nel Golfo Persico

COME le tensioni aumentano in Medio Oriente in piena escalation Guerra Israele-HamasIl segretario alla Difesa Lloyd Austin ha annunciato sabato scorso che gli Stati Uniti ridistribuiranno uno dei loro gruppi d’attacco nel Golfo Persico, oltre a inviare ulteriori sistemi di difesa aerea nella regione.

Austin ha anche affermato di aver assegnato ulteriori ordini alle forze americane per “prepararsi a schierare”, ma non ha specificato quante. Austin all’inizio di questa settimana ha ordinato che 2.000 soldati fossero pronti a schierarsi in Medio Oriente.

L’ultima decisione fa seguito a “discussioni dettagliate con il presidente Biden sulle recenti escalation da parte dell’Iran e delle sue forze per procura in tutto il Medio Oriente”, ha affermato Austin in una nota.

La USS Dwight D. Eisenhower e il suo gruppo d’attacco – che lo scorso fine settimana Austin aveva annunciato sarebbe stato schierato nel Mar Mediterraneo orientale per unirsi alla USS Gerald R. Ford – si dirigeranno invece verso il Golfo Persico, ha rivelato Austin sabato.

Austin ha anche affermato di aver ordinato una batteria antimissile Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) e battaglioni del sistema di difesa missilistica Patriot anche nel Golfo Persico.

Le mosse arrivano mentre le basi militari statunitensi in Iraq e Siria hanno visto un aumento degli attacchi da parte di gruppi di milizie sciite appoggiate dall’Iran nei giorni successivi ai militanti di Hamas. invaso sud di Israele il 7 ottobre.

La USS Gerald R. Ford e il suo gruppo d’attacco furono schierati dal Mediterraneo occidentale a quello orientale due giorni dopo quell’attacco.

Prima di invertire la rotta sabato, Austin lo scorso fine settimana ha detto il gruppo d’attacco Eisenhower si unirebbe ad esso nel Mediterraneo orientale nel tentativo di “scoraggiare azioni ostili contro Israele o qualsiasi tentativo di ampliare questa guerra in seguito all’attacco di Hamas contro Israele”.

See also  Niente più petrolio, gas e carbone. Due stati-nazione si uniscono al crescente blocco di paesi che chiedono un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili

L’attacco di Hamas contro Israele ha provocato la morte di almeno 1.400 persone e il ferimento di 3.500. Più di 200 persone sono state prese in ostaggio, tra cui diversi americani, due dei quali sono stati liberati venerdì.

Il bilancio delle vittime degli attacchi aerei di ritorsione di Israele su Gaza è di almeno 4.385, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, con oltre 13.000 feriti.

Funzionari statunitensi hanno detto l’Iran fornisce sostegno e sostegno finanziario sia ad Hamas che al gruppo militante Hezbollah, che ha sede in Libano.

David Martin, S. Dev, Kathryn Watson e Khaled Wassef hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment