Gli utili di BofA superano le previsioni

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Bank of America ha registrato un aumento dei profitti del terzo trimestre poiché la seconda banca più grande del paese ha continuato a beneficiare di tassi di interesse più elevati e i suoi trader hanno ottenuto la migliore performance dell’ultimo decennio.

I profitti sono saliti del 10% a 7,8 miliardi di dollari nel trimestre rispetto a un anno fa, ha detto martedì la banca, mentre i suoi ricavi sono aumentati del 3%. Anche la riduzione dei costi ha contribuito a migliorare i risultati della banca. BofA ha eliminato più di 4.000 posizioni negli ultimi sei mesi, portando il numero totale dei suoi dipendenti a poco meno di 213.000 alla fine di settembre.

Le attività della banca a Wall Street, in particolare il reddito fisso e il trading azionario, si sono rivelate un momento positivo in un trimestre caratterizzato dalla volatilità sui mercati obbligazionari.

I ricavi delle sue attività di vendita e negoziazione sono saliti dell’8% a 4,4 miliardi di dollari, compreso un aumento del 10% nei ricavi delle sue attività azionarie, che hanno raggiunto 1,7 miliardi di dollari.

I risultati trimestrali di BofA hanno anche mostrato che la banca non ha dovuto aumentare i pagamenti tanto quanto i rivali per mantenere i depositi. Il conto di deposito fruttifero medio di BofA paga il 2,1% di interessi annuali. Questo valore è in aumento rispetto allo 0,35% di un anno fa, ma inferiore a JPMorgan al 2,53% e Citigroup al 3,4%.

Nonostante questi tassi più bassi, i depositi totali di BofA sono aumentati dell’1% nel trimestre rispetto a un anno fa. La banca ha collegato questo aumento dei depositi a nuovi conti e ha affermato di aver acquisito 200.000 clienti aggiuntivi nel trimestre.

See also  I profitti di Barclays diminuiscono mentre le negoziazioni e le trattative rallentano

BofA ha affermato che prevede di guadagnare di più se i tassi di interesse rimanessero più alti per un periodo più lungo di quanto attualmente previsto. La scorsa settimana, sia JPMorgan che Wells Fargo hanno avvertito che se i tassi di interesse fossero rimasti elevati, presto avrebbero dovuto spostare gli interessi pagati sui depositi più rapidamente rispetto all’anno scorso, erodendo il reddito da interessi.

Ciononostante, BofA non è stata in grado di sfruttare appieno i tassi di interesse elevati, così come alcuni dei suoi rivali, in gran parte a causa della decisione presa tre anni fa di pompare 625 miliardi di dollari di afflussi di depositi nei mercati del debito in epoca pandemica, in un momento in cui obbligazioni scambiate a prezzi storicamente elevati e con rendimenti bassi.

Questa decisione è stata un grattacapo per BofA, non solo a causa delle perdite non realizzate del portafoglio – che sono aumentate di nuovo in questo trimestre a 131 miliardi di dollari, rispetto ai 105 miliardi di dollari di tre mesi fa – ma perché ha impedito alla banca di reinvestire la liquidità bloccata in quei portafogli. obbligazioni in investimenti a rendimento più elevato.

Il rendimento netto degli interessi della banca, o ciò che guadagna in interessi dai suoi prestiti e investimenti e ciò che deve pagare a depositanti e mutuatari, si è ridotto al 2,6% dal massimo del 2,9% di sei mesi fa.

I risultati del terzo trimestre delle maggiori banche statunitensi si sono dimostrati più resilienti di quanto gli analisti si aspettassero, date le preoccupazioni che l’economia statunitense potrebbe trovarsi ad affrontare una flessione poiché i tassi di interesse rimangono più alti per un periodo più lungo.

See also  Corsa ai contanti d'oro in mezzo alla necessità di contanti freddi

Nel trimestre le spese dei clienti delle carte di credito di BofA sono aumentate del 3% rispetto all’anno precedente. Anche i prestiti sono aumentati, ma solo dell’1%.

Nel segno che la banca è pronta ad affrontare un po’ di stress tra i suoi clienti, BofA ha accantonato 1,2 miliardi di dollari per potenziali perdite sui prestiti, in aumento di oltre il 20% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

“La crescita dei prestiti è stata più lenta in questo trimestre”, ha detto agli analisti il ​​direttore finanziario di BofA, Alastair Borthwick, in una chiamata successiva agli utili. “Ma ad un certo punto si tornerà a un’economia più normale ed è ciò a cui stiamo assistendo nella seconda metà dell’anno”.

Sebbene BofA sia riuscita ad aumentare gli utili nel trimestre, lo ha fatto a un ritmo più lento rispetto ad alcuni rivali. Wells Fargo e JPMorgan la scorsa settimana hanno registrato rispettivamente un aumento dei profitti del 68% e del 38%. Gli utili di Citigroup, che il mese scorso ha annunciato una grande ristrutturazione nel tentativo di rimediare ad anni di scarse prestazioni, hanno registrato un aumento del 2% nei profitti del terzo trimestre.

Martedì, dopo i risultati, le azioni BofA sono aumentate di oltre il 2% nelle negoziazioni all’ora di pranzo.

Leave a Comment