Nides lascerà Wells Fargo per concentrarsi sul Medio Oriente

Thomas Nides, l’attuale vicepresidente di Wells Fargo, ha deciso di dimettersi dal suo ruolo per concentrare la sua attenzione sulla crisi in corso in Medio Oriente, ha detto venerdì la società.

Nides si è ritirato dalla carica di ambasciatore degli Stati Uniti in Israele a luglio, incarico che ricopriva dal 2021. Ha trascorso solo poche settimane nel suo attuale ruolo a Wells Fargo prima di annunciare la sua partenza.

Nidi ha sostituito William Daley a settembre, un veterano di Washington e Wall Street, che sarebbe dovuto andare in pensione alla fine dell’anno.

Daley, che era vicepresidente delle relazioni pubbliche di Wells Fargo, tornerà al suo precedente ruolo, con effetto immediato. L’istituto di credito con sede a San Francisco riprenderà la ricerca del sostituto di Daley tra poche settimane, ha affermato la società.

“Guardare gli orribili eventi accaduti in Israele e a Gaza nelle ultime settimane ha avuto un profondo effetto su di me, in modi che non avrei potuto immaginare”, ha detto Nides in una dichiarazione venerdì. “Anche se il mio mandato come Ambasciatore è terminato pochi mesi fa, ora sento l’obbligo di rivolgere nuovamente la mia attenzione alla regione e continuare a fornire tutta l’assistenza possibile, al di fuori del ruolo ufficiale del governo, per aiutare a trovare soluzioni per le persone. vivere lì.”

Ha espresso la sua intenzione di collaborare con la Federazione UJA di New York e le organizzazioni del Medio Oriente per “portare immediatamente tutta la competenza possibile”. Nides ha ringraziato il CEO di Wells Fargo Charlie Scharf e il suo team per aver sostenuto la sua decisione e ha augurato loro un futuro successo.

See also  Perché le spese sono una pericolosa forma di frode

Daley è entrato a far parte di Wells Fargo nel 2019 da BNY Mellon per guidare la divisione affari pubblici appena creata sotto Scharf, un altro trapianto di BNY Mellon. Come parte del gruppo, Daley ha supervisionato le relazioni governative, le comunicazioni aziendali, il marchio aziendale e le relazioni con la comunità.

Ha lavorato come segretario al commercio sotto il presidente Bill Clinton e capo dello staff della Casa Bianca sotto il presidente Barack Obama.

La nomina di Nides è arrivata in un momento cruciale poiché Wells ha continuato a occuparsi di numerose questioni normative e ha rappresentato un’assunzione significativa per Scharf, quattro anni nel suo mandato come CEO.

“Sono entusiasta di unirmi a Wells Fargo in questo momento cruciale nel percorso di trasformazione dell’azienda”, ha affermato Nides in una nota il mese scorso.

Nides ha riferito direttamente a Scharf e si è unito al comitato operativo dell’istituto di credito. Il suo ruolo era quello di consigliare il senior management dell’azienda su questioni bancarie e gestionali e lavorare con la leadership su come espandere le relazioni con i clienti, ha affermato all’epoca la società.

Ha servito come capo dello staff del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ed è stato consigliere senior dell’allora presidente della Camera Tom Foley e del capogruppo della maggioranza alla Camera Tony Coelho, ha osservato il suo profilo governativo.

Nides è stato direttore amministrativo di Credit Suisse per tre anni prima di unirsi a Morgan Stanley nel 2005 come direttore operativo.

Nel 2011, l’amministrazione Obama ha nominato Nides vice segretario di Stato per la gestione e le risorse. Successivamente è tornato alla Morgan Stanley come vicepresidente prima di essere nominato dal presidente Biden ambasciatore degli Stati Uniti in Israele nel 2021.

See also  Cosa rende una neobanca? Un primer può spiegare.

“Sono totalmente a favore della decisione di Tom. È arrivato a Wells Fargo come dipendente pubblico devoto e vuole dedicare completamente il suo tempo e le sue energie a questioni globali urgenti in un momento di grave necessità”. Scharf ha detto in una nota. “Siamo fortunati a conoscere Tom e lo ringraziamo tutti per la sua dedizione e disponibilità nel contribuire a trovare soluzioni a uno dei problemi più complicati del mondo di oggi”.

Leave a Comment