HSBC teme una possibile crisi alimentare in Asia

Il riso ha raggiunto il prezzo più alto dal 2008 e diversi paesi asiatici hanno iniziato a imporre restrizioni alle esportazioni.

Il riso è un alimento vitale per la popolazione mondiale. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), quasi il 20% delle calorie consumate in mezzo mondo provengono dai cereali.

ANNUNCIO

Queste cifre diventano più rilevanti in Asia, poiché il continente consuma circa l’85% della produzione totale di riso, ha affermato la FAO.

Non c’è da stupirsi quindi che l’aumento del prezzo del riso, il più alto dal 2008, abbia fatto scattare campanelli d’allarme in tutto il mondo, al punto che gli esperti temono una possibile crisi alimentare in Asia.

Nello specifico, secondo un rapporto degli economisti della banca britannica HSBC, i prezzi all’esportazione del riso in Thailandia sono aumentati di quasi il 50% su base annua. Attualmente ammontano a più di 600 dollari (562 euro) per tonnellata, prendendo come riferimento il prezzo della Tailandia.

Il rapporto avverte che la situazione potrebbe avere ripercussioni molto maggiori per il resto del mondo, poiché la percentuale di consumo di riso è raddoppiata negli ultimi 25 anni.

Perché il prezzo del riso aumenta nel mondo?

HSBC attribuisce parte dell’aumento dei prezzi alle precipitazioni irregolari e alla siccità, che ostacolano i processi produttivi in ​​termini di raccolti, approvvigionamento e costi.

Si tratta di un altro duro colpo per l’Asia, responsabile del 90% della produzione mondiale di riso, secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

L’impatto del fenomeno meteorologico El Niño ha gravemente colpito la produzione in India e Pakistan. Nel 2022, le piogge monsoniche inferiori alla media hanno ridotto la produzione complessiva in India e le inondazioni devastanti hanno ridotto la produzione annuale del Pakistan del 31%.

See also  I Career Coach valutano il burnout, l'età e altri complicati dilemmi sul posto di lavoro: NPR

La guerra della Russia in Ucraina è un altro fattore aggravante. A causa del conflitto, secondo i dati della Banca Mondiale, lo scorso anno i prezzi dei fertilizzanti, dell’energia e dei carburanti hanno raggiunto livelli record.

Ciò, unito all’interruzione della catena di approvvigionamento, ha fatto aumentare i costi di produzione e ridotto i margini dei produttori.

Cosa stanno facendo i maggiori produttori di riso al mondo?

L’India, il più grande esportatore di riso al mondo (con il 40% del totale), ha vietato le esportazioni di riso bianco non basmati a luglio.

Il governo ha spiegato che lo scopo di questa misura è “garantire un’adeguata disponibilità di riso bianco non basmati sul mercato indiano e mitigare gli aumenti dei prezzi sul mercato interno”.

ANNUNCIO

Nonostante ciò, ci sono alcune eccezioni.

La Direzione generale del commercio estero dell’India ha chiarito che l’esportazione di riso bianco non basmati verso i paesi che devono “soddisfare le loro esigenze di sicurezza alimentare” continuerà.

La Tailandia, come il Vietnam, ha deciso di aumentare il prezzo delle sue esportazioni per migliorare i redditi degli agricoltori.

Il portavoce del governo tailandese Thanakorn Wangboonkongchana ha affermato che l’obiettivo è “aumentare il potere contrattuale nel mercato globale”.

Nelle Filippine, il governo ha imposto un tetto al prezzo del riso nel paese, un limite che rimarrà in vigore a tempo indeterminato, secondo le autorità.

ANNUNCIO

Le Filippine sono una delle nazioni più dipendenti dalle importazioni di riso, a causa della carenza di terreni coltivabili e delle inefficienze nelle catene di approvvigionamento.

Timori di un’altra crisi del riso come quella del 2008

L’attuale crisi dei prezzi del riso ha fatto rivivere i ricordi della crisi del 2008.

See also  Legged chiude un'offerta di collocamento privato da $ 741.605

Secondo uno studio dell’OCSE, tra gennaio e maggio 2008, il prezzo di una tonnellata di riso è aumentato da 300 a 1.200 dollari (un aumento del 300%).

“Il ricordo dello shock dei prezzi alimentari in Asia nel 2008 è ancora molto presente in noi”, ha affermato HSBC. “Allora, l’aumento dei prezzi del riso in alcune economie si diffuse rapidamente ad altri mercati mentre i consumatori e i governi di tutta la regione lottavano per garantire le forniture. Ciò spinse anche verso l’alto i prezzi di altri prodotti di base, come il grano, poiché gli acquirenti optarono per alternative”.

La crisi del prezzo del riso ha avuto gravi conseguenze in tutto il mondo, con paesi come Haiti, Egitto e Camerun tra quelli che hanno vissuto diverse proteste contro l’insicurezza alimentare.

ANNUNCIO

Ma allo stato attuale, i primi a subirne le conseguenze sarebbero i paesi asiatici come Hong Kong e Singapore, che importano tutto il loro riso.

Leave a Comment